Binotto uscirà rafforzato o brutalmente ridimensionato?

Non serve giudicare i due piloti Ferrari quando hanno per le mani una monoposto, la SF1000, che non è competitiva. Importante sarà il ruolo del team principal che deve fare scelte importanti per scuotere il team in piena crisi.

Binotto uscirà rafforzato o brutalmente ridimensionato?

Due riflessioni secondo me s’impongono, a commento di questo complicato momento (momentaccio?) della Ferrari. Ecco la prima. Ho letto di tutto e di più sulle due gare disputate a Zeltweg, la prima con il miracoloso podio di Charles Leclerc (e con il maldestro sbaglio di Vettel), la seconda con il disastroso cozzo proprio del Principino su Sebastian.

Ho visto prima esaltare le doti di Charles – che in gara 1 ha piazzato due sorpassi decisivi e magistrali – e dopo il patatrac di gara 2 andare oltre la cosa più normale, ovvero censurarlo per un errore grave.

Invece no: adesso si azzardano addirittura valutazioni di ordine psicologico, oltre che sulla sua smania di fare e sul suo sentirsi nelle condizioni di dover dimostrare al più presto di meritare il rango di capitano.

In questo scenario, pure Sebastian Vettel è finito nei premi: c’è chi pensa che la spiegazione del crash subìto dipenda dalla decisione della Ferrari di non mandarlo via già da questa stagione.  

Sì, ormai Seb è conciato come il tipo dei Brutos (quelli del Carosello della Cera Grey, citazione riservata a chi è un pelo attempato e ha vissuto i magici anni 60) che prendeva sberle sempre e comunque.

Mamma mia! Cominciamo allora a dire che la cosa più sensata è ricorrere al famoso “rasoio di Occam”, il principio secondo cui la spiegazione più semplice è anche quella che ha maggior senso e valore.

In questo caso il rasoio dice qualcosa di evidente: la SF1000 è una macchina sostanzialmente sbagliata o con seri difetti di gioventù, al di là della famosa questione della power unit. Il suo non essere competitiva spedisce i due ferraristi nella zona grigia della griglia – e occhio che quella nera potrebbe non essere lontana –, aumentando il rischio di ritrovarsi nel traffico e nei pasticci.  

Da qui deriva la considerazione numero due. Da questo momento in poi il ruolo di Mattia Binotto diventa più che mai centrale: deve scuotere il team sul piano dell’organizzazione, delle scelte, delle priorità, del rapporto tempo/risultati; e deve poi amministrare anche risvolti umani non certo semplici, trovando un punto di caduta adeguato tra la smania e il talento di Leclerc e il rischio che Vettel – la cui gestione nel 2019 non ci è parsa impeccabile – si senta come un intruso e come uno che non vede l’ora di andarsene.

Morale: da questa vicenda il Binotto team principal uscirà o rafforzato in modo definitivo o brutalmente ridimensionato. Non vediamo, per ora, una terza via.

condivisioni
commenti
Alfa Romeo: Kubica farà 4-5 libere, ma sono da definire
Articolo precedente

Alfa Romeo: Kubica farà 4-5 libere, ma sono da definire

Prossimo Articolo

Pirelli, Isola: "In Ungheria essenziale la gestione temperature"

Pirelli, Isola: "In Ungheria essenziale la gestione temperature"
Carica commenti
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021