Budget cap: niente rinvii, ma 6 mesi per il taglio degli organici

I tre top team per adeguare gli organici alla riduzione dei costi dettata dal Budget cap hanno avuto una deroga di sei mesi nel 2021 per ridurre gli organici. Le norme che regolano il lavoro nei diversi paesi sono molto diverse e avrebbero potuto avere un impatto sulle vetture del prossimo anno. Oltre al semestre per attuare il "soft landing", Mercedes, Ferrari e Red Bull potranno usare 6 milioni di euro per gestire questa delicata fase di transizione.

Budget cap: niente rinvii, ma 6 mesi per il taglio degli organici

Gli inglesi lo chiamano “soft landing”. Un atterraggio morbido. La F1 ha concesso una dilazione di tempo di sei mesi a tutti i team che dovranno portare a termine la riduzione degli organici affinché siano in linea con i limiti di costo fissati dal budget cap.

Mercedes, Ferrari e Red Bull (ma pare anche McLaren) si devono “smagrire”: con i vincoli del regolamento finanziario che impone una spesa massima di 145 milioni di dollari nel 2021 e con i blocchi regolamentari che ridurranno in modo sensibile la ricerca e lo sviluppo delle monoposto in galleria del vento e al CFD e dei motori ai banchi prova, diventa evidente che sarà necessario tagliare gli organici. I tre top team hanno strutture che superano le mille persone.

Ma siccome le leggi che governano le norme sul lavoro sono molto diverse nei diversi stati (in Italia, per esempio, c’è una tutela del posto molto più forte di quanto accade in Gran Bretagna, dove la risoluzione di un rapporto può avvenire da un giorno all’altro) è stato concesso un periodo di sei mesi per attuare la ristrutturazione in modo tale che il cambiamento non debba impattare anche sugli sviluppi delle monoposto 2021.

Sia ben chiaro che non ci sarà alcuna dilazione del Budget cap, uno dei “pilastri” del nuovo Patto della Concordia, quanto la possibilità di uno sforamento di budget di 6 milioni di euro per gestire questa importante fase di transizione.

La Ferrari ha fatto sapere che non lascerà a piedi nessuno, tant’è che sta studiando anche dei programmi sportivi alternativi (Le Mans o Indycar) nei quali impiegare una parte del personale eccedente, mentre il restante potrebbe trovare una nuova casa nella Gestione Industriale dove sono previste molte assunzioni per far fronte all’arrivo di nuovi modelli nella gamma di prodotto del Cavallino.

condivisioni
commenti
Report F1: Stefano Domenicali, il nuovo Ecclestone
Articolo precedente

Report F1: Stefano Domenicali, il nuovo Ecclestone

Prossimo Articolo

TIME: Hamilton nella lista delle 100 persone più influenti 2020

TIME: Hamilton nella lista delle 100 persone più influenti 2020
Carica commenti
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021