Formula 1
03 lug
-
05 lug
Evento concluso
10 lug
-
12 lug
Evento concluso
G
GP 70° Anniversario
07 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
25 giorni
G
GP del Messico
30 ott
-
01 nov
FP1 in
109 giorni
G
GP del Brasile
13 nov
-
15 nov
FP1 in
123 giorni
G
GP da Abu Dhabi
27 nov
-
29 nov
FP1 in
137 giorni

F1: Brawn non si aspetta nuovi costruttori prima del 2026

condivisioni
commenti
F1: Brawn non si aspetta nuovi costruttori prima del 2026
Di:
9 giu 2020, 13:27

Ross Brawn ha ammesso che nessun nuovo produttore di power unit entrerà in Formula 1 fino al nuovo cambiamento regolamentare previsto per il 2026.

Il gruppo Volkswagen ha più volte allonatanato le voci di un programma F1 e al momento non sembra esserci nessun potenziale nuovo concorrente dietro alle quinte. Brawn quindi ha ammesso che la situazione non cambierà fino a quando ci sarà il regolamento attuale, garantito fino al 2025.

L'auspicio è che un reset, con una nuova specifica di power unit, incoraggi nuovi motoristi a pianificare un impegno a lungo termine oltre a Ferrari, Mercedes, Renault e Honda.

"Non è troppo lontano se si parla di dover fare un nuovo motore" ha detto Brawn a Motorsport.com. "Dovrai iniziare a progettare il tuo motore entro 18 mesi se vorrai che sia pronto per allora".

"Quindi, con la FIA e i costruttori, stiamo valutando come dovrebbe essere il prossimo propulsore, e penso che questa sarà l'opportunità per coinvolgere nuovi costruttori, quindi dobbiamo trovare una specifica per farlo. Dobbiamo esaminare qualcosa che possa essere rilevante in quel momento".

"Nessuno investirà sui motori attuali, perché andranno in pensione, inoltre ci vorrebbe un investimento molto sostanzioso per mettersi al passo con i tempi".

Leggi anche:

Anche se non c'è urgenza di definire completamente il nuovo regolamento, gli esperti della FIA e della Formula 1 hanno già iniziato a valutare la situazione.

"Stranamente, ne stavamo discutendo stamattina" ha detto Brawn. "Con Pat Symonds, Nick Hayes, Gilles Simon, Fabrice Lom e Nikolas Tombazis stiamo tutti lavorando su come dovrebbe essere il propulsore del futuro".

"Sappiamo quali sono gli obiettivi: la rilevanza tecnologica, l'aspetto economico e deve essere un buon motore da corsa. Sappiamo dove vogliamo arrivare, anche se non abbiamo ancora definito come sarà".

"Continuiamo a credere che esistano approcci alternativi alle soluzioni per il futuro e non pensiamo che ci sia una sola strada da prendere".

"Crediamo di poter occupare uno spazio molto rilevante. I carburanti sostenibili sono una cosa importante per noi, perché qualunque sia il motore che avremo, saranno una parte importante di esso".

"Con alcuni dei nostri partner stiamo lavorando ad una strategia per introdurre carburanti sostenibili in F1. Questo quindi sarà un elemento importante per il futuro. Ma in realtà al momento non ho idea di come sarà il prossimo motore".

Quando gli è stato domandato se si tratterà di una rivisitazione del regolamento attuale o un cambiamento più radicale: "Penso che per il momento riteniamo che manterrà tecnologie simili a quelle che abbiamo ora".

"All'orizzonte potrebbero esserci soluzioni radicali, ma non pensiamo che siano abbastanza consolidate per essere pronte tra 18 mesi".

Prossimo Articolo
Ricciardo: "La F1 non ha bisogno della griglia invertita"

Articolo precedente

Ricciardo: "La F1 non ha bisogno della griglia invertita"

Prossimo Articolo

Mercedes: ecco Bottas a Silverstone con la W09 ricolorata

Mercedes: ecco Bottas a Silverstone con la W09 ricolorata
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Autore Adam Cooper