Binotto: "Mi piacerebbe vincere più GP dell'anno scorso"

condivisioni
commenti
Binotto: "Mi piacerebbe vincere più GP dell'anno scorso"
Di:
27 set 2019, 17:49

Il team principal Ferrari a Sochi ha fatto il punto della situazione: non ci saranno altri sviluppi importanti sulla SF90. Fare meglio dello scorso anno è segno che la squadra sta crescendo. Il pacchetto di Singapore è frutto di qualcosa della macchina 2020 che è stato anticipato adesso.

Passato, presente e un occhio ad un futuro ormai dietro l’angolo. Mattia Binotto ha parlato a lungo nella serata di Sochi, facendo il punto sulla situazione tecnica e gestionale della squadra, una radiografia che arriva in un momento molto positivo per il Cavallino. L’impressione è che il tris di successi possa essere l’inizio di un ciclo, un lavoro (quello svolto durante questa stagione) destinato a diventare un’onda positiva anche in vista del prossimo Mondiale.

Mattia come ci si sente ad avere la monoposto più veloce in pista?
“Non credo che siamo stati i più veloci oggi, ma sicuramente eravamo competitivi e questa per noi è una conferma importante. Singapore è stato un weekend fantastico, il nuovo pacchetto aerodinamico ha funzionato, ma penso che sia altrettanto importante confermare il suo funzionamento questo weekend, su una tipologia differente di pista. La macchina oggi si è comportata bene, siamo stati veloci. In generale, abbastanza felice almeno per oggi”.

Nella sessione FP2 abbiamo visto Seb dietro Charles, e poi viceversa: avete provato le scie?
“No, è stata solo una coincidenza. Ovviamente la scia è abbastanza importante qui in Russia, ma la prepareremo eventualmente per la qualifica qualora non dovesse esserci la pista bagnata, perché in caso di pioggia la situazione è completamente diversa. La scia va considerata, non sarà un vantaggio enorme ma comunque una variabile importante”.

Gli aggiornamenti che avete introdotto sulla SF90 saranno utili anche per la vettura 2020?
“O forse…viceversa. Potrebbe anche essere che gli aggiornamenti previsti sulla monoposto del prossimo anno siano stati portati sulla vettura attuale. Ma in generale qualsiasi lavoro si faccia sull'auto attuale, vista la stabilità dei regolamenti è sicuramente interessante anche per il prossimo anno, così come qualsiasi soluzione realizzata in questa stagione in termini di comprensione sarà fondamentale anche per 2020".

"È per questo che ci stiamo ancora concentrando sul 2019, non solo perché siamo a caccia di vittorie ma anche perché sappiamo che una buona conoscenza generale della vettura attuale sarà la comprensione per la prossima stagione”.

Il successo degli aggiornamenti portati a Singapore, è stato legato anche dalla comprensione di cosa non aveva funzionato in Francia?
“Non è così. Dal GP di Spagna abbiamo constatato che le prestazioni erano pessime sui circuiti ad alto carico e curve lente, ed abbiamo fatto molti sforzi internamente per cercare di capire quali fossero i punti deboli della monoposto, passando dalla gestione delle gomme alla ricerca della direzione di sviluppo da seguire".

"C’è stato uno sviluppo costante, non abbiamo portato pezzi nuovi solo a Singapore ma già in diverse altre gare precedenti ci sono state delle novità, e diciamo che a Singapore abbiamo tirato le somme. Non si è trattato solo di aero, anche se questo è stato uno dei punti deboli che abbiamo riscontrato, è stato cruciale comprendere perfettamente la vettura, trovando il giusto compromesso sull'equilibrio e l’assetto”.

Andrete avanti con la stessa filosofia per il 2020 o cercherete un'altra direzione?
“In merito all’ala anteriore credo che in questo momento qualcuno ci stia copiano, guardano più noi di quanto noi si guardi gli altri. La monoposto del prossimo anno sarà uno sviluppo di quella attuale, sviluppare un'auto efficiente è sempre positivo per il risparmio di carburante e la velocità".

"Se analizziamo questa stagione tra le vittorie centrate e le occasioni mancate per poco, non penso che siamo in una direzione sbagliata, ma ci siano stati altri motivi a causa dei queli in questo Mondiale non abbiamo raccolto quanto previsto, non è solo il concetto di auto perché quando abbiamo sistemato alcune criticità i risultati sono arrivati, e gli ultimi fine settimana lo hanno dimostrato”.

Credi che la gestione di due piloti senza gerarchie possa costare dei punti alla squadra? La Mercedes ha un chiaro leader…
“Per come la vedo io la Mercedes ha due piloti di punta, ed in passato hanno vinto sia con Hamilton che con Rosberg quando erano in squadra insieme, quindi non credo sia impossibile. Sono molto contento dei piloti che abbiamo, credo che oggi un ottimo mix tra una figura d’esperienza ed un giovane di talento, per Charles avere Seb accanto a lui è un fattore chiave".

"Come stiamo affrontando quel fronte? Penso che non ci stiamo comportando male, stiamo gestendo i nostri piloti in gara, e loro stanno capendo cosa vuole la squadra da loro. Non lo vedo come un problema o una limitazione”.

Hai citato delle opportunità mancate. Hai più rimpianti ora a causa della forma attuale?
“Avere rimpianti non porta a nulla, bisogna guardare avanti. Se non abbiamo raccolto quanto previsto, o abbiamo perso opportunità per altri motivi, è per nostre responsabilità. E, quindi, serve imparare dagli errori ed assicurarsi che non si ripetano in futuro. Non è una questione di rimpianto, lo sarebbe se non imparassimo dagli errori commessi, ma al contrario vedo una squadra che sta crescendo, e questo è l’aspetto più importante”.

 

Avete ancora ulteriori aggiornamenti per le prossime gare?
“Direi che ora a Maranello siamo davvero concentrati sulla macchina del prossimo anno, e se arriverà qualcosa saranno novità minori”.

In qualifica avete confermato un’ottima performance, ma a Singapore non abbiamo visto un gran passo gara. Avete ancora qualche punto interrogativo in merito?
“Ci siamo confermati più competitivi in ​​qualifica che in gara, ma con differenze da pista a pista. Su alcuni circuiti non siamo stati forti come previsto, in altri è andata meglio, in Bahrain siamo stati i più forti nel ritmo di gara, anche in Austria, Germania, Belgio, ecc".

"Non credo che abbiamo un problema nel ritmo di gara, ma che siamo competitivi su determinati circuiti al punto da essere i primi, mentre su altri, come tutti, magari va peggio. Poi è vero che andiamo meglio in qualifica perché abbiamo dei vantaggi: la comprensione delle gomme sul singolo giro e la potenza massima”.

Il vantaggio in qualifica ti ha sorpreso, dove esprimete una grande potenza in un giro? Il passo avanti è arrivato in un momento in cui la concorrenza sembra convergere...
Non sono pienamente d'accordo con quello che hai detto. Non credo che le altre power unit stiano convergendo, credo ancora che ci siano differenze tra i quattro produttori. Oggi abbiamo probabilmente il motore più potente, ma non credo che tutti i nostri avversari siano allo stesso livello, ed alla fine il nostro vantaggio non è grande come immaginate. C’è un vantaggio, okay, ma un’ottima velocità sul dritto dipende anche dalla monoposto, dalla sua resistenza. Abbiamo un vantaggio di motore ma non enorme come quello che ha avuto la Mercedes in passato, quando avevano semplicemente la power unit migliore”.

Quali obiettivi vi siete posti a questo punto della stagione? Provare a vincere tutte le prossime gare? Il campionato?
“Sarebbe bello fare almeno meglio dell'anno scorso, così la squadra dimostrerebbe che stiamo migliorando. So che abbiamo avuto un brutto inizio di stagione, e questo ci ha complicato le cose, ma non è impossibile. Quello dovrebbe essere il primo obiettivo, quindi proviamoci, e se diventerà possibile fare di più non ci tireremo certo indietro”.

Temete le qualifiche sul bagnato?
“Se hai una buona monoposto, ben bilanciata, deve essere competitiva in ogni condizione. Anche se sarà bagnato resta un circuito con lunghi rettilinei, e sappiamo che i piloti possono fare la differenza, e noi possiamo contare su due piloti di punta”.

Scorrimento
Lista

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
1/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Logo della Ferrari sul musetto dell'auto

Logo della Ferrari sul musetto dell'auto
2/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
3/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari, dettaglio tecnico

Ferrari, dettaglio tecnico
4/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
5/15

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
6/15

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
7/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
8/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
9/15

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Un fan porta una bandiera della Ferrari

Un fan porta una bandiera della Ferrari
10/15

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Ferrari, dettaglio tecnico

Ferrari, dettaglio tecnico
11/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari, dettaglio tecnico

Ferrari, dettaglio tecnico
12/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Membri del team Ferrari al lavoro in garage

Membri del team Ferrari al lavoro in garage
13/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
14/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari arriva in pista

Sebastian Vettel, Ferrari arriva in pista
15/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Vettel: "Sembriamo competitivi, ma è stata una giornata strana"

Articolo precedente

Vettel: "Sembriamo competitivi, ma è stata una giornata strana"

Prossimo Articolo

Ufficiale: McLaren torna ai motori Mercedes dal 2021!

Ufficiale: McLaren torna ai motori Mercedes dal 2021!
Carica commenti