Binotto: "Reclamo? Facciano, siamo orgogliosi del nostro motore"

condivisioni
commenti
Binotto: "Reclamo? Facciano, siamo orgogliosi del nostro motore"
Di:
Co-autore: Scott Mitchell
29 ott 2019, 10:43

Il team principal Ferrari ha parlato in esclusiva con Motorsport.com spiegando che non teme alcun reclamo sulla power unit più potente della F1, ma è dispiaciuto di leggere dubbi sulla legalità del motore. Mattia aspetta una risposta FIA e sottolinea che la competitività della Rossa è dovuta anche all'efficianza aerodinamica.

La richiesta di chiarimento alla FIA l’ha scritta la Red Bull-Honda, ma Nikolas Tombazis, responsabile tecnico monoposto della Federazione Internazionale non ha ancora risposto. Non che l’ingegnere greco non voglia esprimere il suo parere, ma diciamo che i suoi tempi sono piuttosto lunghi rispetto a quelli che Charlie Whiting aveva abituato il paddock della F1.

E così è montata una lamentela strisciante che in Messico avrebbe potuto portare a un reclamo ufficiale della Mercedes, con Toto Wolff che alla fine ha preferito lasciare perdere dopo che si era sapientemente sparsa la voce nel Circus.

Insomma, se la Mercedes ha dominato per cinque anni con una superiorità tecnica schiacciante era perché erano bravi, ma se comincia a vincere la Ferrari è perché c’è qualcosa di irregolare.

Mattia Binotto, team principal del Cavallino, ci tiene a sottolineare con Motorsport.com, che la legalità della power unit non è in discussione e anzi il suo team è "orgoglioso" del suo vantaggio tecnico.

In rettilineo le SF90 sono capaci di raggiungere velocità massime nettamente superiori, rivelando una supremazia del motore EVO 3 che ha fatto innervosire gli avversari. Nella Scuderia sono tranquilli e accoglierebbero con favore l’eventuale reclamo in modo da chiarire la loro posizione di legalità.

“In primo luogo ci tengo a dire che tutti i team di F1 stanno lavorando molto duramente per ottenere vantaggi competitivi. E noi ci siamo impegnati per migliorare la nostra power unit che era certo la migliore quando sono entrate in vigore nel 2014 le normative sull’ibrido”.

“Se siamo davanti adesso, dovremmo semplicemente esserne orgogliosi. Voglio essere chiaro: in qualche modo è un peccato leggere ciò che ho letto su internet o sui giornali. Altri concorrenti hanno avuto un vantaggio in passato e nessuno gli ha dato la colpa per questo”.

Binotto sostiene che la Ferrari è "così rilassata che la questione del reclamo non ci interessa" anche se sarebbe meglio se la FIA rispondesse e respingesse i dubbi per quanto sia più "…un problema per gli altri che nostro".

"La FIA vede i dati di telemetria di tutti e può osservare la conformità delle power unit ai regolamenti e fa continue verifiche a ogni singola gara. Non ho segnalazioni di proteste o lamentele da parte della FIA”.

Mattia ammette che la Ferrari “…ha un vantaggio nel motore, forse non grande come la gente può credere, ma è il frutto solo di un duro lavoro e per questo ne siamo molto orgogliosi".

Binotto spiega che la superiorità della Rossa sui rettilinei (in alcuni dritti ha accumulato un vantaggio che è arrivato fino a otto decimi!) non è data solo dal motore ma da un progetto aerodinamico finalizzato alla massima efficienza che determina una minore resistenza all’avanzamento.

"Non siamo quelli che hanno il maggior carico aerodinamico. Questo spiega perché non siamo così veloci i curva. Ma se hai un carico aerodinamico minore hai anche meno resistenza. E questo è l’ovvio. Penso che la combinazione di meno carico aerodinamico e meno resistenza ci dia un vantaggio sui rettilinei, oltre a un certo vantaggio che deriva dal motore".

Dopo la sosta estiva la Ferrari ha trovato il giusto equilibrio per sfidare la Mercedes conquistando le ultime sei pole position, mentre nella prima parte della stagione ha faticato a trovare il giusto bilanciamento, faticando a mandare in temperatura le gomme anteriori.

"Abbiamo fatto dei progressi tanto sul motore quanto sull'auto perché dall'inizio della stagione abbiamo incrementato molto il carico aerodinamico sulla monoposto tanto che oggi siamo più vicini a i nostri concorrenti”.

“La nostra supremazia sui rettilinei non piace, ma noi non incolpiamo gli altri per essere così veloci in curva. Lo sono perché hanno un trucco? Non credo proprio come non l’abbiamo in rettilineo”.

"Quindi la differenza la fa solo il modo in cui si gestisce il progetto e lo sviluppo della monoposto”.

Scorrimento
Lista

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
1/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
2/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Ferrari SF90

Ferrari SF90
3/20

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF90, ala posteriore

Ferrari SF90, ala posteriore
4/20

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
5/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Ferrari SF90, confronto dell'ala anteriore

Ferrari SF90, confronto dell'ala anteriore
6/20

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
7/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Ala anteriore della Ferrari SF90

Ala anteriore della Ferrari SF90
8/20

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Meccanici della Ferrari preparano l'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF90, in garage

Meccanici della Ferrari preparano l'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF90, in garage
9/20

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
10/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Ferrari SF90, dettaglio del musetto visto da sotto

Ferrari SF90, dettaglio del musetto visto da sotto
11/20

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
12/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari SF90 al Parc Ferme

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari SF90 al Parc Ferme
13/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

L'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF90, primo classificato, al Parc Ferme

L'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF90, primo classificato, al Parc Ferme
14/20

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
15/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Ferrari SF90, bargeboard

Ferrari SF90, bargeboard
16/20

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari, nell'abitacolo della Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari, nell'abitacolo della Ferrari SF90
17/20

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90, supera il team Ferrari al muretto box

Charles Leclerc, Ferrari SF90, supera il team Ferrari al muretto box
18/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari SF90 nel garage

Ferrari SF90 nel garage
19/20

Foto di: Giorgio Piola

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, pit stop

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, pit stop
20/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Isola: "Venerdì ogni pilota avrà due set della mescola C4 2020"

Articolo precedente

Isola: "Venerdì ogni pilota avrà due set della mescola C4 2020"

Prossimo Articolo

Vettel critica gli specchietti: "Dobbiamo indovinare dove andare"

Vettel critica gli specchietti: "Dobbiamo indovinare dove andare"
Carica commenti