F1: due sostituti sulla Medical Car in Turchia, i titolari hanno il COVID

La Formula 1 avrà un equipaggio sostitutivo sulla Medical Car in occasione del Gran Premio di Turchia di questo fine settimana, dopo che i titolari sono risultati positivi al COVID-19.

F1: due sostituti sulla Medical Car in Turchia, i titolari hanno il COVID

Il pilota della vettura medica Alan van der Merwe ed il dottor Ian Roberts lavorano insieme ormai da molti anni, ma sono diventati famosi soprattutto per il ruolo chiave che hanno avuto nel salvataggio di Romain Grosjean nel Gran Premio del Bahrain, favorendo la fuga del pilota francese dal rogo della sua Haas.

Entrambi però sono risultati positivi al test COVID-19 a cui sono stati sottoposti prima della partenza per Istanbul, con la FIA che ha confermato che quindi non potranno svolgere regolarmente le loro mansioni questo fine settimana.

"Entrambi sono risultati positivi al COVID-19 prima della partenza e sono quindi in auto isolamento e non parteciperanno al Gran Premio di Turchia", ha detto un portavoce della Federazione.

"In questo evento saranno sostituiti rispettivamente dal pilota della Safety Car della Formula E, Bruno Correia, e dal delegato medico, il dottor Bruno Francheschini".

Se van der Merwe e Roberts dovessero recuperare rapidamente, potrebbe tornare in azione nel prossimo appuntamento, previsto ad Austin, in Texas, alla fine del mese.

Alan van der Merwe, Medical Car Driver, FIA, and Dr Ian Roberts, talk to the press

Alan van der Merwe, Medical Car Driver, FIA, and Dr Ian Roberts, talk to the press

Photo by: Charles Coates / Motorsport Images

La F1 ha intrapreso un massiccio programma di test COVID-19 come parte dei protocolli che ha introdotto prima della stagione 2020: tutto il personale che desidera partecipare alle gare deve effettuare un test prima di partire, poi sottoporsi ad ulteriori valutazioni nel corso del weekend per garantire che non possa trasmettere il virus se lo avesse contratto.

La F1 è riuscita per il momento a contenere qualsiasi focolaio all'interno del paddock, con un'azione rapida che assicura che se qualcuno risulta positivo, tutti i suoi contatti più stretti vengono messi immediatamente in auto isolamento.

Van der Merwe è stato campione di brittanico di Formula 3, ma anche test driver per la BAR in Formula 1. Dopo aver corso in A1 Gran Prix e con i prototipi, è successivamente diventato il pilota ufficiale della Medical Car nel 2009.

Roberts invece ha assunto il ruolo di coordinatore del soccorso medico in Formula 1 nel 2013. In precedenza era stato il responsabile medico del circuito di Silverstone, quindi aveva già avuto modo di lavorare in Formula 1 molte volte anche in passato, in occasione del Gran Premio di Gran Bretagna.

Leggi anche:

condivisioni
commenti
Caso ventolini F1: le squadre contestano le carenature dei cerchi

Articolo precedente

Caso ventolini F1: le squadre contestano le carenature dei cerchi

Prossimo Articolo

Alonso: "In F1 ci sono regole diverse a seconda delle persone"

Alonso: "In F1 ci sono regole diverse a seconda delle persone"
Carica commenti
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021