Binotto: "La SF21 ci darà qualche soddisfazione"

Il team principal della Scuderia analizza il sesto posto di Leclerc e l'ottavo di Sainz: il reggiano non guarda la grande differenza da Red Bull e Mercedes, ma apprezza nel vedere la Rossa sfidare la McLaren nella battaglia per il terzo posto nel mondiale Costruttori. Mattia è soddisfatto del clima positivo che si è creato in squadra fra i due piloti e si aspetta qualche bel risultato nel corso della stagione.

Binotto: "La SF21 ci darà qualche soddisfazione"

Leclerc sesto e Sainz ottavo. Il bilancio della Ferrari in Bahrain è in chiaro scuro perché la Rossa ha rimediato un distacco di un minuto dalla Mercedes di testa, ma è stata in grado di lottare contro la McLaren che si è confermata a Sakhir come la terza forza del Circus.

Mattia Binotto, team principal della Scuderia, preferisce guardare al bicchiere mezzo pieno, sottolineando che il salto di qualità rispetto allo scorso anno c’è stato, ma è indubbio che la speranza è di vedere crescere la SF21 in parallelo con la squadra e i piloti.

La Ferrari molto deficitaria nei pit stop l’anno scorso, si è riallineata ai valori dei migliori evitando errori marchiani che hanno colpito un team blasonato come la Mercedes…

“C’è ancora molta strada da fare se guardiamo ai migliori e il nostro obiettivo è quello di migliorarci: oggi trarremo delle indicazioni e guarderemo i dati”.

“Ci siamo battuti con McLaren anche se Charles ha perso la posizione e Carlos è arrivato a ridosso di Ricciardo, per quanto la sua gara sia stata compromessa dalla posizione di partenza. Però ha fatto una buona gara solida come lui usa fare e siamo concentrati su quello che potremo fare a Imola”.

La coppia di piloti sembra una risorsa positiva per la Ferrari…
“Sono molto contento dei due piloti perché posso contare su entrambi: questa è una buona cosa perché dà spirito e voglia di crescere insieme con la squadra. Oggi era solo la prima gara: ci daranno le loro sensazioni per capire la macchina e dove migliorare i pit stop e la strategia. Questo è l’obiettivo di questa stagione, dove non si svilupperà molto la vettura perché siamo molto concentrati sul 2022. L’importante è che gli sviluppi sia utili e positivi”.

Che voto daresti alla Scuderia?
“Non vorrei dare un voto alla primissima gara visto che ce ne saranno altre ventidue. Penso che questa vettura potrà darci qualche soddisfazione, forse più di quelle che abbiamo avuto oggi, però contiamo di lavorare di più e meglio”.

La seconda fila in qualifica di Leclerc è da considerare un exploit?
“Non lo chiamerei un exploit, ma conosciamo la nostra vettura sia per quanto riguarda la crescita in galleria e al simulatore e venendo a fare i test la cosa importante è stata che abbiamo trovato una buona correlazione fra la pista e casa”.

“La vettura si comporta in pista come ci aspettavamo e devo dire che questo, rispetto allo scorso anno, è stato il primo passo avanti. Questa è la base sulla quale costruire gli sviluppi e la vettura dell’anno prossimo. A livello di metodologia di lavoro e di strumenti a Maranello abbiamo fatto sicuramente dei miglioramenti e, quindi, la qualifica non è stata una sorpresissima, ma un buon punto di partenza. Certo dobbiamo fare ancora meglio”.

L’approccio di Sainz è sembrato positivo…
“Si è stato molto positivo. Abbiamo scelto Carlos perché sapevamo che in gara era molto forte e anche oggi l’ha dimostrato. Sta prendendo fiducia con la macchina e si sta inserendo molto bene in squadra. Sta lavorando molto bene con Charles”.

“Quindi bene tutti e due: sapere di contare che uno o l’altro ci potranno portare delle soddisfazioni è positivo, perché c’è uno spirito per crescere. Carlos e Charles non erano avversari uno per l’altro, ma dobbiamo guardare a chi ci sta davanti. Solo nel giorno in cui saremo davanti a tutti allora si batteranno tra di loro”.

Pensi che Mercedes e Red Bull che hanno iniziato una bella sfida fra di loro possano sviluppare le monoposto 2021 togliendo risorse al prossimo anno?
“Sarei sorpreso se Red Bull e Mercedes utilizzassero molto tempo per sviluppare le vetture 2021 perché ne abbiamo già molto poco, penso soprattutto alla galleria per la vettura 2022”.

Quali aspettative ci sono in questa stagione?
“Red Bull e Mercedes oggi sono monoposto più forti di noi e lottare per il podio diventa difficile a meno che fra di loro non succeda qualcosa. Noi possiamo sicuramente lottare per essere la terza forza del campionato Costruttori”.

Quali sono le piste dove la SF21 potrebbe regalare delle soddisfazioni ai tifosi del Cavallino?
“Oggi abbiamo lottato contro la McLaren, mentre l’anno scorso c’era una grande differenza. Ci dovremo tarare sui circuiti dove magari l’anno scorso la nostra vettura si comportava meglio per avere un piccolo vantaggio, ma è difficile fare un pronostico sulle piste nelle quali saremo un po’ meglio noi o un po’ meglio loro: credo che saremo sempre vicini”.

“Se guardiamo al primo stint le prestazioni si sono appiattite, per cui la lotta sarà serrata non solo con la McLaren, ma anche con Aston Martin, Alpine e AlphaTauri, che al di là del risultato in gara ha fatto un ottimo weekend”.

condivisioni
commenti
Verstappen: "Avrei preferito la penalità di tempo"

Articolo precedente

Verstappen: "Avrei preferito la penalità di tempo"

Prossimo Articolo

Podcast: Chinchero analizza il GP del Bahrain

Podcast: Chinchero analizza il GP del Bahrain
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP del Bahrain
Sotto-evento Post-gara
Location Bahrain International Circuit
Piloti Carlos Sainz Jr. , Charles Leclerc
Team Ferrari
Autore Franco Nugnes
Piola: “La Mercedes a Imola ha giocato l’asso nella manica” Prime

Piola: “La Mercedes a Imola ha giocato l’asso nella manica”

Andiamo ad analizzare insieme a Franco Nugnes e Giorgio Piola le principali novità tecniche introdotte nel corso del venerdì del Gran Premio del Made in Italy e dell'Emilia Romagna, con Mercedes che è tornata a fare la voce grossa

Podcast, Bobbi: "Ferrari, sorpresa di giornata" Prime

Podcast, Bobbi: "Ferrari, sorpresa di giornata"

Andiamo ad analizzare il venerdì di prove libere del GP del Made in Italy e dell'Emilia Romagna di Formula 1 insieme a Marco Congiu e Matteo Bobbi. In questo podcast, il due volte iridato FIA GT e volto di Sky Sport F1 ci spiega cosa occorra per andare forti ad Imola, oltre a parlarci di una Mercedes sui binari ed una Ferrari vera sorpresa di giornata

Podcast: Chinchero analizza le Libere del GP dell'Emilia Romagna Prime

Podcast: Chinchero analizza le Libere del GP dell'Emilia Romagna

Roberto Chinchero e Giacomo Rauli analizzano nel podcast i primi 2 turni di prove libere del Gran Premio dell'Emilia Romagna, secondo appuntamento del Mondiale 2021 di Formula 1. Buon ascolto!

Piola: "Alpine, nuova ala anteriore sulla A521" Prime

Piola: "Alpine, nuova ala anteriore sulla A521"

La Formula 1 torna in pista e lo fa ad Imola. Andiamo ad analizzare le prime novità tecniche con il nostro inviato Giorgio Piola e il direttore di Motorsport.com, Franco Nugnes.

Formula 1
15 apr 2021
Larini: “Schumacher non mi ha voluto come compagno in Ferrari" Prime

Larini: “Schumacher non mi ha voluto come compagno in Ferrari"

Continua la nostra serie di interviste esclusive ai protagonisti del mondo delle competizioni a due e quattro ruote. In questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Nicola Larini - ex pilota di Formula 1 e pilota Ferrari - racconta la propria esperienza in occasione del GP di San Marino del 1994 - gara che lo ha visto protagonista - situazione alla quale aggiunge anche rivelazioni mai dette circa la possibilità di essere titolare per la Scuderia di Maranello nel 1996, situazione alla quale Michael Schumacher mise il veto

Formula 1
15 apr 2021
Mercedes: nuova divisione dei compiti a livello tecnico Prime

Mercedes: nuova divisione dei compiti a livello tecnico

La squadra di Brackley la scorsa settimana ha ufficializzato che James Allison farà un passo indietro e dal 1 luglio cambierà ruolo per lasciare la figura di direttore tecnico a Mike Elliott. Andiamo a scoprire cosa c'è dietro a questa decisione e quali implicazioni avrà nel breve e nel futuro.

Formula 1
14 apr 2021
Ceccarelli: “Capelli all’inizio sbagliava alimentazione” Prime

Ceccarelli: “Capelli all’inizio sbagliava alimentazione”

Terza puntata della rubrica Doctor F1 in compagnia di Franco Nugnes e del dottor Riccardo Ceccarelli, medico con esperienza ultratrentennale in Formula 1. In questa puntata, andiamo a toccare il delicato tema dell'alimentazione di un pilota

Formula 1
14 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021