Bottas nervoso, cambia atteggiamento in qualifica

Il finlandese patisce la curva 8 di Sakhir: Valtteri nelle prove libere del mattino ha rotto il fondo in quel punto, mentre pomeriggio si è visto annullare il tempo record perché è finito lungo, ma non sembra preoccupato per la qualifica perché non disponeva della freccia nera nell'assetto migliore. Rispetta Russell e teme il tratto guidato della pista più impegnativo e sconnesso del previsto.

Bottas nervoso, cambia atteggiamento in qualifica

Doveva essere un finale di stagione tranquillo per Valtteri Bottas. La delusione di un Mondiale perso da tempo compensata da un contratto in tasca per la stagione 2021, cosa non scontata ad inizio estate.

L’unico obiettivo da perseguire negli ultimi due weekend stagionali era quello di contenere un possibile assalto di Max Verstappen nella classifica generale (l’olandese è a -12), un target non scontato ma comunque in discesa.

Poi la positività al Covid di Lewis Hamilton ha cambiato molto intorno a Bottas. Ufficialmente gli obiettivi sono sempre li stessi, ma in realtà Valtteri si è ritrovato di colpo sotto i riflettori, chiamato ad un confronto arrivato senza preavviso con un avversario nuovo e scomodo come George Russell.

La prima giornata di convivenza nel box Mercedes è stata favorevole al britannico, soprattutto a causa di un Bottas nervoso che ha vanificato le sue simulazioni di qualifica andando ben sei volte oltre i cordoli.

“È stata una giornata piuttosto difficile – ha ammesso il finlandese - nella prima sessione di prove ho rotto il fondo della monoposto dopo essere salito sui cordoli della curva 8, e questo ha compromesso il resto della sessione, poi in FP2 il mio miglior tempo è stato cancellato per aver superato i limiti della pista. Ma, almeno i long-run sono stati abbastanza consistenti, anche se la Red Bull con pneumatici medi è sembrata piuttosto veloce”.

Secondo Bottas nelle qualifiche in programma oggi il punto critico sarà il secondo settore:
“È una sezione molto tecnica, e direi anche impegnativa da interpretare. Credo che sarà un punto importante in qualifica, in cui poter limare uno o due decimi, e su un tracciato così corto quel margine può fare la differenza. Ho avuto già modo di toccare con mano quanto può essere rischioso commettere anche un piccolo errore in quel punto, quindi servirà la massima attenzione”.

Nelle prime due sessioni del weekend di Al Sakhir la Mercedes ha puntato su un carico aerodinamico consistente, proprio per aiutare la guidabilità nel secondo settore (tratto in cui Bottas è risultato il più veloce in assoluto) ma in vista della gara potrebbe essere una scelta non priva di rischi.

“Sia la Red Bull che George sono andati molto bene – ha ammesso Bottas – ma so di avere del lavoro da fare sulla monoposto e di dover mettere tutti insieme in qualifica. Non sono preoccupato. Com’è stato lavorare con George? Direi un buon inizio, ha dato dei feedback importanti sul comportamento della macchina e ovviamente, se guariamo i suoi tempi, direi che sembra molto veloce”.

condivisioni
commenti
Podcast F1: analisi delle Libere del GP di Sakhir
Articolo precedente

Podcast F1: analisi delle Libere del GP di Sakhir

Prossimo Articolo

GP Sakhir: ci sono 3 fattori di rischio nelle qualifiche

GP Sakhir: ci sono 3 fattori di rischio nelle qualifiche
Carica commenti
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021