Caso Mercedes: la W11 di Hamilton è un mistero

Nel team di Brackley i tecnici non riescono a capire cosa ci sia che non funziona sulla W11 nera numero 44, mentre la vettura di Bottas funziona alla perfezione. Il finlandese è l'unico che non ha visto cancellato nemmeno un tempo.

Caso Mercedes: la W11 di Hamilton è un mistero

C’è allarme nel lato sinistro del box Mercedes. Qualcosa non va sulla monoposto di Lewis Hamilton, ed ora neanche la squadra ne fa mistero.
“Dobbiamo scoprire di cosa si tratta – ha confermato Toto Wolff – al momento non lo sappiamo”.

“La monoposto di Lewis non è stata in grado di confermarsi al ritmo che aveva venerdì scorso – ha spiegato il capo degli ingegneri di pista Andrew Shovlin - sia sul singolo giro che nelle simulazioni di gara. Quindi abbiamo del lavoro da fare per cercare di capire dove è finita la performance. Abbiamo trovato alcuni indizi su cui faremo degli approfondimenti nel corso della serata”.

A incuriosire nell’analisi della performance di Hamilton c’è un calo progressivo di prestazioni nell’arco della giornata, conclusa da Lewis in sesta posizione a sei decimi da Valtteri Bottas.
“Nella sessione FP1 le cose sono andate bene – ha confermato Lewis – poi ho visto i miei avversari migliorare mentre nel mio caso le performance erano plafonate. Se domani pioverà potrebbe essere una buona chance, a patto però che l’acqua in pista non comprometta la possibilità di girare”.

In attesa di risolvere il misterioso problema che affligge la vettura numero 44, in casa Mercedes hanno comunque risolto alcuni dei problemi emersi al termine della gara di domenica scorsa.
“È stata una settimana intensa – ha confermato Shovlin – in sede hanno lavorato a pieno ritmo per permetterci di essere oggi in pista con dei pezzi nuovi, e tutto ha funzionato come da programma. Abbiamo provato alcune componenti ad alto carico per Budapest (testate in FP1), mentre la sessione FP2 è stata più complessa del previsto. Poco prima di scendere in pista abbiamo ricevuto una mail da Michael Masi che ci ha informato che i tempi della sessione potrebbero essere utilizzati per la griglia di partenza in caso di impossibilità a disputare le qualifiche, e tutti abbiamo così girato di più come le gomme soft anche se non sono certo che sia stata la scelta giusta”.

L’immagine della Mercedes che va continua invece ad essere quella di Bottas. I 43 millesimi che alla fine della FP2 hanno separato il finlandese dal leader di giornata Verstappen non sono certo un problema da togliere il sonno, e l’impressione è che Bottas sia sempre più a suo agio con la W11.

Non sono solo i tempi o i long-run a confermarlo (ottimi in entrambi i casi) ma anche che Valtteri sia stato l’unico pilota a non incappare nell’errore (anche se poi sul concetto di ‘errore’ ci sarebbe da discutere) all’ultima curva, che è costato la cancellazione dei tempi a molti avversari. Bottas sa dove mettere le ruote, e la monoposto va dove dice lui, una simbiosi perfetta che è sempre stato il piatto forte di casa Hamilton.

“Oggi abbiamo lavorato per verificare i problemi di affidabilità che ci hanno bersagliato domenica scorsa – ha commentato Valtteri – gli ingegneri stanno ancora esaminando il tutto ma dovremmo aver fatto dei passi avanti. Ormai conosciamo tutti questa pista abbastanza bene, e ho un’ottima sensazione in macchina, sia nel giro veloce che nei long-run, ed è un feeling che mi fa bene sperare in vista di qualifica gara, che poi è ciò che alla fine conta davvero”.

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance
1/8

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance
2/8

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Il logo della Mercedes sopra al garage in paddock
Il logo della Mercedes sopra al garage in paddock
3/8

Foto di: LAT Images

Un meccanico della Mercedes-AMG Petronas F1 con le gomme Pirelli
Un meccanico della Mercedes-AMG Petronas F1 con le gomme Pirelli
4/8

Foto di: LAT Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance
5/8

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1 nel paddock
Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1 nel paddock
6/8

Foto di: LAT Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance
7/8

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

La macchina di Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance utilizzata per le prove di pit stop
La macchina di Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance utilizzata per le prove di pit stop
8/8

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ferrari: Vettel vede dei miglioramenti, Leclerc meno

Articolo precedente

Ferrari: Vettel vede dei miglioramenti, Leclerc meno

Prossimo Articolo

Ghini: "Schumacher non voleva correre dopo l'11 settembre"

Ghini: "Schumacher non voleva correre dopo l'11 settembre"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021