Ferrari boccia il congelamento dei motori voluto da Red Bull

A Milton Keynes vogliono bloccare lo sviluppo delle power unit dal 2022 al 2025. Horner e Marko intendono rilevare il materiale della Honda per proseguire in proprio dopo il ritiro dei giapponesi. I "bibitari" inseguono la parificazione delle prestazioni azzerando la ricerca. La Ferrari, invece, vuole che i motori della F1 restino un componente prestazionale che punta sull'innovazione da trasferire sull'automotive, richiamando così nuovi Costruttori.

Ferrari boccia il congelamento dei motori voluto da Red Bull

La Ferrari non ci sta. A Maranello non sono intenzionati a seguire l’asse che si sta saldando fra Red Bull e Mercedes. La squadra di Milton Keynes sta cercando di forzare le regole per fissare il congelamento delle power unit dal 2022 al 2025.

I “bibitari” stanno inseguendo l’opportunità di rilevare il materiale tecnico della Honda per proseguire nei prossimi anni con il motore giapponese, ma nella consapevolezza che è necessario fermare lo sviluppo per non rischiare di restare indietro rispetto alle evoluzioni degli altri Costruttori.

Christian Horner e Helmut Marko avrebbero cercato anche la sponda della Mercedes: a Toto Wolff non sembrerà vero poter fermare lo sviluppo dei motori, potendo contare su una supremazia indiscutibile in materia di power unit. Per la Stella significherebbe un grande risparmio, senza intaccare la leadership che ha riconquistato in maniera piuttosto perentoria quest’anno.

Nell’era del COVID-19 la Ferrari ha sempre avuto un atteggiamento molto responsabile, accettando vincoli stringenti alle regole che hanno blindato la ricerca e l’evoluzione delle monoposto 2020-2021 per limitare i costi e salvare delle squadre che erano andate in sofferenza economica con il lockdown.

Nella Scuderia non vogliono andare oltre i provvedimenti che già sono in vigore per evitare di snaturare il DNA della Formula 1: i vertici della Red Bull invocano il livellamento delle prestazioni delle power unit, ma vorrebbe dire spendere cifre esorbitanti per non avere alcun vantaggio prestazionale.

Tanto varrebbe, allora, arrivare al motore unico, ma il mondo dei GP non è l’espressione di un monomarca, tanto più che non ci sarebbero validi argomenti per convincere altri Costruttori a entrare nel Circus.

Anzi l’annuncio shock del ritiro Honda ha messo la F1 in una luce negativa, ma bisogna sottolineare che si basa su una bugia: la Casa giapponese vuole diventare carbon free nel 2050, quando la F1 quel traguardo se lo sarebbe dato per il 2030.

Ferma restando la libertà di ciascuno di definire le propria strategia industriale in casa propria, non è accettabile che si raccontino delle balle spaziali per giustificare la mancanza di risultati e, soprattutto, la voragine nei bilanci del marchio per effetto della pandemia.

Il danno generato alla F1 è pesante e proprio per questo non si può snaturare a diventare una Formula Indy europea, nonostante i tentativi della Red Bull. Marko e Horner minacciano l’uscita dal Circus se Liberty Media non agirà per il bilanciamento delle prestazioni dei motori.

La Ferrari, invece, non solo per l’esigenza di recuperare il gap dalla Mercedes, pretende che l’innovazione sia uno dei temi da introdurre nei propulsori del futuro e la F1 non si può permettere di aspettare il 2026 per cambiare le regole. È necessario trovare delle chiavi di ricerca che portino una ricaduta sul prodotto di serie, affinché i costi di ricerca non siano finalizzati solo a vincere i GP, ma contribuiscano alla corsa del carbon free dell’automotive con soluzioni sperimentali.

E allora la squadra del Cavallino si pone in una posizione alternativa a quella Red Bull: a Maranello piacerebbe anticipare al 2023 l’introduzione di propulsori che utilizzano carburanti sostenibili.

Si parla di benzine di sintesi non derivate dal petrolio o di bio-carburanti. Si tratta di due temi di sviluppo interessanti, ma con approcci e soluzioni totalmente diverse e con implicazioni sui motori importanti. Non solo, ma si dovrà definire su quali power unit si dovrà puntare in futuro, magari valorizzando di più la parte elettrica e un po’ meno quella endotermica, cercando di ridurre i costi.

È possibile che a Portimao ci sia una meeting per discutere questo tema spinoso nel quale la F1 si giocherà un pezzetto di futuro: anche se non sarò ancora operativo, sarà meglio che del processo di cambiamento faccia parte Stefano Domenicali, presidente e CEO di Formula 1, che entrerà in carica solo dal 2021.

Pare evidente che le posizioni di Ferrari e Red Bull non sono conciliabili: se la filosofia del Cavallino dovesse passare, a Milton Keynes dovranno rinunciare a proseguire con i motori Honda, ritornando a collaborare con la Renault o riaprendo dei contatti proprio con la Ferrari, visto che la Mercedes ha giù ufficializzato il suo no e i “bibitari” vogliono una doppia fornitura per Red Bull e AlphaTauri.

condivisioni
commenti
Ghini: "Hulkenberg? Sarebbe il Bottas della Red Bull"

Articolo precedente

Ghini: "Hulkenberg? Sarebbe il Bottas della Red Bull"

Prossimo Articolo

F1: Bottas, rally nel cuore. Si allena con una Citroen C3 R5

F1: Bottas, rally nel cuore. Si allena con una Citroen C3 R5
Carica commenti
Ecco come la pandemia tormenta ancora la Formula 1 Prime

Ecco come la pandemia tormenta ancora la Formula 1

L'incertezza che ancora regna sul calendario di F1 non è un problema soltanto per team, piloti, addetti ai lavori e fan. Mark Gallagher spiega le difficoltà finanziarie che stanno attraversando anche i promoter del gran premi.

Formula 1
3 ott 2021
Perez: l'anno della verità in Red Bull sarà il 2022 Prime

Perez: l'anno della verità in Red Bull sarà il 2022

Il messicano ha sofferto particolarmente in questi ultimi appuntamenti, complici episodi sfortunati ed una vettura creata sulle esigenze di Verstappen. Il 2022, con auto ad effetto suolo, potrà essere l'occasione del riscatto.

Formula 1
2 ott 2021
Formula 1: ecco perché ha senso continuare con i V6 turbo Prime

Formula 1: ecco perché ha senso continuare con i V6 turbo

Le power unit V6 da 1.6 litri di cubatura hanno fatto il loro esordio nel 2014, in Formula 1. A fronte dell'imminente - ed immane - cambio regolamentare previsto per il 2022, cerchiamo di spiegare perché abbia senso continuare ancora con questo tipo di unità propulsive

Formula 1
2 ott 2021
Lotus: le alterne fortune tra gli anni 90 e i 2000 Prime

Lotus: le alterne fortune tra gli anni 90 e i 2000

Nei primi anni 90 la Lotus è stata una lontana parente del team vincente del passato ed i numerosi tentativi di riportare in auge il marchio negli anni seguenti si sono sempre rivelati un buco nell'acqua.

Formula 1
1 ott 2021
Tsunoda: "Consigli al giovane Yuki? Di essere più concentrato" Prime

Tsunoda: "Consigli al giovane Yuki? Di essere più concentrato"

Abbiamo intervistato Yuki Tsunoda, pilota AlphaTauri. La stagione d'esordio in Formula 1, per il giapponese, è iniziata sugli scudi dopo una prestazione importante in quel del Bahrain, per poi andar via via in calando. Ecco cosa ci ha rivelato direttamente Yuki e, soprattutto, quali consigli darebbe a sé stesso più giovane per avere un approccio migliore al mondo delle corse.

Formula 1
1 ott 2021
GP Russia: la centesima vittoria di Hamilton in questa photostory Prime

GP Russia: la centesima vittoria di Hamilton in questa photostory

Lewis Hamilton ha conquistato la centesima vittoria in carriera in un Gran Premio di Russia che definire "emozionante" è riduttivo. Andiamo a ripercorrere i momenti salienti del fine settimana

Formula 1
30 set 2021
Mercedes: ecco perché la partita mondiale si gioca sul motore Prime

Mercedes: ecco perché la partita mondiale si gioca sul motore

La squadra campione ha sbagliato i tempi per fermare troppo presto lo sviluppo della W12 e per dedicare a tempo pieno staff tecnico e risorse alla monoposto 2022, mentre in Rud Bull hanno continuato a progredire con la RB16B. Per contrastare l'ascesa di Verstappen, la Stella ha dovuto cominciare a spremere la power unit, mettendo a rischio la proverbiale affidabilità in una sfida che non è solo fra i due campioni, ma anche tecnica.

Formula 1
29 set 2021
Norris: l'errore fatale è presunzione o inesperienza? Prime

Norris: l'errore fatale è presunzione o inesperienza?

Lando Norris è protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. L'inglese è il vero sconfitto del Gran Premio di Russia di Formula 1: dopo aver condotto buona parte della gara, il pilota McLaren sbaglia a proseguire con gomma slick mentre la pista andava asciugandosi. La troppa voglia di fare bene, spesso, è cattiva consigliera

Formula 1
28 set 2021