Binotto: "La velocità Ferrari sul dritto è migliorata"

Il team principal della Ferrari è molto prudente nei giudizi alla conclusione dei test in Bahrain: il capo della Gestione Sportiva è soddisfatto della raccolta dati e della correlazione con la galleria del vento e la simulazione, così come sembra migliorato il motore, mentre non vuole analizzare le prestazioni, rinviando il giudizio alle qualifiche del primo GP.

Binotto: "La velocità Ferrari sul dritto è migliorata"

Mattia Binotto non si sbilancia, e per le valutazioni in merito alla competitività del progetto SF21 rimanda tutto al Gran Premio del Bahrain.

Il team principal del Cavallino non ha accennato a criticità, confermando invece una certa soddisfazione per il lavoro di raccolta dati e la successiva correlazione con le simulazioni effettuate a Maranello.

Sul fronte dei riscontri emersi dalla tre-giorni di Sakhir, Binotto ha sottolineato il ritorno ad una velocità di punta adeguata, fattore che nel 2020 era stato una spina nel fianco della Scuderia, e un’atmosfera molto buona all’interno della squadra, complice anche l’arrivo di Carlos Sainz.

Riepilogo del test fino ad ora?
“Sapevamo che con soli tre giorni a disposizione questi test sarebbero stati molto impegnativi e intensi, e così è stato. Finora è andato tutto liscio, la priorità era sicuramente quella di capire il comportamento della monoposto, mappando tutte le condizioni, ed abbiamo concentrato le nostre energie in questa direzione. Sono stati raccolti molti dati, ed ora dovranno essere analizzati per capire le variazioni che ci sono tra la pista, la galleria del vento, la simulazione, ecc. In termini di raccolta dati tutto è andato molto bene, abbiamo completato il chilometraggio pianificato”.

Come ti è sembrato Carlos?
“Questo è stato un altro aspetto molto importante dei nostri test. In precedenza Carlos aveva già guidato alcune Ferrari degli anni precedenti, un’opportunità per iniziare il processo di integrazione nella squadra. Credo che il suo inserimento sia stato ottimo, anche nella relazione con Charles si sta adattando molto bene, non solo in pista ma anche fuori, e le cose in questo senso sono molto incoraggianti, sono molto contento”.

Hai detto che i dati evidenziati dalla nuova power unit sul banco prova erano molto positivi. Dopo il primo test in pista avete la certezza di aver recuperato il gap che avevate lo scorso anno?
“Avevamo i riscontri del motore al banco, ma ovviamente la conferma arriva solo quando lo si monta in macchina e si va in pista. In quel momento si ha la possibilità di valutare la velocità ed il confronto con gli avversari. Quando abbiamo corso su questa pista lo scorso anno siamo stati molto lenti in rettilineo, con il risultato che non siamo entrati in Q3 confermandoci molto lontani dal tempo della pole position".

"Se valutiamo i primi dati che abbiamo raccolto in queste prove, in termini di velocità sul dritto direi che va meglio, non sembra esserci uno svantaggio come l'anno scorso. Sappiamo che non è solo questione di potenza, ma anche di resistenza all’avanzamento della monoposto, come abbiamo sottolineato spesso l'anno scorso, diciamo che entrambi i fronti hanno contribuito a migliorare la nostra velocità sui rettilinei. Oggi riteniamo che non sia più uno svantaggio”.

Oggi nel turno del mattino avete completato una simulazione di gara ritrovandovi in pista insieme all’Alfa, impegnata nello stesso programma. I tempi sul giro sono stati simili, credi che questi riscontri siano in linea con le vostre aspettative?
“Non ho guardato i tempi delle altre squadre perché siamo più concentrati sulla raccolta dei dati e sulla comprensione del comportamento della nostra vettura nelle varie condizioni. In questi giorni il meteo è stato piuttosto variabile, le condizioni sono state molto ventose, molto calde, e spesso con molta sabbia in pista".

"Oggi si è confermato il giorno migliore, ma come ho detto, siamo concentrati su noi stessi, e trovo difficile confrontarci con gli altri e non potendo conoscere il programma di lavoro di tutti. Alla fine penso che ogni singola squadra cercherà di ottimizzare il pacchetto da qui all'inizio della stagione, sfruttando i dati che abbiamo raccolto. Per i confronti dobbiamo attendere ancora due settimane, e le prime gare della stagione”.

Avete puntato molto sul retrotreno della monoposto, decidendo di intervenire particolarmente in quell’area. Quali sono stati i riscontri emersi finora?
“Abbiamo cercato di sviluppare il più possibile la parte posteriore della macchina, e in questi giorni è stato importante capire la correlazione tra la galleria del vento e le simulazioni, quindi raccogliere dati da confrontare".

"Siamo abbastanza soddisfatti della correlazione, il che significa che abbiamo una buona base di riferimento per le prossime simulazioni e per gli sviluppi. La correlazione è un fattore chiave e finora sembra essere andato tutto molto bene”.

Le nuove regole che hanno ridotto la dimensione del fondo, possono di fatto aver svantaggiato le squadre con un maggiore rake?
“Onestamente non sono la persona giusta a cui porre questa domanda, anche se ho un background tecnico! Ovviamente è stato un bel cambiamento per tutte le squadre, tutti abbiamo perso una parte significativa di prestazioni aerodinamiche, ma non credo che stia favorendo una particolare soluzione".

"Ogni singola monoposto è un concetto complessivo di macchina e si cerca sempre di ottimizzare tutti gli aspetti attorno ad essa, per rispondere alla domanda si dovrebbe fare un confronto diretto, ed è qualcosa che ovviamente non abbiamo fatto”.

Come commenti la riunione in cui avete discusso della gara sprint?
“È stato un incontro positivo, siamo felici di supportare questa idea. Ci sono ancora alcuni dettagli che devono essere affrontati e sui quali stiamo ancora lavorando, ma non credo che saranno degli ostacoli. È solo questione di analizzare la proposta in tutti gli aspetti, ma ci stiamo lavorando e speriamo nei prossimi giorni che il tutto possa essere annunciato”.

Com’è l’atmosfera nella squadra? Cosa è cambiamo rispetto a dodici mesi fa?
“È sempre un momento molto difficile quando non si ottiene ciò che si vorrebbe. È molto difficile perché se sei la Scuderia Ferrari la tua ambizione e il tuo obiettivo sono sempre i massimi in assoluto, vogliamo il meglio".

"Ma devo dire che nonostante lo scorso anno l'atmosfera sia stata in certi momenti difficile, siamo rimasti uniti. Sarebbe stato facile ritrovarci in una situazione diversa vista le pessime prestazioni che abbiamo ottenuto, ma la squadra è rimasta unita, cercando di lavorare e migliorare".

"Ora siamo all'inizio di una nuova stagione, con una monoposto diversa, e in qualche modo abbiamo nuove speranze, quindi è normale che ora l'atmosfera sia sicuramente migliore. Ma penso anche che l’arrivo di Carlos sia stato un bene, insieme a Charles forma una coppia di piloti molto giovani e allo steso tempo esperti, e si stanno adattando bene in pista e fuori pista contribuendo a creare nella squadra un’atmosfera fantastica. Sappiamo anche che sarà una stagione lunga, con ben 23 gare, e potrebbero esserci delle difficolta, quindi dobbiamo essere preparati e concentrati sul nostro obiettivo a lungo termine, e non dimenticarlo”.

Avete aderito alla campagna di vaccinazione offerta dal Bahrain dopo la verifica con le autorità sanitarie italiane?
“Penso che sia stata un'offerta molto gentile e una grande opportunità per tutti noi. Ovviamente l’adesione è stata una scelta individuale, ma la maggior parte del team l'ha accettata. Ci tengo a sottolineare che l'organizzazione è stata fantastica, rendendo tutto molto semplice e veloce, ed anche io ho aderito. Abbiamo fatto una verifica con le autorità italiane per assicurarci che non ci fossero delle controindicazioni, e alla fine tutti siano stati felici di cogliere questa opportunità”.

condivisioni
commenti
Hamilton: "Red Bull? Ora ha macchina e piloti più forti"
Articolo precedente

Hamilton: "Red Bull? Ora ha macchina e piloti più forti"

Prossimo Articolo

Perez: "La Red Bull ha del potenziale e possiamo crescere!"

Perez: "La Red Bull ha del potenziale e possiamo crescere!"
Carica commenti
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021