F1 Commission: non c'è ancora accordo sul costo dei motori

condivisioni
commenti
F1 Commission: non c'è ancora accordo sul costo dei motori
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
26 apr 2016, 18:05

A Biggin Hill si è riunito oggi lo Strategy Group prima della F1 Commission: sono state approvate le nuove regole aerodinamiche per il 2017 e le gomme Pirelli più larghe, mentre c'è ancora da discutere sul costo delle power unit.

Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 Team W07 on the grid
Red Bull Racing, dettaglio del motore
Sebastian Vettel, Ferrari SF16-H

La F1 Commission che si è riunita questo pomeriggio a Biggin Hill per definire le regole tecniche 2017 della Formula 1, ha approvato le nuove regole aerodinamiche per il prossimo anno, mentre non sembra abbia raggiunto un accordo sul costo delle power unit.

Stando alle prime indiscrezioni che sono filtrate sui lavori che si sono svolti alle porte di Londra non sarebbero stati approvati tutti e sette i punti che erano all’ordine del giorno: l’anno prossimo avremo le tanto attese monoposto in grado di girare cinque secondi più veloci grazie alle rivoluzionate norme aerodinamiche e alle gomme larghe della Pirelli, ma non sarebbe stata trovata la maggioranza per far passare un voto favorevole sulla gestione dei motori.

La proposta era di fornire tre propulsori a stagione per pilota al prezzo di 12 milioni di euro: sul punto più delicato in agenda non c’è ancora la quadratura del cerchio. Sul più bello sono mancati dei voti decisivi, ma pare che la trattativa resti aperta perché c’è tempo fino al 30 aprile per chiudere in modo definitivo la questione.

È molto probabile, infatti, che l’argomento propulsori tenga banco all’inizio del week end di Sochi dove domenica si disputerà il Gp della Russia. Le norme consentono che si arrivi a una votazione via mail entro la scadenza dei termini fissata da Jean Todt, presidente della FIA, e Bernie Ecclestone, responsabile della FOM per la promulgazione delle norme tecniche 2017.

Quasi sicuramente si arriverà a definire sul filo di lana, perché la questione è data tutt'altro che per morta…

Prossimo articolo Formula 1
Monza: bocciato il cambiamento della pista per le moto

Previous article

Monza: bocciato il cambiamento della pista per le moto

Next article

A Sochi emerge la qualità del recupero di energia elettrica

A Sochi emerge la qualità del recupero di energia elettrica

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Franco Nugnes
Tipo di articolo Ultime notizie