Ghosn conferma la risoluzione in atto con Red Bull

Il presidente della Renault aggiunge anche che non c'è ancora una decisione definitiva sull'acquisto della Lotus

Carlos Ghosn, presidente della Renault, ha confermato oggi che l'anno prossimo le Red Bull non saranno equipaggiate con le power unit francesi. Al Salone di Francoforte Ghosn ha infatti rivelato che le due parti stanno negoziando i termini delle risoluzione del contratto che avrebbe dovuto legarle ancora fino al termine della stagione 2016.

Nel farlo, ha ribadito anche di non aver gradito affatto l'atteggiamento della Red Bull, che si è lasciato andare a troppe critiche nei confronti dell'operato della Renault, mentre ai tempi dei successi praticamente non la menzionava neppure.

"Stiamo analizzando cosa dobbiamo fare. Siamo stati molto chiari nel dirgli: non contate su di noi come fornitore di motori. È chiaro comunque che quando sei solo un fornitore non vieni mai citato quando si vince e invece vieni criticato quando ci sono dei problemi" ha detto Ghosn ad Autocar.

Riguardo invece all'imminente acquisto della Lotus, che di fatto riaprirà le porte di Enstone alla Renault, che era la precedente proprietaria della squadra, invece non si è voluto sbilanciare: "Il nostro futuro è oggetto di un'analisi dettagliata e di una rinegoziazione. Potremmo uscire o correre con un team completamente nostro. Non abbiamo ancora preso una chiara decisione".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Gran Premio di Singapore
Circuito Singapore Street Circuit
Articolo di tipo Ultime notizie