Formula 1
07 ago
Prossimo evento tra
22 Ore
:
02 Minuti
:
47 Secondi
G
GP del Messico
30 ott
Canceled
G
GP del Brasile
13 nov
Canceled
G
GP da Abu Dhabi
27 nov
FP1 in
113 giorni

F1: come sarebbe l'ipotetica griglia invertita del GP di Stiria

condivisioni
commenti
Di:
Co-autore: Giacomo Rauli
9 lug 2020, 09:48

La F1 ha parlato per settimane di introdurre la griglia invertita in qualche evento 2020. La proposta non è stata accettata, ma noi abbiamo provato a immaginare come sarebbe stata quella della Qualifying Race del GP di Stiria.

Per alcune settimane la Formula 1 ha pensato di provare a introdurre la griglia invertita per evitare di ripetere lo stesso spettacolo sui circuiti in cui, nell'arco di questa stagione, si correrà più volte.

Capiterà proprio in questo weekend, con il secondo GP di F1 previsto sul tracciato del Red Bull Ring, il GP di Stiria. La proposta della griglia invertita non è stata accettata, dunque si tratta di un mero esercizio di stile, un "what if" interessante che mostra come avrebbe dovuto essere la griglia del GP di Stiria qualora fosse stata introdotta questa novità.

Sebbene il GP d'Austria si sia rivelato un evento a dir poco sorprendente dal punto di vista dei colpi di scena, non è detto che l'adozione della griglia invertita per la Qualifying Race non ne potesse regalare di ulteriori.

Proviamo a immaginare cosa sarebbe potuto accadere. A beneficiarne, senza dubbio, sarebbe stato Max Verstappen. Con il ritiro avvenuto dopo qualche giro di gara allo Spielberg, l'olandese sarebbe stato il pole position accanto a Daniel Ricciardo.

In generale, per la Red Bull sarebbe stato un evento favorevole tenendo conto dell'ottava piazza da cui sarebbe partito Alexander Albon in seguito all'incidente di cui è stato protagonista a pochi giri dalla fine in seguito al contatto innescato (e poi punito dalla Direzione Gara) da Lewis Hamilton.

Chi invece sarebbe andato incontro a un fine settimana meno facile è Mercedes. Valtteri Bottas, vincitore del GP d'Austria, sarebbe stato costretto a partire dall'ultima posizione, con accanto la Ferrari di Charles Leclerc, mentre Hamilton lo avremmo visto scattare dalla 17esima posizione.

In queste condizioni, Verstappen avrebbe avuto vita facile nella vittoria della Qualifying Race (problemi d'affidabilità permettendo). Sarebbe stata una grande chance anche per Daniel Ricciardo, con una Renault decisamente più competitiva rispetto al recente passato, anche se non ancora solida come invece avrebbe desiderato il team di Enstone.

Scendendo in classifica troviamo un'interessante 11esima posizione per Sebastian Vettel. Il pilota della Ferrari si sarebbe trovato in una posizione congeniale per risalire la china, anche se i fattori da considerare per ciò che riguarda la Ferrari sono molteplici. Primo tra tutti: le difficoltà nelle velocità di punta mostrate dalle SF1000, che hanno reso complicata la vita ai due piloti della Rossa nell'effettuare sorpassi.

Secondo punto, ma non meno importante, l'arrivo di novità da Maranello per la monoposto che più ha deluso dal punto di vista delle prestazioni nel primo gran premio della stagione 2020. Buona anche la posizione di partenza di Antonio Giovinazzi, 12esimo accanto a Vettel. L'italiano ha mostrato di avere un buon passo nella seconda parte di gara, quando i serbatoi delle monoposto si sono alleggeriti considerevolmente.

Ecco come sarebbe stata la griglia di partenza invertita.

Theoretical reverse grid for the Styrian Grand Prix

Theoretical reverse grid for the Styrian Grand Prix

Photo by: Camille De Bastiani

Haas: la questione dei freni diventa un tema... caldo

Articolo precedente

Haas: la questione dei freni diventa un tema... caldo

Prossimo Articolo

Ferrari FDA e Escuderia Telmex, caccia ai talenti del Sud America

Ferrari FDA e Escuderia Telmex, caccia ai talenti del Sud America
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Stiria
Autore Jonathan Noble