Domenicali: "In Qatar vedremo un GP imprevedibile"

Il presidente e CEO di F1 ha voluto elogiare il governo del Qatar che si è messo a disposizione per organizzare un GP a fine stagione."Mi aspetto una gara bellissima, perché a Losail si correrà di notte e si tratta di una pista che conosce la MotoGP ma non F1 e dove non è mai stato svolto un test di gomme. Insomma sarà interessante come i team e i piloti si adatteranno a questo tracciato".

Domenicali: "In Qatar vedremo un GP imprevedibile"

Dopo l’ufficializzazione del GP del Qatar di Formula 1che si disputerà a Losail il 21 novembre, Stefano Domenicali, presidente e CEO di F1, ci ha tenuto a sottolineare la soddisfazione per aver chiuso una trattativa che era iniziata ad aprile con l’intento di sostituire una gara cancellata del calendario 2021 e si è chiusa con la firma di un contratto decennale valido dal 2023 al 2032.

Il Circus non sarà a Losail solo l’anno prossimo quando il Qatar ospiterà i mondiali di calcio, che diventeranno un buon trampolino per lanciare il successivo GP di F1.
"La F1 è in un grande momento - ha detto Domenicali -. Sappiamo di avere un grande campionato capace di attrarre una grande attenzione mondiale, ma devo ricordare che stiamo ancora vivendo una situazione condizionata dal COVID che ci ha costretto a essere sempre flessibili e a trovare rapidamente delle soluzioni nel calendario”.

“E quest'anno abbiamo apprezzato molto la disponibilità della federazione del Qatar ad organizzare un Gran Premio, mentre un’altra sede ha dovuto annullare la gara. È subito emersa la volontà qatariota di voler far parte della famiglia della F1. È stato naturale, quindi, parlare di futuro costruendo una partnership di lunga durata”.

Losail è una pista nota perché dal 2004 ospita le gare della MotoGP…
“Sono sicuro che quando i team e i piloti verranno qui a Losail, la F1 vivrà un altro appuntamento fantastico in una stagione che è già incredibile".

Michael Masi, direttore di gara FIA, ha già effettuato un’ispezione sulla pista e in vista del GP di F1 ha chiesto solo alcuni accorgimenti che riguardano l’ingresso alla corsia dei box, alcune protezioni e cordoli.
“La struttura è quasi pronta, manca solo qualche aggiustamento. La gara si disputerà in notturna e sono certo che sarà una corsa imprevedibile perché la F1 approda a Losail per la prima volta e nessuna monoposto ha mai girato e non si sono mai svolti dei test di pneumatici. Prevedo che ci sarà molta azione in pista…”.

Domenicali non ha mancato di porre l’accento sulla flessibilità che la F1 ha mostrato nel mantenere un calendario con 22 appuntamenti nonostante il COVID che ha imposto la cancellazione delle gare in Australia, Cina, Canada, Singapore e Giappone.
"Abbiamo dimostrato di sapere reagire alle difficoltà, dimostrando con le 22 gare in calendario quest'anno, quanto sia forte il sistema e quanto siano buoni i rapporti che abbiamo instaurato nel mondo. Perché organizzare un evento non è banale. Muoviamo migliaia di persone, parliamo con i governi, e scriviamo i protocolli di sicurezza. Abbiamo una capacità di adattamento ai cambiamenti che è qualcosa di eccezionale”.

condivisioni
commenti
GP di Turchia: asfalto trattato per offrire maggiore grip

Articolo precedente

GP di Turchia: asfalto trattato per offrire maggiore grip

Prossimo Articolo

Norris: dopo Sochi, eccolo in pista ad Adria sul "suo" kart

Norris: dopo Sochi, eccolo in pista ad Adria sul "suo" kart
Carica commenti
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021