F1: c'è una generazione di piloti che brucia le tappe

Leclerc e Verstappen sono l'avanguardia di una generazione di giovani piloti che punta a conquistare la F1: Albon, Norris e Russell potranno presto lottare per una vittoria. Scopriamo cosa si agita alle spalle di re Lewis Hamilton.

F1: c'è una generazione di piloti che brucia le tappe

Per arrivare alla conquista del settimo titolo iridato Lewis Hamilton dovrà affrontare una sfida non del tutto inedita, ma che oggi appare molto più definita rispetto al recente passato: sconfiggere la pattuglia dei piloti di… “fine millennio”.

Sono i nati tra il 1996 ed il 1999, ed oggi hanno già occupato il trenta per cento della griglia di partenza del campionato Mondiale di Formula 1 senza alcun timore reverenziale. Non tutti sono nelle condizioni di poter ambire a vincere in tempi brevi, ma il tandem Leclerc-Verstappen (separati all’anagrafe da 16 giorni) hanno già completato passi importanti per puntare ai massimi traguardi, arrivando velocemente in top-team e prendendo in tempi altrettanto veloci il timone della squadra.

Max & Charles hanno già rotto il ghiaccio ottenendo i loro primi successi in Formula 1, ma l’impressione netta è che presto nell’ambito del club dei vincitori di Gran Premi entreranno altri ragazzi terribili.

I candidati sono Alexander Albon, Lando Norris e George Russell, e in tempi più lunghi (se avranno la chance) non sono da sottovalutare Esteban Ocon e Pierre Gasly. Sono ragazzi che si conoscono da tempo, che in molti casi sono stati avversari in pista sin dai tempi del karting, arrivando a bussare alle porte della Formula 1 dopo aver seguito percorsi differenti che li hanno condotti allo stesso traguardo.

Formula 1 conquistata sul campo

Ciò che accomuna questi piloti è anche un altro aspetto molto importante: sono tutti stati scelti da squadre ufficiali da giovanissimi, diventando dei professionisti del volante molto prima di conseguire la patente di guida.

Siamo davanti ad una generazione che marchierà a fuoco la Formula 1 del “post-Hamilton”, e lo farà grazie ad un ‘dna’ da corsa identificato già da anni e che ha permesso loro di arrivare ad occupare la posizione che occupano oggi esclusivamente grazie ai risultati ottenuti in pista.

La Formula 1 è spesso oggetto di luoghi comuni, ed uno dei più gettonati è quello che la descrive come un contesto popolato da piloti arrivati ad occupare la loro posizione attuale grazie ad artifizi, come supporti economici o manager di grido. Falso.

Nel paddock ci sono sempre stati piloti scelti da team di seconda fascia per far quadrare i conti (a dirla tutta anche Niki Lauda e Ayrton Senna non debuttarono in Formula 1 a costo zero), ma oggi siamo ad una presenza di due pay-driver su venti (ovvero Lance Stroll e Nicolas Latifi) ovvero una delle percentuali più basse dei settant’anni di storia del Mondiale.

Tappe bruciate, segnale importante

La qualità dei giovanissimi è confermata anche dalla rapida ascesa che li ha portati ad accasarsi nei top-team. Ad un anno dall’esordio in Formula 1, Verstappen era già in Red Bull, così come Leclerc in Ferrari, e c’è chi è pronto a scommettere (e non è una puntata azzardata…) che a fine anno per Russell si apriranno le porte della Mercedes. Norris è confermatissimo in McLaren, ed Albon dopo cinque mesi di Toro Rosso si è ritrovato in Red Bull.

Insieme al boom di una generazione, c’è da annoverare anche il cambio di tendenza delle squadre (soprattutto di vertice), ed in questo caso bisogna riconoscere alla Red Bull di aver fatto da cavia per tutti nel verificare la resa di piloti giovanissimi in un top-team.

Helmut Marko non perde occasione per farlo notare, e anche recentemente ha lanciato una frecciata a Toto Wolff: “È curioso sentire Toto parlare dei suoi giovani piloti, visto che fino ad oggi nessun Mercedes junior è riuscito ad arrivare nella squadra ufficiale…”.

La Red Bull, senza pressioni di classifica, ha fatto potuto permettersi qualche azzardo che per la Mercedes (costantemente in lotta per i Mondiali) ha deciso di evitare.

Non solo Verstappen

A cambiare la percezione sulla possibilità che un giovanissimo di grande talento possa rendere in tempi brevissimi anche in un top-team è stato Leclerc.

Verstappen è stato battezzato come un caso eccezionale (e di fatto lo è) ma il 2019 di Charles ha chiarito che magari di giovani eccezionali ce ne sono più di uno. I bookmaker hanno già iniziato a quotare la conquista del titolo Mondiale piloti 2021 e la linea è chiara: Leclerc e Verstappen, per chi scommette, hanno le stesse chance di Hamilton.

L’esa-campione è sempre al suo posto, ma è anche sempre più chiaro quale sarà la Formula 1 dopo di lui.

Una tendenza (quella della caccia al giovane di talento) che si rafforzerà ulteriormente nei prossimi anni, quando le squadre dovranno rispettare un rigido budget cap con poche eccezioni.

Tra queste ci saranno i vivai, che potranno essere finanziati senza limiti di spesa, ed è certo che diventeranno un terreno di confronto tra i top team (e non solo) più di quanto non lo sia già oggi. Tanti giovani avranno la chance della vita, ma solo per una piccolissima percentuale si apriranno le porte della Formula 1, come è giusto che sia.

Ecco l'età dei piloti di Formula 1

Pilota

Data di nascita

età

Lando Norris

13/11/1999

20

Lance Stroll

29/10/1998

21

George Russell

15/02/1998

22

Charles Leclerc

16/10/1997

22

Max Verstappen

30/09/1997

22

Esteban Ocon

17/09/1996

23

Alexander Albon

26/03/1996

24

Pierre Gasly

07/02/1996

24

Nicolas Latifi

29/06/1995

24

Carlos Sainz

01/09/1994

25

Daniil Kvyat

26/04/1994

26

Antonio Giovinazzi

14/12/1993

26

Kevin Magnussen

05/10/1992

27

Sergio Perez

26/01/1990

30

Valtteri Bottas

28/08/1989

30

Daniel Ricciardo

01/07/1989

30

Sebastian Vettel

03/07/1987

32

Romain Grosjean

17/04/1986

34

Lewis Hamilton

07/01/1985

35

Kimi Raikkonen

17/10/1979

40

condivisioni
commenti
Bottas, Aubameyang e Luis Fonsi debuttano al Virtual GP di Monaco

Articolo precedente

Bottas, Aubameyang e Luis Fonsi debuttano al Virtual GP di Monaco

Prossimo Articolo

F1, Grosjean: "La saga del mercato non è ancora finita"

F1, Grosjean: "La saga del mercato non è ancora finita"
Carica commenti
F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti Prime

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

Le monoposto di Formula 1 sono diventate troppo grosse e pesanti e questo si è visto non solo a Monaco, circuito ormai troppo stretto per le moderne monoposto, ma anche a Baku dove i problemi alla gomme sono derivati anche dagli enormi sforzi richiesti alle gomme.

F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station Prime

F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station

Andiamo a dare uno sguardo da vicino alle prime immagini in-game di F1 2021, nuovo videogame ufficiale della Formula 1 ambientato in questa stagione

AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità Prime

AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità

Il team diretto da Franz Tost con il podio di Pierre Gasly a Baku si è portato al quinto postonella classifica del mondiale Costruttori. Anche l'esuberante Yuki Tsunoda, il talentuoso rookie giapponese, comincia a contribuire alla causa, dopo troppi errori. A Faenza assolvono al meglio il ruolo di junior team e, pur con alti e bassi, possono sfidare due marchi ufficiali come Aston Martin e Alpine disponendo di risorse molto inferiori.

Formula 1
14 giu 2021
F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare Prime

F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare

In questa stagione la Formula 1 sta cercando di rispettare il calendario previsto con 23 appuntamenti, ma l'espansione dei gran premi ha un costo umano che alla lunga non potrà più essere sostenibile.

Formula 1
14 giu 2021
Simon: "I motori 2025 saranno V6 ibridi con bio carburanti" Prime

Simon: "I motori 2025 saranno V6 ibridi con bio carburanti"

Seconda intervista esclusiva in compagnia di Gilles Simon. In questa lunga chiaccerata in compagnia del Direttore di Motorsport.com, Franco Nugnes, l'ingegnere francese ci parla dei suoi trascorsi in Honda accompagnando il costruttore nipponico nei suoi primi anni in Formula 1 nell'era ibrida, per poi andare in FIA in qualità di advisor

Formula 1
14 giu 2021
F1 Stories: Ferrari e Francia, un fil rouge leggendario Prime

F1 Stories: Ferrari e Francia, un fil rouge leggendario

Cos'hanno in comune la corsa più antica della storia automobilistica e la Scuderia più leggendaria di sempre? Un filo conduttore glorioso fatto di 17 vittorie. Andiamo a scoprire insieme alcune delle imprese memorabili compiute dalla Scuderia Ferrari al Gran Premio di Francia.

Formula 1
13 giu 2021
Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna Prime

Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna

Si sta facendo un gran parlare attorno alle ali flessibili in Formula 1. A partire dal GP di Francia, la situazione dovrebbe normalizzarsi, ma ecco cos'ha causato l'oggetto del contendere tra Mercedes e Red Bull

Formula 1
12 giu 2021
Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21 Prime

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21

La Scuderia è terza nel mondiale Costruttori con 92 punti davanti alla McLaren: la SF21 ha un potenziale nettamente superiore a quello della SF1000, ma la Rossa finora ha raccolto meno del potenziale mostrato in pista. Andiamo a capire perché c'è una differenza fra il giro secco e il passo gara, per capire come mai a due pole position conquistate in prova non abbia corrisposto almeno una vittoria.

Formula 1
11 giu 2021