Binotto ammette che la Ferrari può pescare sul mercato

Il team principal ha spiegato che in questo momento difficile punta sulla stabilità: ha rinunciato al ruolo di direttore tecnico ripartendo il ruolo su quattro tecnici che stima e di cui ha fiducia (Cardile, Resta, Mekies e Gualtieri), ma non esclude che il Reparto Corse possa essere rinforzato nelle aree più deboli con nuovi professionisti.

Binotto ammette che la Ferrari può pescare sul mercato

Mattia Binotto ha spiegato i motivi che hanno determinato la ristrutturazione dei ruoli tecnici avvenuta di recente a Maranello. Secondo il team principal del Cavallino la necessità di riorganizzare i ruoli è un’esigenza nata con la sua promozione al timone della Scuderia, ma che ha richiesto tempo per diventare operativa.

“Un anno fa ho acquisito il ruolo di team principal – ha confermato Binotto - ed in quel momento ero anche direttore tecnico. È stato un cambiamento improvviso, e non si può ristrutturare un dipartimento in un giorno. Nel 2019 ho coì mantenuto il contatto con i tecnici e sono stato coinvolto nelle decisioni, diciamo non proprio in tutte perché avevo comunque altri compiti a cui dovermi dedicare”.

“Un anno dopo – ha proseguito Binotto - questo mio cambio di ruolo si è potuto completare, ed oggi ho delegato le responsabilità tecniche a delle persone indubbiamente capaci. Abbiamo individuato dei responsabili delle varie aree che oggi hanno delega, responsabilità e tutto il supporto per poter operare al meglio. Il cambio organizzativo è stato quindi il compimento di un’evoluzione del mio passaggio da direttore tecnico a team principal. Spero che questa nuova organizzazione possa garantire una spinta in più nell’individuare i problemi”.

Il dato più evidente nella ristrutturazione dei ruoli avvenuta a Maranello è la fiducia confermata ai tecnici presenti nell’organico, una decisione che però non esclude la possibilità di innesti nel medio e lungo periodo.
“Penso che la stabilità e la fiducia negli uomini sia un elemento fondamentale per costruire qualcosa di importante in ottica futura – ha chiarito Binotto - e lo si è visto nel passato. Lo abbiamo vissuto anche in Ferrari alla fine degli anni 90, ma basta guardare cosa hanno fatto le altre squadre: un team di qualità lo si costruisce nel tempo”.

“Ma l’aver dato fiducia non significa che non aggiungeremo alla nostra struttura altri professionisti qualora lo riterremo opportuno – ha confermato il team principal del Cavallino - se ci sarà bisogno di rafforzare delle aree in cui oggi ci sentiamo deboli agiremo di conseguenza. Aver confermato chi oggi opera nel team non vuol dire che l’organizzazione rimarrà così com’è in eterno. Questo è un punto di partenza nel quale è stata garantita fiducia a tecnici che hanno saputo fare delle buone vetture nelle scorse stagioni, credo che conoscenze e capacità ci siano”.

Un ultimo aspetto riguarda la conferma dell’assenza di un direttore tecnico tradizionale, una figura di riferimento per tutto ciò che riguarda le attività tecniche della Scuderia. Una scelta che Binotto non vede come un’anomalia:
“Non esiste una squadra con un responsabile che guida l’intera area tecnica. In Mercedes c’è un chi dirige il reparto motori che è separato da quello del telaio. Bisogna capire cosa si intende per direttore tecnico: se ci riferiamo al telaio, noi abbiamo due persone che sono Enrico Cardile e Simone Resta, che si occupano di sviluppo delle prestazioni e dello chassis engineering, vale a dire realizzare la vettura una volta definite le linee guida”.

“Un ultimo aspetto da sottolineare – ha concluso Binotto - è che la Ferrari sta continuando a investire, come ad esempio nel nuovo simulatore, l’azienda sta mettendo a disposizione della Gestione Sportiva risorse, tempo e la possibilità di fare bene”.

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
1/10

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
2/10

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
3/10

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01
4/10

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Confronto ala anteriore della Ferrari SF1000, GP d'Austria vs GP di Gran Bretagna
Confronto ala anteriore della Ferrari SF1000, GP d'Austria vs GP di Gran Bretagna
5/10

Foto di: LAT Images

Il volante della, Ferrari SF90, di Sebastian Vettel
Il volante della, Ferrari SF90, di Sebastian Vettel
6/10

Foto di: Giorgio Piola

La Ferrari SF1000 Sebastian Vettel è spinta dai meccanici nella corsia dei box
La Ferrari SF1000 Sebastian Vettel è spinta dai meccanici nella corsia dei box
7/10

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
8/10

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
9/10

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari
Charles Leclerc, Ferrari
10/10

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ghini: "La Ferrari saprà uscire dal tunnel: vedo un progetto"

Articolo precedente

Ghini: "La Ferrari saprà uscire dal tunnel: vedo un progetto"

Prossimo Articolo

LIVE Formula 1, GP 70° Anniversario: Libere 3

LIVE Formula 1, GP 70° Anniversario: Libere 3
Carica commenti
Norris: l'errore fatale è presunzione o inesperienza? Prime

Norris: l'errore fatale è presunzione o inesperienza?

Lando Norris è protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. L'inglese è il vero sconfitto del Gran Premio di Russia di Formula 1: dopo aver condotto buona parte della gara, il pilota McLaren sbaglia a proseguire con gomma slick mentre la pista andava asciugandosi. La troppa voglia di fare bene, spesso, è cattiva consigliera

Minardi: "Norris straordinario, la McLaren complice nell'errore" Prime

Minardi: "Norris straordinario, la McLaren complice nell'errore"

Il Gran Premio di Russia è crocevia della stagione 2021 di Formula 1. A brillare è - in parte - la stella di Lando Norris, che getta alle ortiche una vittoria meritata. Vittoria che, alla fine, va a Lewis Hamilton: la centesima della carriera per il pilota Mercedes. Ma a Brackley c'è poco da gioire: Verstappen, partito ultimo, chiude al secondo posto...

Formula 1
27 set 2021
Bobbi: "Norris, l'errore di guida... è del team!" Prime

Bobbi: "Norris, l'errore di guida... è del team!"

Andiamo ad analizzare il Gran Premio di Russia di Formula 1 in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret, in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu. Dopo una gara stupenda, Lando Norris e la McLaren sbagliano la chiamata più importante della loro stagione, gettando alle ortiche una vittoria quasi conquistata

Formula 1
27 set 2021
Jordan: dal debutto shock in F1 ad una fine ingloriosa Prime

Jordan: dal debutto shock in F1 ad una fine ingloriosa

John Watson è stato il primo pilota a provare la neonata Jordan 191 trovandola subito eccellente. L'ex pilota racconta in prima persona tutte le sensazioni dei primi passi del team di Eddie Jordan in Formula 1.

Formula 1
26 set 2021
GP Russia: Norris, prima pole della carriera! Prime

GP Russia: Norris, prima pole della carriera!

Lando Norris riporta la McLaren in pole position e si prende la prima posizione nelle qualifiche del GP di Russia di Formula 1. Al suo fianco l'inglese trova la Ferrari di Carlos Sainz. Terzo il solito sorprendente Russell, davanti alla Mercedes di Lewis Hamilton

Formula 1
26 set 2021
Piola: "Russell straordinario con una Williams più carica" Prime

Piola: "Russell straordinario con una Williams più carica"

In questo nuovo video di Motorsport. com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i motivi che hanno portato il Gran Premio di Russia a regalare una qualifica sorprendente: McLaren in pole, con Norris, davanti a Sainz e Russell. Cos'ha reso questi tre piloti così veloci?

Formula 1
25 set 2021
Bobbi: "Norris prende i cordoli come sull'asciutto" Prime

Bobbi: "Norris prende i cordoli come sull'asciutto"

In questa nuova puntata di Piloti Top Secret, andiamo ad analizzare i vari stili di guida in occasione delle qualifiche del GP di Russia di F1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu

Formula 1
25 set 2021
Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi " Prime

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi "

Andiamo ad analizzare le soluzioni tecniche che hanno esordito nel venerdì di Prove Libere del Gran Premio di Russia, commentandole in maniera dettagliata in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola

Formula 1
24 set 2021