F1: dopo il Mugello sperano Portimao e Hockenheim

Liberty sta valutando un piano B per il calendario di F1: è possibile che si prolunghi la stagione europea con Mugello dopo Monza. Prendono quota Portimao e Hockenheim come sedi di doppi GP prima del finale in Medio Oriente.

F1: dopo il Mugello sperano Portimao e Hockenheim

Secondo le informazioni raccolte da Motorsport.com, Liberty starebbe valutando un piano ‘B’ per permettere al Mondiale 2020 di arrivare a quota 16/17 Gran Premi anche nel caso in cui giungessero notizie poco rassicuranti da nazioni che sono ancora in fase d’emergenza Covid.

Al momento la FIA ha annunciato date e circuiti delle prime otto tappe del calendario 2020, con inizio a Spielberg (5 luglio) fino al Gran Premio d’Italia, in programma a Monza il 6 settembre. Tutto fa pensare che la trasferta italiana proseguirà il 13 settembre sul circuito del Mugello, ma la stagione europea potrebbe proseguire anche dopo la tappa toscana.

La trasferta di Sochi è ancora un punto interrogativo, così come il ‘tris’ di gare sul continente americano Austin-Città del Messico-San Paolo.

In particolar modo Stati Uniti e Brasile sono ancora nel pieno della pandemia, ed anche se mancano quattro mesi alla trasferta oltreoceano, la Formula 1 ha bisogno di garanzie con largo anticipo per poter pianificare la seconda parte di stagione.

Liberty tiene molto alla tappa di Austin e si vorrebbe aggiungere un secondo GP da scegliere tra Messico, Brasile o Canada, con Montreal che ha comunicato di poter ospitale la gara l’11 ottobre.

Ma se non arriveranno rassicurazioni in tempi abbastanza brevi si passerà al piano ‘B’, che vedrebbe la Formula 1 proseguire il suo cammino stagionale in Europa in modo più corposo, con due sedi che ospiterebbero una doppia gara. Le piste che da tempo sono in trattative con Liberty sono Portimao e Hockenheim.

La pista portoghese potrebbe essere la prima destinazione dopo la gara del Mugello, con una doppia gara il 27 settembre ed il 4 ottobre, per poi puntare su Hockenheim per un ulteriore tappa di due settimane con gara-1 il 18 ottobre, e la seconda il 25.

Se prendesse forma questo scenario la Formula 1 arriverebbe a quota tredici Gran Premio nel suo tour europeo, e a quel punto potrebbe puntare alla chiusura in Medio Oriente come programmato da tempo.

Bahrain ha già comunicato la disponibilità ad organizzare una doppia gara (con due layout differenti del circuito di Al Sakhir), e si arriverebbe a quota 15 Gran Premi con due corse l’8 ed il 15 novembre. A seguire una settimana di pausa, e poi chiusura ad Abu Dhabi, con la scelta tra gara singola o doppia, il 29 novembre ed eventualmente il 6 dicembre.

condivisioni
commenti
AlphaTauri a Imola con due monoposto per Gasly e Kvyat
Articolo precedente

AlphaTauri a Imola con due monoposto per Gasly e Kvyat

Prossimo Articolo

Mercedes vicina ad avere ROKiT come nuovo sponsor!

Mercedes vicina ad avere ROKiT come nuovo sponsor!
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021