Bonnington: "Con Lewis ci capiamo al volo"

L'ingegnere di pista di Hamilton che in precedenza si era fatto le ossa con Button (quando il team di schiamava Brawn GP) e Schumacher, all'inizio credeva di avere a che fare con una rockstar, ma non ha impiegato molto a capire quanto il pilota inglese avesse le stiimmate del campione che andavano oltre il talento: "Siamo cresciuti insieme in otto anni e abbiamo cementato un'unione fantastica. Sappiate che non abbiamo ancora finito...".

Bonnington: "Con Lewis ci capiamo al volo"

Nelle otto stagioni che Lewis Hamilton ha trascorso in Mercedes ha voluto e trovato dei punti fermi, persone che sono rimaste al suo fianco dalla prima gara in tuta grigia disputata nel 2013 fino alla conquista del settimo titolo Mondiale. Una di queste figure è il fido ingegnere di pista Peter Bonnington, che gli appassionati di Formula 1 conoscono come la voce che colloquia con Hamilton durante prove e gara, ogni volta che Lewis comunica via-radio.

L’ingegnere di pista è una professione che si è evoluta insieme ad una tecnologia che in Formula 1 si muove ad una velocità incredibile e, da essere una figura tecnica al cento per cento, oggi il ‘race engineer’ è anche una persona a cui il pilota delega la visione della corsa al di fuori della monoposto.

Due occhi in più e nel caso di Hamilton quegli occhi sono quelli di Bonnington. Dal momento in cui si spegne il semaforo compito di ‘Bono’ (come lo ha sempre chiamato Lewis) è anche quello di psicologo, capace di calmare o motivare il suo pilota a seconda delle necessità.

Anche in questa stagione ‘Bono’ ha fatto la differenza in diversi momenti e, tra tutti, spicca il giro finale del Gran Premio di Gran Bretagna, quando ha guidato Hamilton (rimasto con tre pneumatici dopo lo scoppio dell’anteriore sinistro) verso la bandiera a scacchi. Un count-down scandito con una calma incredibile, che ha portato Lewis al successo.

Bonnington non parla mai con i media, ma dopo il Gran Premio di Turchia ha risposto ad alcune domande, in un giorno anche per lui molto speciale.

Hamilton ha raggiunto Michael Schumacher sulla vetta della Formula 1, e proprio con Schumacher Bonnington esordì nelle vesti di ingegnere di pista (era il Gran Premio del Belgio del 2011) dopo anni trascorsi nelle vesti di data-engineer per lo stesso Michael e in precedenza di Jenson Button ai tempi della Brawn GP.

“Ricordo molto bene la prima volta in cui Lewis entrò nella sede del team Mercedes – ha rivelato Bonnington a Sky Uk – la mia prima impressione è che fosse arrivata una rockstar! Avevo appena terminato il mio lavoro con Michael e quando vidi entrare Lewis dentro di me pensai…’Wow, questo è Lewis, sarà lui a raccogliere il testimone’. Stavo passando dall’interagire con una leggenda ad un ragazzo che poco dopo essere arrivato mi ha chiesto di iniziare… a lavorare”.

Bonnington ha poi spiegato l’evoluzione di Hamilton nel corso di questi anni:
“Il talento si è visto subito, ovviamente, ma non era lucido come oggi. Se analizziamo ciò che ha fatto nel Gran Premio di Turchia emerge un pilota che ha una forza incredibile che va ben oltre il talento. Per quanto fossi ottimista, non credevo che fosse possibile vincere quella corsa, ci siamo trovati in una situazione critica ma lui ha sempre avuto tutto sotto controllo. Ha una visione del contesto incredibile”.

“In una gara come quella di domenica scorsa – ha proseguito ‘Bono’ – c’è un’alternanza di emozioni, dall’euforia alla paura di non farcela, e la tensione è molto alta. Quello che provo a fare con Lewis è di mantenere un livello costante, senza sbalzi, provando a smorzare i dubbi. Negli anni il rapporto tra me e Lewis è cambiamo moltissimo, è nata una fiducia reciproca che ci permette di capirci al volo".

"Siamo cresciuti entrambi dal 2013 ad oggi, quando ho iniziato a lavorare con Lewis anche io avevo meno esperienza, ma le basi me le ero fortunatamente costruite lavorando con Michael. Grazie a quell’esperienza non ho avuto dubbi nell’andare avanti con Lewis, non ho avuto soggezione”.

“Anno dopo anno – ha concluso Bonnington – abbiamo continuato a motivarci a vicenda, riuscendo a migliorare il nostro rapporto e a porci sempre nuove sfide, che ci hanno consentito di non smettere mai di apprendere ed andare avanti. Non ci siamo mai fermati, è fantastico lavorare con persone così motivate e motivanti. Andremo avanti? Certo, non abbiamo ancora finito…”.

condivisioni
commenti
Giornalismo in lutto: è morto Nestore Morosini
Articolo precedente

Giornalismo in lutto: è morto Nestore Morosini

Prossimo Articolo

Le F1 sporche rivelano i segreti dell'aerodinamica

Le F1 sporche rivelano i segreti dell'aerodinamica
Carica commenti
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021
F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum Prime

F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum

In Qatar abbiamo assistito all'ennesima, stucchevole situazione in cui i toni dei contendenti al titolo iridato si sono alzati in maniera esagerata. Oltre a quello, situazione che avevamo preso in esame, all'indice va messo il comportamento di chi governa il Circus iridato, più simile a quello di sceneggiatori alle prese con una serie tv anziché con una pagina clamorosa di storia dello sport.

Formula 1
23 nov 2021