Formula 1
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
88 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
95 giorni
G
GP del Vietnam
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
109 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
123 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
137 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
144 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
158 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
172 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
179 giorni
G
GP di Francia
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
193 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
200 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
214 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
228 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
256 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
263 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
277 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
284 giorni
G
GP del Giappone
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
298 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
312 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
319 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
333 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
347 giorni

Binotto: "Il terzo posto di Charles era il nostro massimo"

condivisioni
commenti
Binotto: "Il terzo posto di Charles era il nostro massimo"
Di:
1 dic 2019, 17:00

Il team principal Ferrari spiega la strategia con il doppio pit stop anticipato: oggi la squadra del Cavallino ha giocato in difesa subendo l'attacco della Mercedes e anche della Red Bull. Mattia glissa su Hamilton, mentre parla della Rossa 2020 che è già a buon punto se non nello sviluppo aerodinamico che andrà avanti.

Mattia Binotto tiene il punto. Non si lascia disarmare da un GP di Abu Dhabi che ha ridimensionato le ambizioni Ferrari, relegando le Rosse al ruolo di terza forza dietro a Mercedes e Red Bull. I valori della qualifica sono stati confermati anche dal risultato della gara, per quanto la squadra del Cavallino abbia tentato due doppi pit stop per scompaginare le carte…

“Charles aveva 2”5 di vantaggio su Verstappen che stava aumentando il suo ritmo per arrivare a tiro di undercut. Per noi era importante fermarci abbastanza presto e andare con le dure che potevano durare per tutta la gara, almeno erano quelle le indicazioni che ci erano arrivate da venerdì”.

“Era un modo per rimanere davanti e mantenere la posizione e cercare di andare in fondo, anche se poi così non è stato. Più avanti, quando Verstappen ha messo le gomme più fresche, è riuscito a sorpassare Charles. Leclerc ha fatto un secondo pit stop in quel momento non perché non potesse andare in fondo, ma perché aveva la possibilità di fermarsi senza perdere la posizione e così era più sicuro in questo modo”.

 

La strategia alternativa non ha funzionato, però…
“Oggi non era la gara migliore per noi visti i presupposti, per cui era necessario tentare qualcosa. L’unica cosa che potevamo fare era di tentate di guadagnare il terzo posto nel mondiale con Charles, ma sapevamo che era molto difficile visto che era a 11 punti da Max. Come obiettivo, quindi, volevamo provare qualcosa, ma arrivare terzi con Charles era la nostra posizione di oggi”.

Per Leclerc è stato importante il decimo podio…
“Vedere Charles sul podio è stato importante. Ha fatto una bella gara e una bella stagione. Si è meritato il terzo posto in gara e stare fuori dal podio sarebbe stato un vero peccato”.

Nel paddock c’è chi dice che Vettel potrebbe fermarsi dopo questa gara…
“Sebastian è sicuramente molto motivato e l’ha dimostrato in questa seconda parte di stagione. E’ stato un campionato lungo, si è arrivati alla ventunesima gara con delle ambizioni in meno, però Seb sarà con noi l’anno prossimo senza alcun dubbio e sono sicuro che lo ritroveremo motivatissimo”.

Quali sono le priorità dell’inverno?
“La priorità dell’inverno è restare concentrati. La macchina è già a buon punto, ma rimane un po’ di sviluppo aerodinamico da fare. Dobbiamo cercare di lavorare uniti per lavorare bene. Uno pensa che una volta finita la stagione sia il momento delle vacanze, in realtà è il momento più intenso. È per questo che dobbiamo restare sulle priorità più importanti”.

Si parla di Hamilton a Maranello nel 2021…
“Ahahah, Lewis nel 2021? Direi che è troppo presto, credo che ancora una volta si debba parlare del 2020 perché è appena finito il 2019 e siamo tutti concentrati sulla prossima stagione”.

Leggi anche:

La Red Bull fa paura anche in chiave futura?
“La Red Bull fa paura in prospettiva 2020, 21 e 22. È una grande squadra, la è sempre stata ed è cresciuta. È cresciuto molto anche il motore oltre al loro telaio e hanno tante risorse a loro disposizione. Bisognerà farci i conti sicuramente”.

La sfida Charles–Max è già esaltante adesso…
“Bella, certamente. Ed è bello anche per noi essere parte di questa sfida. Io ho sempre detto che degli avversari così forti raramente si sono visti in F1. Ci sono tre squadre molto forti. Ce n’è una da battere che è la Mercedes: credo che tutti ci stiamo attrezzando per provare a batterla”.

Questione benzina?
“Dobbiamo ancora capire i dettagli, ma andremo dai commissari e capiremo: noi siamo abbastanza tranquilli perché conosciamo le nostre procedure e riusciremo a spiegare eventuali incomprensioni”.

Scorrimento
Lista

Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG, e Mattia Binotto, Team Principal Ferrari

Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG, e Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
1/15

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
2/15

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Foto ufficiale del Team Ferrari, che include Sebastian Vettel, Ferrari, Charles Leclerc, Ferrari, Mattia Binotto, Team Principal Ferrari e Laurent Mekies, Direttore Sportivo, Ferrari

Foto ufficiale del Team Ferrari, che include Sebastian Vettel, Ferrari, Charles Leclerc, Ferrari, Mattia Binotto, Team Principal Ferrari e Laurent Mekies, Direttore Sportivo, Ferrari
3/15

Foto di: Manuel Goria / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
4/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
5/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, e Charles Leclerc, Ferrari, terzo classificato, festeggiano sul podio con lo champagne

Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, e Charles Leclerc, Ferrari, terzo classificato, festeggiano sul podio con lo champagne
6/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Alexander Albon, Red Bull RB15

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Alexander Albon, Red Bull RB15
7/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, arriva sulla griglia

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, arriva sulla griglia
8/15

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
9/15

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
10/15

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
11/15

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, dopo l'incidente

Sebastian Vettel, Ferrari, dopo l'incidente
12/15

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, dopo l'incidente

Sebastian Vettel, Ferrari, dopo l'incidente
13/15

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, dopo l'incidente

Sebastian Vettel, Ferrari, dopo l'incidente
14/15

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
15/15

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Leclerc: "In gara manca ancora qualcosa alla Ferrari"

Articolo precedente

Leclerc: "In gara manca ancora qualcosa alla Ferrari"

Prossimo Articolo

Bottas: "Il podio era possibile, ma 20 giri senza DRS..."

Bottas: "Il podio era possibile, ma 20 giri senza DRS..."
Carica commenti