Binotto: "Nel 2021 Ferrari il secondo posto è un obiettivo"

Il team principal Ferrari nella chiacchierata con i media italiani ha sottolineato che la Scuderia si candida per tornare in lizza per il mondiale dal 2022, ma questo non significa che cercherà di lottare al massimo delle sue potenzialità anche prima. E in merito al prossimo anno Mattia conta in un rilancio con il motore nuovo e le modifiche aerodinamiche per contendere alla Red Bull il secondo posto nel mondiale Costruttori.

Binotto: "Nel 2021 Ferrari il secondo posto è un obiettivo"

C’è un presente ed un futuro che non è lontano, ma neanche dietro l’angolo. In merito alla situazione della Ferrari a tenere banco è il Mondiale in corso, che gara dopo gara evidenzia i limiti del progetto SF1000, con una riscossa annunciata (a partire dal Presidente John Elkann) a partire del 2022.

In mezzo c’è però un’altra stagione, ovvero la prossima, e del 2021 si parla di rado, quasi fosse una coda del Mondiale in corso a causa dei vincoli imposti dal regolamento.

Non tutto però sarà congelato, ed i team lo sanno molto bene, ad iniziare dalla Ferrari, che ha un obiettivo ben preciso: il secondo posto, ovvero i migliori tra coloro che non si chiamano Mercedes.

“Rispetto ad alcuni mesi fa ci sono delle limitazioni che non si possono negare – ha spiegato il team principal del Cavallino – la power unit potrà essere rinnovata in vista del prossimo anno, e questo è un buon punto di partenza”.

I motoristi sono già al lavoro in vista di un 2021 che dal loro punti di vista è tutt’altro che scontato, anche se qualche vincolo da rispettare c’è...
“Il regolamento impone delle limitazioni in merito al numero di ore in cui si può lavorare al banco – ha confermato Binotto – sappiamo che arriverà una power unit nuova, ma avremo meno opportunità di sviluppo rispetto a quelle che avremmo avuto in una situazione di totale libertà".

"Il telaio è in gran parte congelato, potremo solo fare due modifiche che abbiamo già deciso. L’aerodinamica è invece libera, ma anche su questo fronte sono state introdotte delle limitazioni che hanno ridotto del 20% il numero di ore in cui si può utilizzare la galleria del vento”.

Uno degli ostacoli che devono affrontare i tecnici della Scuderia è quello di partire da un progetto che non è nato nel migliore dei modi...
“Ci sono delle limitazioni che hanno un impatto su un progetto che oggi ha uno svantaggio prestazionale rispetto ai migliori – ha spiegato Binotto - credo che da parte nostra si potrà migliorare, ma ambire a poter battere la Mercedes credo che sia in qualche modo sbagliato, perché oggi il divario è enorme considerando che siamo in Formula 1. Però il secondo posto deve essere considerato assolutamente un obiettivo possibile”.

Un obiettivo comunque rispettabile, considerando che oggi Leclerc e Vettel per puntare al podio devono sperare in errori altrui o circostanze eccezionali.

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, alla conferenza stampa dei team principal
Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, alla conferenza stampa dei team principal
1/15

Foto di: FIA Pool

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, ai box
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, ai box
2/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
3/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, parla con i suoi ingegneri
Sebastian Vettel, Ferrari, parla con i suoi ingegneri
4/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, alla conferenza stampa dei team principal
Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, alla conferenza stampa dei team principal
5/15

Foto di: FIA Pool

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
6/15

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, e Laurent Mekies, Direttore Sportivo, Ferrari
Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, e Laurent Mekies, Direttore Sportivo, Ferrari
7/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

I meccanici della Ferrari con l'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, dopo i problemi tecnici
I meccanici della Ferrari con l'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, dopo i problemi tecnici
8/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

L'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, sul carroattrezzi dopo i problemi tecnici
L'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, sul carroattrezzi dopo i problemi tecnici
9/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

L'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, sul carroattrezzi dopo i problemi tecnici
L'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, sul carroattrezzi dopo i problemi tecnici
10/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Confronto ala anteriore della, Ferrari SF1000, GP Ungheria, GP Gran Bretagna
Confronto ala anteriore della, Ferrari SF1000, GP Ungheria, GP Gran Bretagna
11/15

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari e Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
Charles Leclerc, Ferrari e Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
12/15

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
13/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
14/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 si ritira dalla sessione
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 si ritira dalla sessione
15/15

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ferrari e Renault fanno appello. La McLaren si defila!

Articolo precedente

Ferrari e Renault fanno appello. La McLaren si defila!

Prossimo Articolo

Caso Racing Point: anche Williams si piega alla Mercedes

Caso Racing Point: anche Williams si piega alla Mercedes
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021