F1: c'è chi ha fatto il furbo durante il lockdown?

Ha lavorato male la Ferrari nello shutdown o ci sono squadre che hanno approfittato del periodo di chiusura dei team per fare modifiche alle monoposto prima che queste fossero congelate nel GP d'Austria?

F1: c'è chi ha fatto il furbo durante il lockdown?

Mattia Binotto, osservando gli aggiornamenti portati in pista a Spielberg dagli avversari, rispetto al nulla del Cavallino rampante, ha lanciato delle frecciate ai rivali, lasciando intendere di essere rimasto sorpreso per le numerose novità introdotte sulle monoposto in un tempo di sole cinque settimane dopo il lungo lockdown per il COVID-19.

Mercedes, Red Bull e Renault hanno fatto debuttare dei pacchetti aerodinamici evoluti rispetto alle monoposto che erano state spedite a Melbourne per il mancato GP dell’Australia.

La squadra di Milton Keynes ha anche effettuato una prova di crash a Cranfield per omologare il nuovo muso che Max Verstappen ha usato in Stiria, ma si tratta di un test svolto prima dell'Australia che sarebbe dovuto essere pronto per il GP d'Olanda a Zandvoort, poi annullato.

Hanno lavorato male a Maranello o qualcuno ha cercato di evolvere la propria vettura in un momento vietato? Pare che queste voci abbiano molto infastidito l'entourage del Cavallino. E se ci fosse qualcosa di vero non è detto che la Ferrari accetti un ruolo responsabile come ha fatto durante l’intero lockdown.

La FIA, infatti, ha varato una serie di rivoluzioni regolamentari atte a ridurre i costi, ma che sostanzialmente hanno colpito la squadra di Maranello consapevole di dover risalire la china con una SF1000 apparsa fin troppo deficitaria nei test invernali di Barcellona.

Sarebbe stato stilato un dossier che sarebbe finito nella mani dei vertici del Cavallino nel quale sarebbero emerse delle violazioni nel rispetto dei tempi di chiusura delle factory. C’è chi ha fatto il furbo? Forse, ma noi non sappiamo chi…

La Ferrari ha attuato un protocollo di sicurezza ferreo a tutela dei suoi dipendenti (molti tecnici sono ancora in smart working da casa) e, forse, ha patito nello sviluppo della SF1000 dei limiti che hanno ritardato l’arrivo di alcune parti nuove di una settimana.

L’azienda di Maranello aveva deciso il 9 marzo la chiusura anticipata degli impianti a causa dell’esplosione della pandemia in Italia, mentre gli inglesi avevano potuto lavorare per altri 15 giorni prima dello shutdown FIA, acquisendo un vantaggio competitivo che poi hanno scontato nel prolungamento differenziato del lockdown.

Su Motorsport.com avevamo anticipato che ali e fondo evoluti sarebbero arrivati al Red Bull Ring per il GP della Stiria di questo weekend, ma ciò non toglie il forte sospetto che qualcuno degli altri abbia lavorato anche nel periodo di stop.

Le conferme, per quanto indirette, sarebbero emerse dai fornitori che supportano il Cavallino ma anche altre squadre di F1 con consegne di materiali in momenti che dovevano essere… morti.

E se così fosse, si aprirebbe un autentico vaso di Pandora. Nel senso che con il GP d’Austria sono state congelate molte parti delle monoposto (telaio, cambio e motore, tanto per citare le più importanti, mentre le sospensioni verranno “frizzate” dal 15 settembre) e non tutti si sarebbero presentati alla data fatidica ad armi pari, creando delle differenze che riverbereranno degli effetti anche nel prossimo anno.

Il dubbio è che i controlli durante la chiusura siano stati inadeguati e, allora, sarebbe la FIA a dover intervenire sanzionando chi non avrebbe rispettato i termini del regolamento sportivo di F1.

Ma se questi sono i presupposti, com’è pensabile avere il controllo del budget cap di 145 milioni di dollari che entrerà in vigore nel 2021 e che garanzie ci saranno sugli sviluppi congelati delle monoposto? Nel paddock del Red Bull Ring ci sarà un argomento di discussione in più…

condivisioni
commenti
Kallenius: "Mercedes va avanti e nessuna rottura con Toto"

Articolo precedente

Kallenius: "Mercedes va avanti e nessuna rottura con Toto"

Prossimo Articolo

Guai Mercedes per la simulazione delle sterzanti posteriori?

Guai Mercedes per la simulazione delle sterzanti posteriori?
Carica commenti
Piola: "Il caldo torrido ha riservato delle sorprese" Prime

Piola: "Il caldo torrido ha riservato delle sorprese"

Il primo giorno in pista ha regalato qualche inaspettata sospesa. Colpa del caldo che, a quanto pare ha giocato qualche brutto scherzo a chi pensava di far bene. Franco Nugnes e Giorgio Piola, in questo nuovo video, analizzano le prove libere del Gran Premio d'Ungheria.

Bobbi: "RB16B di Max sottosterzante, bilanciamento da rivedere" Prime

Bobbi: "RB16B di Max sottosterzante, bilanciamento da rivedere"

In questa puntata di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Marco Congiu ci parlano ed analizzano le prove libere del venerdì del Gran Premio di Ungheria. Max Verstappen, partito coi favori del pronostico, non ha letto il mutare delle temperature e delle gomme che ha influito sulle performance della RB16B, al contrario di quanto fatto dagli uomini Mercedes

Chinchero: "Il caldo ha sorpreso tutti, tranne Bottas" Prime

Chinchero: "Il caldo ha sorpreso tutti, tranne Bottas"

In questa nuova podcast di Motorsport.com, Roberto Chinchero e Giacomo Rauli commentato il venerdì di prove libere del Gran Premio d'Ungheria. Buon ascolto!

Piola: "L'estrattore AlphaTauri è fatto da due pelli separate" Prime

Piola: "L'estrattore AlphaTauri è fatto da due pelli separate"

La Formula 1 arriva in Ungheria. In questo nuovo video, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano le novità portate dai team sullo storico tracciato dell'Hungaroring. Siamo solo a giovedì, ma qualcuno ha già svelato qualche particolare dettaglio...

Formula 1
29 lug 2021
Minardi: "Auguri Alonso, meritavi altri mondiali" Prime

Minardi: "Auguri Alonso, meritavi altri mondiali"

Compie quarant'anni Fernando Alonso. L'asturiano, due volte campione del mondo, è un pilota capace di vincere due titoli mondiali ancora in giovane età per poi raccogliere meno di quanto il suo talento gli avrebbe consentito per i motivi più svariati. Insieme a Gian Carlo Minardi ricordiamo i suoi esordi in Formula 1...

Formula 1
29 lug 2021
F1: i segnali che indicano come la serie goda di ottima salute Prime

F1: i segnali che indicano come la serie goda di ottima salute

Non c'è solo il duello tra Verstappen e Hamilton per la conquista del titolo iridato ad attirare l'attenzione sulla Formula 1. Molti sponsor tecnologici stanno investendo nei team e questo è un segno di un ritrovato interesse che fa ben sperare per il futuro.

Formula 1
28 lug 2021
Ceccarelli: “Si va in Ungheria con un clima surriscaldato” Prime

Ceccarelli: “Si va in Ungheria con un clima surriscaldato”

In questa puntata del Doctor F1, Franco Nugnes e il Dottor Riccardo Ceccarelli ci parlano del clima in vista del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1, dove tanto Mercedes quanto Red Bull arriveranno a nervi tesi. Più che i piloti, a tenere elevata la tensione sono i team principal

Formula 1
28 lug 2021
Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due! Prime

Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due!

Lewis Hamilton e Max Verstappen se le sono suonate in pista a Silverstone, mentre Toto Wolff e Christian Horner continuano a beccarsi a livello mediatico. I due team principal stanno alimentando la rivalità sportiva con comportamenti e dichiarazioni che andrebbero misurati. Quali saranno gli effetti in Ungheria di questi atteggiamenti aggressivi e utilitaristici?

Formula 1
27 lug 2021