Formula 1
19 set
-
22 set
Evento concluso
26 set
-
29 set
Evento concluso
10 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
FP1 in corso . . .

Bottas fa l'americano con la quinta pole davanti a Vettel

condivisioni
commenti
Bottas fa l'americano con la quinta pole davanti a Vettel
Di:
2 nov 2019, 22:25

Il finlandese batte il record della pista di Austin nelle qualifiche del GP degli Stati Uniti: Valtteri ha battuto la Ferrari di Vettel per 12 millesimi di secondo con Verstappen terzo con la Red Bull. Leclerc è ottimo quarto con il motore cambiato prima della sessione, mentre delude Hamilton solo quinto.

E alla fine spunta quello che non ti aspetti: Valtteri Bottas ha battuto il record della pista di Austin di tre decimi arrivando a 1'32"029 con le gomme soft e con un primo run della Q3 perfetto ha conquistato la pole position nel GP degli Stati Uniti, cogliendo la quinta partenza al palo della stagione e l'unidicesima della sua carriera. La Mercedes, quindi, ha interrotto la sequenza di sei pole consecutive della Ferrari, ma Sebastian Vettel è arrivato a soli 12 millesimi dalla vetta. Il tedesco, però, ha colto la centesima prima fila della carriera con una Rossa che non ha impressionato per la sua velocità massima.

Eccellente anche la terza posizione di Max Verstappen con la Red Bull: l'arcigno olandese è arrivato a 67 millesimi dal vertice a dimostrazione che la nuova benzina ExxonMobil portata dalla Honda in Giappone ha qualcosa di miracoloso visto che il motore giapponese ha rivaleggiato anche nel giro secco con Ferrari e Mercedes. Max sarà una spina nel fianco con i primi due...

Ma attenzione a dare per battuto anche Charles Leclerc: il monegasco non ha partecipato alla terza sessione di prove libere per una perdita di olio dal motore Spec 3. Charles non si è perso d'animo e con un motore meno prestazionale e più sgonfio (è lo stesso con cui ha centrato la prima vittoria a Spa) si è inserito al quarto posto con un distacco di un decimo dalla pole nonostante qualche imprecisione. La differenza di motore si sentirà di meno in gara per cui Leclerc rientra fra i papabili della gara. E gli appassionati faranno bene a curare la seconda fila considerando che saranno fianco a fianco Verstappen e Leclerc, due acerrimi rivali dai tempi del karting.

La delusione di giornata è stato Lewis Hamilton solo quinto con la Mercedes: il penta-campione ha pagato quasi tre decimi dal compagno di squadra. L'inglese ha sommato piccoli errori nella Q3 e non ha trovato un giro pulito che lo ha molto infastidito. Non si deve innervosire perché gli basterà arrivare ottavo per chiudere la partita del sesto titolo mondiale.

I primi cinque al via della gara si schiereranno con le gomme medie, azzerando la scelta. Quinto Alex Albon che ha fatto il minimo sindacale con la seconda Red Bull visto che c'è mezzo secondo dalla prestazione del compagno di squadra.

Molto positiva la crescita della McLaren perché se Carlos Sainz è abbonato al ruolo del "primo degli altri", non ci si aspettava Lando Norris a ruota dello spagnolo. Daniel Ricciardo ha fatto un miracolo con la Renault: il nono posto è il massimo che potesse ambire con un solo tentativo in Q3.

Pierre Gasly continua a fare bene con la Toro Rosso: scatterà decimo, l'ideale per puntare ai punti.

Rimane fuori dalla Q3 Nico Hulkenberg con la Renault davanti a Kevin Magnussen 12esimo, mentre Romain Grosjean non è andato oltre il 15esimo posto. Nella squadra americana non riescono a trovare il bandolo della matassa per uscire da una crisi tecnica senza fine.

Daniil Kvyat è 13esimo con la Toro Rosso: il russo paga un evidente distacco dal compagno di squadra. Era all'esterno della coppia formata da Lewis Hamilton al centro e da Max Verstappen all'interno. L'olandese è entrato alla "garibaldina" sugli altri due e si è rischiato un pericoloso contatto. La direzione gara ha annotato l'episodio che verrà analizzato solo dopo le qualifiche.

L'Alfa Romeo è in piena involuzione con Antonio Giovinazzi e Kimi Raikkonen fuori già alla fine della Q1 con la C38: l'italiano quasi pareggia il conto delle qualifiche con il vincitore della gara dello scorso anno (9 a 10), ma la monoposto di Hinwil non è cresciuta abbastanza e paga un evidente calo prestazionale nella fase finale della stagione, quando il pugliese è cresciuto nel confronto con il finlandese. Peccato...

E' solo 19esimo Sergio Perez con la Racing Point: il messicano non ha cercato il tempo preferendo lavorare anche in qualifica per la gara. Sergio, infatti, deve scontare una penalità che lo costringerà a partire dalla pit lane a causa di aver saltato la procedura del peso ieri nelle libere del venerdì. Perez, infatti, è finito nel sandwich delle due Williams: George Russell è riuscito a precedere la RP19, mentre Robert Kubica è rimasto in coda.

Cla Pilota Tempo Gap km/h
1 Finland Valtteri Bottas 01'32.029   215.658
2 Germany Sebastian Vettel 01'32.041 00.012 215.629
3 Netherlands Max Verstappen 01'32.096 00.067 215.501
4 Monaco Charles Leclerc 01'32.137 00.108 215.405
5 United Kingdom Lewis Hamilton 01'32.321 00.292 214.976
6 Thailand Alexander Albon 01'32.548 00.519 214.448
7 Spain Carlos Sainz Jr. 01'32.847 00.818 213.758
8 United Kingdom Lando Norris 01'33.175 01.146 213.005
9 Australia Daniel Ricciardo 01'33.488 01.459 212.292
10 France Pierre Gasly 01'33.601 01.572 212.036
11 Germany Nico Hulkenberg 01'33.815 01.786 211.552
12 Denmark Kevin Magnussen 01'33.979 01.950 211.183
13 Russian Federation Daniil Kvyat 01'33.989 01.960 211.160
14 Canada Lance Stroll 01'34.100 02.071 210.911
15 France Romain Grosjean 01'34.158 02.129 210.781
16 Italy Antonio Giovinazzi 01'34.226 02.197 210.629
17 Finland Kimi Raikkonen 01'34.369 02.340 210.310
18 United Kingdom George Russell 01'35.372 03.343 208.098
19 Poland Robert Kubica 01'35.889 03.860 206.976
20 Mexico Sergio Perez 01'35.808 03.779 207.151
Prossimo Articolo
LIVE F1, GP degli Stati Uniti: Qualifiche

Articolo precedente

LIVE F1, GP degli Stati Uniti: Qualifiche

Prossimo Articolo

Vettel: "Pole persa per poco. Pensavo di avere qualcosa in più"

Vettel: "Pole persa per poco. Pensavo di avere qualcosa in più"
Carica commenti