Binotto uscirà rafforzato o brutalmente ridimensionato?

Non serve giudicare i due piloti Ferrari quando hanno per le mani una monoposto, la SF1000, che non è competitiva. Importante sarà il ruolo del team principal che deve fare scelte importanti per scuotere il team in piena crisi.

Binotto uscirà rafforzato o brutalmente ridimensionato?

Due riflessioni secondo me s’impongono, a commento di questo complicato momento (momentaccio?) della Ferrari. Ecco la prima. Ho letto di tutto e di più sulle due gare disputate a Zeltweg, la prima con il miracoloso podio di Charles Leclerc (e con il maldestro sbaglio di Vettel), la seconda con il disastroso cozzo proprio del Principino su Sebastian.

Ho visto prima esaltare le doti di Charles – che in gara 1 ha piazzato due sorpassi decisivi e magistrali – e dopo il patatrac di gara 2 andare oltre la cosa più normale, ovvero censurarlo per un errore grave.

Invece no: adesso si azzardano addirittura valutazioni di ordine psicologico, oltre che sulla sua smania di fare e sul suo sentirsi nelle condizioni di dover dimostrare al più presto di meritare il rango di capitano.

In questo scenario, pure Sebastian Vettel è finito nei premi: c’è chi pensa che la spiegazione del crash subìto dipenda dalla decisione della Ferrari di non mandarlo via già da questa stagione.  

Sì, ormai Seb è conciato come il tipo dei Brutos (quelli del Carosello della Cera Grey, citazione riservata a chi è un pelo attempato e ha vissuto i magici anni 60) che prendeva sberle sempre e comunque.

Mamma mia! Cominciamo allora a dire che la cosa più sensata è ricorrere al famoso “rasoio di Occam”, il principio secondo cui la spiegazione più semplice è anche quella che ha maggior senso e valore.

In questo caso il rasoio dice qualcosa di evidente: la SF1000 è una macchina sostanzialmente sbagliata o con seri difetti di gioventù, al di là della famosa questione della power unit. Il suo non essere competitiva spedisce i due ferraristi nella zona grigia della griglia – e occhio che quella nera potrebbe non essere lontana –, aumentando il rischio di ritrovarsi nel traffico e nei pasticci.  

Da qui deriva la considerazione numero due. Da questo momento in poi il ruolo di Mattia Binotto diventa più che mai centrale: deve scuotere il team sul piano dell’organizzazione, delle scelte, delle priorità, del rapporto tempo/risultati; e deve poi amministrare anche risvolti umani non certo semplici, trovando un punto di caduta adeguato tra la smania e il talento di Leclerc e il rischio che Vettel – la cui gestione nel 2019 non ci è parsa impeccabile – si senta come un intruso e come uno che non vede l’ora di andarsene.

Morale: da questa vicenda il Binotto team principal uscirà o rafforzato in modo definitivo o brutalmente ridimensionato. Non vediamo, per ora, una terza via.

condivisioni
commenti
Alfa Romeo: Kubica farà 4-5 libere, ma sono da definire

Articolo precedente

Alfa Romeo: Kubica farà 4-5 libere, ma sono da definire

Prossimo Articolo

Pirelli, Isola: "In Ungheria essenziale la gestione temperature"

Pirelli, Isola: "In Ungheria essenziale la gestione temperature"
Carica commenti
Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due! Prime

Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due!

Lewis Hamilton e Max Verstappen se le sono suonate in pista a Silverstone, mentre Toto Wolff e Christian Horner continuano a beccarsi a livello mediatico. I due team principal stanno alimentando la rivalità sportiva con comportamenti e dichiarazioni che andrebbero misurati. Quali saranno gli effetti in Ungheria di questi atteggiamenti aggressivi e utilitaristici?

F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1 Prime

F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1

Grand Prix 2 e Formula 1 '96 sono due giochi che hanno segnato un'era a cavallo della metà degli anni '90. Titoli di riferimento al momento dell'uscita, possono essere riconosciuti come veri e propri precursori del genere arcade e simulativo che ha aperto la strada ai videogames odierni

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari Prime

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari

Nonostante la giovane età Callum Ilott ha vissuto numerose esperienze nel motorsport. Dopo essere stato scaricato da Helmut Marko, l'inglese ha trovato una seconda opportunità con la Ferrari e adesso punta con decisione ad un ruolo da titolare in F1 nel 2022.

Formula 1
26 lug 2021
F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring Prime

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring

Piquet, Senna, Schumacher, Vettel... questi sono solo quattro dei tanti nomi che hanno contribuito a fare la storia del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1. Riviviamo insieme alcuni degli episodi più significativi della gara ungherese.

Formula 1
26 lug 2021
Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita Prime

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita

A Silverstone la Scuderia ha sfiorato una clamorosa vittoria con Charles Leclerc. La SF21 è molto migliorata nella gestione delle gomme Pirelli (specie con la mescola media), ma per estrarre il massimo dalla Rossa i due piloti devono portarla il più avanti possibile in qualifica.

Formula 1
24 lug 2021
F1 2021: piloti dal salotto di casa Prime

F1 2021: piloti dal salotto di casa

Andiamo ad analizzare da vicino F1 2021, il videogame dedicato alla stagione attuale di Formula 1 realizzato da Codemasters

Formula 1
24 lug 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top

16esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 2).

Formula 1
22 lug 2021
Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia Prime

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

La storia della Formula 1 è ricca di incidenti, toccatine maliziose e vere e proprie vendette all'arma bianca entrate nell'immaginario collettivo di chi ama questo sport. E quanto visto domenica a Silverstone tra Hamilton e Verstappen sembra non essere destinato a rimanere un caso isolato...

Formula 1
22 lug 2021