Clamoroso Williams: Kubica ritirato per assenza di ricambi

George Russell ha sbattuto in regime di safety car per il mancato fissaggio di una ruota al pit stop. A seguito del crash dell'inglese la Williams ha fermato anche Robert Kubica. Il ritiro è stato preventivo, temendo in caso di danno di non avere ricambi per Suzuka.

Clamoroso Williams: Kubica ritirato per assenza di ricambi

C’era una volta la Williams, team capace di collezionare 9 campionati del Mondo Costruttori, 7 piloti per un totale di 114 vittorie in Gran Premi.

Non è un mistero che da diversi anni la squadra inglese stia attraversando un periodo difficile, ma altrettanto difficile sarebbe stato prevedere una situazione come quella vissuta ieri nel Gran Premio di Russia.

Nulla di nuovo sul fronte della performance, ma complici il numero di ritiri e delle safety car, George Russell e Robert Kubica navigavano intorno alla quindicesima posizione.

Al giro 27 Russell alla curva 8 ha perso il controllo della monoposto, a causa della ruota anteriore destra non fissata correttamente nel pit-stop che il pilota inglese aveva appena effettuato. L’urto contro le barriere non è stato violentissimo, ma sufficiente a mettere fuori uso l’ala anteriore e a causare il ritiro di George.

Fin qui un incidente nella norma, ma subito dopo il team ha richiamato ai box anche Robert Kubica, chiedendo al pilota polacco di spegnere il motore. La vettura è stata subito spinta nel garage, e si è ipotizzato un problema di natura tecnica.

Invece la causa, emersa successivamente, è stata a dir poco sorprendente. La squadra ha deciso di terminare la corsa di Kubica per preservare la monoposto, ovvero per non correre il rischio che un’ulteriore uscita di pista potesse richiedere ulteriori ricambi di cui il team al momento non dispone.

Inizialmente si è pensato ad una speculazione, poi è arrivata anche la conferma del responsabile degli ingegneri del team Dave Robson.

“Quando la corsa è stata congelata in virtual safety car abbiamo richiamato George ai box per il cambio gomme – ha spiegato Robson - ma sfortunatamente un problema verificatosi dopo la sua ripartenza ha causato il bloccaggio di una ruota anteriore, danneggiando ulteriormente la macchina. Abbiamo così deciso di ritirare Robert poco dopo, al fine di preservare la vettura in vista delle intense gare extraeuropee che mancano al termine della stagione”.

Che la situazione della Williams non fosse delle migliori è apparso chiaro sin dai test di Barcellona, quando la monoposto ha mosso i primi passi mentre la concorrenza aveva già percorso qualche migliaia di chilometri, ma gara dopo gara il quadro è progressivamente peggiorato, arrivando ad includere situazioni che poco si sposano anche con la sola idea di correre in Formula 1.

Claire Williams, Deputy Team Principal, Williams Racing
Claire Williams, Deputy Team Principal, Williams Racing
1/9

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Dettaglio dello scarico della Williams Racing FW42
Dettaglio dello scarico della Williams Racing FW42
2/9

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams Racing
Robert Kubica, Williams Racing
3/9

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

George Russell, Williams Racing FW42, sbatte fuori pista contro la barriera
George Russell, Williams Racing FW42, sbatte fuori pista contro la barriera
4/9

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Williams Racing FW42, sbatte fuori pista contro la barriera
George Russell, Williams Racing FW42, sbatte fuori pista contro la barriera
5/9

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams Racing
Robert Kubica, Williams Racing
6/9

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams FW42
Robert Kubica, Williams FW42
7/9

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams FW42
Robert Kubica, Williams FW42
8/9

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams Racing, e Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing
Robert Kubica, Williams Racing, e Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing
9/9

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Bottas: "La doppietta? Sapevamo che era complicata ma possibile"
Articolo precedente

Bottas: "La doppietta? Sapevamo che era complicata ma possibile"

Prossimo Articolo

Masi: "Steiner? la FIA può controllarlo per le parole di Sochi"

Masi: "Steiner? la FIA può controllarlo per le parole di Sochi"
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021