F1: Boris Johnson riapre all'esenzione della quarantena in UK

condivisioni
commenti
F1: Boris Johnson riapre all'esenzione della quarantena in UK
Di:
26 mag 2020, 07:41

Secondo quanto riferito dai media britannici, il primo ministro Boris Johnson ha risposto alle pressioni della Formula 1 per creare un'esenzione dalla quarantena per il personale viaggiante, chiedendo ai suoi ministri di attivarsi su questo fronte.

Un articolo pubblicato lunedì sera dal Times spiega che Johnson è ansioso di aiutare le due gare previste a Silverstone e ha dato il via al processo. Una fonte ha confermato che l'argomento è stato discusso in una riunione di gabinetto della scorsa settimana.

In sostanza la giustificazione è quella di sostenere l'industria motoristica britannica, con la F1 che ha chiarito ai suoi contatti governativi l'importanza di disputare le gare e di mantenere vivo il Mondiale 2020.

Come già riferito in precedenza, l'8 giugno entrerà in vigore una quarantena di 14 giorni per gli arrivi nel Regno Unito, con una lista di esenzioni considerate essenziali, come i camionisti e chiunque sia direttamente collegato agli sforzi per battere COVID-19.

Non sono state incluse le persone coinvolte nelle competizioni sportive internazionali, nonostante gli sforzi paralleli del governo per incoraggiare la ripresa dello sport nel Regno Unito. Alcune fonti hanno suggerito che il governo era preoccupato di dover affrontare la pressione di altre imprese o industrie che non otterranno esenzioni.

Leggi anche:

Tuttavia, la porta è stata lasciata aperta per allentare la quarantena con ulteriori esenzioni per casi speciali quando le regole saranno riviste tre settimane più tardi, intorno al 29 giugno.

Oltre a permettere a Ferrari, Alfa Romeo, AlphaTauri e a tutti i concorrenti delle gare di supporto continentali di entrare nel Paese per le gare britanniche, un'esenzione renderebbe molto più facile per le squadre britanniche viaggiare da e per le altre gare.

Un portavoce della F1 ha detto a Motorsport.com che le speranze di trovare una soluzione rimangono alte.

"Stiamo lavorando in modo costruttivo con il governo per ripartire sicuri verso la stagione" ha detto. "E queste discussioni sono in corso".

Anche se la F1 è rimasta ottimista sul fatto che il personale dei team sarà incluso alla fine di giugno, la scadenza di fine giugno ha reso difficile l'impegno per le date previste a Silverstone del 26 luglio e del 2 agosto, a causa dei tempi ristretti, motivo per cui Ungheria e Germania sono ora prese in considerazione per quelle date.

La conferma anticipata di un'esenzione potrebbe consentire a Silverstone di mantenere le date originarie. Tuttavia, come riportato da Motorsport.com, il capo del circuito Stuart Pringle ha detto che c'è anche l'opzione di organizzare due gare nel mese di agosto.

"Abbiamo le nostre date originali, ma in realtà abbiamo anche un certo grado di flessibilità fino ad agosto" ha detto Pringle su Sky Sports F1.

"Non credo che trovare una data per la Formula 1 sarà un problema, anzi, due date. Quello di cui abbiamo bisogno è il via libera del governo, e ci vorrà del tempo".

Modena: "Al GP di Monaco '91 misi Senna in difficoltà"

Articolo precedente

Modena: "Al GP di Monaco '91 misi Senna in difficoltà"

Prossimo Articolo

Brown: "Mi piacerebbe far correre Ricciardo e Norris a Bathurst"

Brown: "Mi piacerebbe far correre Ricciardo e Norris a Bathurst"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Gran Bretagna
Autore Adam Cooper