F1: c'è chi ha fatto il furbo durante il lockdown?

Ha lavorato male la Ferrari nello shutdown o ci sono squadre che hanno approfittato del periodo di chiusura dei team per fare modifiche alle monoposto prima che queste fossero congelate nel GP d'Austria?

F1: c'è chi ha fatto il furbo durante il lockdown?

Mattia Binotto, osservando gli aggiornamenti portati in pista a Spielberg dagli avversari, rispetto al nulla del Cavallino rampante, ha lanciato delle frecciate ai rivali, lasciando intendere di essere rimasto sorpreso per le numerose novità introdotte sulle monoposto in un tempo di sole cinque settimane dopo il lungo lockdown per il COVID-19.

Mercedes, Red Bull e Renault hanno fatto debuttare dei pacchetti aerodinamici evoluti rispetto alle monoposto che erano state spedite a Melbourne per il mancato GP dell’Australia.

La squadra di Milton Keynes ha anche effettuato una prova di crash a Cranfield per omologare il nuovo muso che Max Verstappen ha usato in Stiria, ma si tratta di un test svolto prima dell'Australia che sarebbe dovuto essere pronto per il GP d'Olanda a Zandvoort, poi annullato.

Hanno lavorato male a Maranello o qualcuno ha cercato di evolvere la propria vettura in un momento vietato? Pare che queste voci abbiano molto infastidito l'entourage del Cavallino. E se ci fosse qualcosa di vero non è detto che la Ferrari accetti un ruolo responsabile come ha fatto durante l’intero lockdown.

La FIA, infatti, ha varato una serie di rivoluzioni regolamentari atte a ridurre i costi, ma che sostanzialmente hanno colpito la squadra di Maranello consapevole di dover risalire la china con una SF1000 apparsa fin troppo deficitaria nei test invernali di Barcellona.

Sarebbe stato stilato un dossier che sarebbe finito nella mani dei vertici del Cavallino nel quale sarebbero emerse delle violazioni nel rispetto dei tempi di chiusura delle factory. C’è chi ha fatto il furbo? Forse, ma noi non sappiamo chi…

La Ferrari ha attuato un protocollo di sicurezza ferreo a tutela dei suoi dipendenti (molti tecnici sono ancora in smart working da casa) e, forse, ha patito nello sviluppo della SF1000 dei limiti che hanno ritardato l’arrivo di alcune parti nuove di una settimana.

L’azienda di Maranello aveva deciso il 9 marzo la chiusura anticipata degli impianti a causa dell’esplosione della pandemia in Italia, mentre gli inglesi avevano potuto lavorare per altri 15 giorni prima dello shutdown FIA, acquisendo un vantaggio competitivo che poi hanno scontato nel prolungamento differenziato del lockdown.

Su Motorsport.com avevamo anticipato che ali e fondo evoluti sarebbero arrivati al Red Bull Ring per il GP della Stiria di questo weekend, ma ciò non toglie il forte sospetto che qualcuno degli altri abbia lavorato anche nel periodo di stop.

Le conferme, per quanto indirette, sarebbero emerse dai fornitori che supportano il Cavallino ma anche altre squadre di F1 con consegne di materiali in momenti che dovevano essere… morti.

E se così fosse, si aprirebbe un autentico vaso di Pandora. Nel senso che con il GP d’Austria sono state congelate molte parti delle monoposto (telaio, cambio e motore, tanto per citare le più importanti, mentre le sospensioni verranno “frizzate” dal 15 settembre) e non tutti si sarebbero presentati alla data fatidica ad armi pari, creando delle differenze che riverbereranno degli effetti anche nel prossimo anno.

Il dubbio è che i controlli durante la chiusura siano stati inadeguati e, allora, sarebbe la FIA a dover intervenire sanzionando chi non avrebbe rispettato i termini del regolamento sportivo di F1.

Ma se questi sono i presupposti, com’è pensabile avere il controllo del budget cap di 145 milioni di dollari che entrerà in vigore nel 2021 e che garanzie ci saranno sugli sviluppi congelati delle monoposto? Nel paddock del Red Bull Ring ci sarà un argomento di discussione in più…

condivisioni
commenti
Kallenius: "Mercedes va avanti e nessuna rottura con Toto"
Articolo precedente

Kallenius: "Mercedes va avanti e nessuna rottura con Toto"

Prossimo Articolo

Guai Mercedes per la simulazione delle sterzanti posteriori?

Guai Mercedes per la simulazione delle sterzanti posteriori?
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura” Prime

Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura”

Insieme a Franco Nugnes ed al dottor Riccardo Ceccarelli andiamo ad analizzare quanto successo in occasione dell'ultimo GP di Formula 1 a Jeddah, dove i piloti si sono dimostrati più forti della paura

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Formula 1
7 dic 2021
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021