F1: ecco quanto hanno guadagnato i piloti nel 2020

Gli ingaggi dei venti piloti sommano una cifra di 163,5 milioni di dollari: 47 se li prende Lewis Hamilton indiscutibilmente il più pagato nel paddock seguito da Sebastian Vettel e Daniel Ricciardo. Chi guadagna di meno è Antonio Giovinazzi che dall'Alfa Romeo percepisce solo mezzo milione di dollari. Andiamo a vedere quanto percepiscono i singoli conduttori del Circus.

F1: ecco quanto hanno guadagnato i piloti nel 2020

Come ormai da tradizione Business Book GP ha pubblicato la classifica degli ingaggi dei piloti di Formula 1, con riferimento alla stagione 2020. Una graduatoria che suscita spesso molta curiosità e non poche discussioni, come accade ogni volta che nel paddock si ha a che fare con una classifica.

Uno dei pochi dati che non è oggetto di confronti è la leadership di Lewis Hamilton, come accade ormai da anni. Nessuno contesta la prima posizioni del sette volte campione del mondo, ed i suoi 47 milioni di euro di ingaggio sono ritenuti comunque ben spesi.

Attesa la seconda posizione di Sebastian Vettel, così come la terza di Daniel Ricciardo, ma entrambi hanno già messo in conto un forte ridimensionamento del loro ingaggio in vista della stagione 2021.

Nella classifica di questa stagione ci sono due aspetti da considerare, ovvero l’esclusione dalle cifre dei bonus premi (importanti soprattutto per i piloti con gli ingaggi più bassi) e la disponibilità confermata da alcuni piloti a ridursi una parte dell’ingaggio previsto dal contratto (ovvero quello della classifica) dopo l’emergenza Covid.

Ci sono invece pareri discordanti sul salario di Max Verstappen. Quanto riportato da Business Book GP è probabilmente in linea con quanto percepito dall’olandese lo scorso anno, ma nel paddock c’è chi sostiene che il salario di Verstappen definito nell’ultimo contratto (scadenza fine 2022) siano inclusi consistenti incrementi annuali che porterebbero Max molto vicino a quanto è percepito da Vettel.

In ascesa, come facilmente prevedibile, il salario di Charles Leclerc, che, come nel caso di Bottas, godrà di una notevole crescita nel 2021. Le cifre della classifica scendono drasticamente dopo la top-10, ma i nomi sono per lo più quelli di piloti giovanissimi arrivati da poco in Formula 1.

Bisogna però considerare che questi contratti prevedono dei cospicui bonus legati ad ogni punti conquistati nella classifica Mondiale, e in certi casi (che è facile prevedere per Pierre Gasly) possono portare anche al raddoppio del salario base.

Piloti F1: la tabella degli ingaggi 2020

Pilota Vettura Dollari
Lewis Hamilton Mercedes 47 milioni
Sebastian Vettel Ferrari 35 milioni
Daniel Ricciardo Renault 20 milioni
Max Verstappen Red Bull Racing 16 milioni
Valtteri Bottas Mercedes 9 milioni
Charles Leclerc Ferrari 9 milioni
Kimi Raikkonen Alfa Romeo 6 milioni
Carlos Sainz McLaren 4,5 milioni
Sergio Perez Racing Point 4 milioni
Esteban Ocon Renault 4 milioni
Romain Grosjean Haas 2 milioni
Kevin Magnussen Haas 2 milioni
Alex Albon Red Bull Racing 2 milioni
Lando Norris McLaren 1,5 milioni
Lance Stroll Racing Point 1,5 milioni
Pierre Gasly AlphaTauri 1 milione
Daniil Kvyat AlphaTauri 750.000
George Russell Williams 750.000
Nicholas Latifi Williams 750.000
Antonio Giovinazzi Alfa Romeo 500.000
condivisioni
commenti
Vettel e Leclerc sperano di confermare i progressi in Bahrain

Articolo precedente

Vettel e Leclerc sperano di confermare i progressi in Bahrain

Prossimo Articolo

Alfa Romeo: Kubica in FP1 con la C39 di Raikkonen in Bahrain

Alfa Romeo: Kubica in FP1 con la C39 di Raikkonen in Bahrain
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021