F1: doppia gara ad Austin per tappare il buco di Singapore?

Il circuito texano ha già dato la propria disponibilità ad ospitare due GP consecutivi. Soluzione che appare probabile anche perché, oltre alla già avvenuta cancellazione di Singapore, sono a rischio anche Messico e Brasile. Se dovesse saltare anche il Giappone, si correrebbe ai ripari con una gara europea e si potrebbe chiudere la stagione con 21 GP.

F1: doppia gara ad Austin per tappare il buco di Singapore?

Il calendario della stagione 2021 di Formula 1 non dovrebbe subire sorprese fino al Gran Premio di Russia, in programma il 16 settembre. Dopo Sochi era originariamente prevista la tappa di Singapore, ma la cancellazione della gara (prevista il 3 ottobre) secondo alcuni addetti ai lavori ha messo a rischio anche la successiva trasferta a Suzuka (10 ottobre). Molto dipenderà dalla situazione in cui si troverà il Giappone il prossimo autunno, ma intanto Liberty Media lavora a pieno ritmo per non farsi trovare impreparata.

Per sostituire la tappa di Singapore si sta valutando la possibilità di disputare una doppia gara ad Austin, presente in calendario il 24 ottobre per il tradizionale Gran Premio degli Stati Uniti. Non è ancora chiaro se la seconda corsa è stata pensata per il weekend precedente o quello successivo, poiché il 31 ottobre è attualmente in calendario il Gran Premio del Messico, seguito a sua volta il 7 novembre da quello del Brasile. L’impressione è che i due eventi post-Austin non siano per nulla solidi, al punto da valutare una doppia gara negli Stati Uniti per non limitare la trasferta oltreoceano ad un solo evento.

“Una doppia gara sulla nostra pista è una possibilità – ha confermato a ESPN Bobby Epstein, responsabile del Circuit of the Americas – ma non abbiamo ancora firmato alcun accordo in merito. Posso però dire che da parte nostra c’è la massima disponibilità, siamo un circuito permanente e non abbiamo problemi ad ospitare più gare”.

Lo scenario attuale vede il Mondiale 2021 avviato verso ventuno Gran Premi, anche qualora dovessero dare forfait Giappone, Messico, Brasile e Australia. Se salterà la trasferta di Suzuka è probabile che Liberty Media cercherà una sede europea per coprire la data del 10 ottobre (con Istanbul sempre in cima alla lista) per poi puntare sugli Usa per il doppio appuntamento di Austin e far successivamente rotta in Medio Oriente per il sempre più certo GP di Sakhir (data possibile 21 novembre). Il finale, come prevede il calendario, sarà il back-to-back Arabia Saudita e Abu Dhabi, rispettivamente il programma il 5 e 12 dicembre.

condivisioni
commenti
F1: dopo le ali flessibili, "scoppia" il caso delle pressioni delle gomme
Articolo precedente

F1: dopo le ali flessibili, "scoppia" il caso delle pressioni delle gomme

Prossimo Articolo

F1 Stories: Ferrari e Francia, un fil rouge leggendario

F1 Stories: Ferrari e Francia, un fil rouge leggendario
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura” Prime

Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura”

Insieme a Franco Nugnes ed al dottor Riccardo Ceccarelli andiamo ad analizzare quanto successo in occasione dell'ultimo GP di Formula 1 a Jeddah, dove i piloti si sono dimostrati più forti della paura

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Formula 1
7 dic 2021
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021