Caso Mercedes: la W11 di Hamilton è un mistero

Nel team di Brackley i tecnici non riescono a capire cosa ci sia che non funziona sulla W11 nera numero 44, mentre la vettura di Bottas funziona alla perfezione. Il finlandese è l'unico che non ha visto cancellato nemmeno un tempo.

Caso Mercedes: la W11 di Hamilton è un mistero

C’è allarme nel lato sinistro del box Mercedes. Qualcosa non va sulla monoposto di Lewis Hamilton, ed ora neanche la squadra ne fa mistero.
“Dobbiamo scoprire di cosa si tratta – ha confermato Toto Wolff – al momento non lo sappiamo”.

“La monoposto di Lewis non è stata in grado di confermarsi al ritmo che aveva venerdì scorso – ha spiegato il capo degli ingegneri di pista Andrew Shovlin - sia sul singolo giro che nelle simulazioni di gara. Quindi abbiamo del lavoro da fare per cercare di capire dove è finita la performance. Abbiamo trovato alcuni indizi su cui faremo degli approfondimenti nel corso della serata”.

A incuriosire nell’analisi della performance di Hamilton c’è un calo progressivo di prestazioni nell’arco della giornata, conclusa da Lewis in sesta posizione a sei decimi da Valtteri Bottas.
“Nella sessione FP1 le cose sono andate bene – ha confermato Lewis – poi ho visto i miei avversari migliorare mentre nel mio caso le performance erano plafonate. Se domani pioverà potrebbe essere una buona chance, a patto però che l’acqua in pista non comprometta la possibilità di girare”.

In attesa di risolvere il misterioso problema che affligge la vettura numero 44, in casa Mercedes hanno comunque risolto alcuni dei problemi emersi al termine della gara di domenica scorsa.
“È stata una settimana intensa – ha confermato Shovlin – in sede hanno lavorato a pieno ritmo per permetterci di essere oggi in pista con dei pezzi nuovi, e tutto ha funzionato come da programma. Abbiamo provato alcune componenti ad alto carico per Budapest (testate in FP1), mentre la sessione FP2 è stata più complessa del previsto. Poco prima di scendere in pista abbiamo ricevuto una mail da Michael Masi che ci ha informato che i tempi della sessione potrebbero essere utilizzati per la griglia di partenza in caso di impossibilità a disputare le qualifiche, e tutti abbiamo così girato di più come le gomme soft anche se non sono certo che sia stata la scelta giusta”.

L’immagine della Mercedes che va continua invece ad essere quella di Bottas. I 43 millesimi che alla fine della FP2 hanno separato il finlandese dal leader di giornata Verstappen non sono certo un problema da togliere il sonno, e l’impressione è che Bottas sia sempre più a suo agio con la W11.

Non sono solo i tempi o i long-run a confermarlo (ottimi in entrambi i casi) ma anche che Valtteri sia stato l’unico pilota a non incappare nell’errore (anche se poi sul concetto di ‘errore’ ci sarebbe da discutere) all’ultima curva, che è costato la cancellazione dei tempi a molti avversari. Bottas sa dove mettere le ruote, e la monoposto va dove dice lui, una simbiosi perfetta che è sempre stato il piatto forte di casa Hamilton.

“Oggi abbiamo lavorato per verificare i problemi di affidabilità che ci hanno bersagliato domenica scorsa – ha commentato Valtteri – gli ingegneri stanno ancora esaminando il tutto ma dovremmo aver fatto dei passi avanti. Ormai conosciamo tutti questa pista abbastanza bene, e ho un’ottima sensazione in macchina, sia nel giro veloce che nei long-run, ed è un feeling che mi fa bene sperare in vista di qualifica gara, che poi è ciò che alla fine conta davvero”.

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance
1/8

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance
2/8

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Il logo della Mercedes sopra al garage in paddock

Il logo della Mercedes sopra al garage in paddock
3/8

Foto di: LAT Images

Un meccanico della Mercedes-AMG Petronas F1 con le gomme Pirelli

Un meccanico della Mercedes-AMG Petronas F1 con le gomme Pirelli
4/8

Foto di: LAT Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance
5/8

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1 nel paddock

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1 nel paddock
6/8

Foto di: LAT Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance
7/8

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

La macchina di Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance utilizzata per le prove di pit stop

La macchina di Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11 EQ Performance utilizzata per le prove di pit stop
8/8

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ferrari: Vettel vede dei miglioramenti, Leclerc meno

Articolo precedente

Ferrari: Vettel vede dei miglioramenti, Leclerc meno

Prossimo Articolo

Ghini: "Schumacher non voleva correre dopo l'11 settembre"

Ghini: "Schumacher non voleva correre dopo l'11 settembre"
Carica commenti
Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari Prime

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari

Nonostante la giovane età Callum Ilott ha vissuto numerose esperienze nel motorsport. Dopo essere stato scaricato da Helmut Marko, l'inglese ha trovato una seconda opportunità con la Ferrari e adesso punta con decisione ad un ruolo da titolare in F1 nel 2022.

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring Prime

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring

Piquet, Senna, Schumacher, Vettel... questi sono solo quattro dei tanti nomi che hanno contribuito a fare la storia del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1. Riviviamo insieme alcuni degli episodi più significativi della gara ungherese.

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita Prime

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita

A Silverstone la Scuderia ha sfiorato una clamorosa vittoria con Charles Leclerc. La SF21 è molto migliorata nella gestione delle gomme Pirelli (specie con la mescola media), ma per estrarre il massimo dalla Rossa i due piloti devono portarla il più avanti possibile in qualifica.

Formula 1
24 lug 2021
F1 2021: piloti dal salotto di casa Prime

F1 2021: piloti dal salotto di casa

Andiamo ad analizzare da vicino F1 2021, il videogame dedicato alla stagione attuale di Formula 1 realizzato da Codemasters

Formula 1
24 lug 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top

16esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 2).

Formula 1
22 lug 2021
Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia Prime

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

La storia della Formula 1 è ricca di incidenti, toccatine maliziose e vere e proprie vendette all'arma bianca entrate nell'immaginario collettivo di chi ama questo sport. E quanto visto domenica a Silverstone tra Hamilton e Verstappen sembra non essere destinato a rimanere un caso isolato...

Formula 1
22 lug 2021
Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale" Prime

Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale"

In questo nuovo appuntamento di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli commentano la portata principale offerta dal Gran Premio di Gran Bretagna: Hamilton re di Silverstone, con Max che dal decimo appuntamento della stagione raccoglie solo i tre punti della Sprint Qualifying. Con l'olandese in ospedale, i festeggiamenti del padrone di casa sono stati davvero inopportuni?

Formula 1
21 lug 2021
Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone Prime

Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone

Andiamo ad analizzare in questa puntata de Il Primo degli Ultimi i protagonisti in negativo del Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1. Da un lato, abbiamo Lewis Hamilton che, nonostante la vittoria, perde sul piano morale con festeggiamenti esagerati mentre il rivale è in ospedale. E proprio il rivale, Verstappen, merita comunque un posto in rubrica per non aver ancora chiaro come si vinca un mondiale di F1. E poi c'è Toto Wolff

Formula 1
20 lug 2021