F1, Budapest, Libere 1: Verstappen poi le due Mercedes

Verstappen è stato il più veloce nella prima sessione di prove libere del GP d'Ungheria davanti alle due Mercedes con Bottas più a suo agio di Hamilton. Ottimo il quarto posto di Sainz con la Ferrari che ha preceduto Gasly (AlphaTauri) e Alonso (Alpine). Leclerc finito nel traffico è solo settimo. Tsunoda con l'AlphaTauri sbatte alla curva 4 con il posteriore causando la bandiera rossa.

F1, Budapest, Libere 1: Verstappen poi le due Mercedes

Max Verstappen ripropone la supremazia della Red Bull nella prima sessione di prove libere del GP d'Ungheria: l'olandese è stato il più veloce in 1'17"555 con le gomme soft, ma l'arancione nel giro migliore ci ha lasciato almeno un paio di decimi a causa del traffico che ha incontrato nel suo tentativo. Max ha promosso la power unit Honda che è la stessa del crash di Silverstone con Lewis Hamilton: i tecnici giapponesi erano convinti che il 6 cilindri non avesse riportato danni, mentre c'erano dubbi sulla batteria.

La RB16B non ha stupito in versione da qualifica, mentre è stata impressionante con le gomme hard, sebbene in pista si siano toccati i 57 gradi di asfalto, record stagionale. La Red Bull ha preceduto le due Mercedes di Valtteri Bottas e Lewis Hamilton. Il finlandese è arrivato a 61 millesimi da Verstappen con un giro pulito, mentre Lewis Hamilton non ha messo insieme un giro perfetto e si è preso 167 millesimi dal rivale nel mondiale.

Carlos Sainz è quarto e porta la Ferrari a essere la prima degli altri, anche se il divario della Rossa dalla vetta è importante: oltre mezzo secondo. Lo spagnolo è il primo a non avere sfondato il muro dell'1'18", ma ha fatto meglio del compagno di squadra. Charles Leclerc è solo settimo a tre decimi dal madrileno: il monegasco non ha mai trovato un giro senza traffico e non è stato esente da sbavature su una pista che non gli piace troppo.

Positiva la prestazione di Pierre Gasly con l'AlphaTauri dotata di un nuovo estrattore: il francese è quinto con la AT02 a meno di un decimo dalla migliore Ferrari, mentre Yuki Tsunoda è solo 12esimo a sei decimi dal transalpino. Non è tanto il distacco a dare fastidio quanto il fatto che ha causato l'unica bandiera rossa della sessione a 20 minuti dalla fine: il giapponese che aveva montato le gomme soft ha perso la sua AlphaTauri sul cordolo all'ingresso della curva 4 ed è andato a sbattere contro le protezioni con il posteriore dopo essersi girato. La AT02 stava girando con la vernice flo viz per visualizzare i flussi dopo che sono state introdotte delle modifiche al retrotreno: necessario sostituire il cambio per il turno del pomeriggio.

Festeggia con il sorriso i suoi primi 40 anni Fernando Alonso sesto con l'Alpine dopo un innocuo testacoda alla curva 4: lo spagnolo lascia otto decimi dalla vetta e gli sono rimasti sei millesimi per tenersi alle spalle la Ferrari di Leclerc. Alle spalle del monegasco c'è Sergio Perez con la seconda Red Bull: il messicano sembra in una fase involutiva con la RB16B e cede quasi un secondo al suo capitano.

La top 10 si chiude con Lando Norris nono con la McLaren davanti a Lance Stroll con l'Aston Martin, mentre Esteban Ocon è 11esimo con l'altra Alpine.

Sebastian Vettel è solo 13esimo con la verdona, davanti a Daniel Ricciardo in difficoltà con la McLaren: l'australiano è rintuzzato dalle due Williams di George Russell e Nicholas Latifi in evidente crescita.

Mick Schumacher è 17esimo con la Haas davanti a Robert Kubica che è tornato al volante dell'Alfa Romeo C41 lasciata libera da Kimi Raikkonen. Ha fatto solo 5 giri Antonio Giovinazzi costretto a passare buona parte del turno ai box a causa di un sensore della power unit Ferrari che ha mandato dei segnali anomali.

Nikita Mazepin ha concluso fra le due Alfa Romeo con il 19esimo tempo.

condivisioni
commenti
Haas: si provano le orecchie in carbonio che vedremo nel 2022!

Articolo precedente

Haas: si provano le orecchie in carbonio che vedremo nel 2022!

Prossimo Articolo

LIVE Formula 1, Gran Premio di Ungheria: Libere 2

LIVE Formula 1, Gran Premio di Ungheria: Libere 2
Carica commenti
Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi " Prime

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi "

Andiamo ad analizzare le soluzioni tecniche che hanno esordito nel venerdì di Prove Libere del Gran Premio di Russia, commentandole in maniera dettagliata in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata" Prime

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata"

Andiamo ad analizzare il venerdì di prove libere del Gran Premio di Russia di Formula 1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret. In quella che è da sempre un feudo Mercedes, Valtteri Bottas brilla conquistando il miglior crono in entrambe le sessioni

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Formula 1
22 set 2021
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

Formula 1
22 set 2021
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021