F1, Barcellona, Libere 2: dietro alle Mercedes c'è la Ferrari!

Hamilton è stato il più veloce nella seconda sessione di prove libere del GP di Spagna di poco più di un decimo sul comapgno Bottas, ma le Mercedes sono state incalzate dalla Ferrari di Leclerc terza. Bene le Alpine con Ocon davanti ad Alonso e le due AlphaTauri, con Gasly rintuzzato da Tsunoda. Non ha entusiasmato Sainz ottavo, mentre si sono mascoste le Red Bull con Verstappen nono e Perez, decimo.

F1, Barcellona, Libere 2: dietro alle Mercedes c'è la Ferrari!

La Ferrari subito dietro alle due Mercedes a Barcellona. Charles Leclerc addirittura il più veloce nel T3, l'ultimo tratto della pista catalana dove la Rossa ha sempre sofferto. Questo è il responso più appariscente alla conclusione della seconda sessione di prove libere del GP di Spagna. E la SF21 non ha sofferto con le gomme sebbene l'asfalto abbia superato i 41 gradi, la soglia che in Portogallo aveva mandato in crisi le gialle. 

Lewis Hamilton con la Mercedes è arrivato a 1'18"170 con le soft e il campione del mondo si è preso la testa della classifica davanti al compagno di squadra Valtteri Bottas, distanziato di appena 139 millesimi. Le frecce nere che sono apparse a Barcellona danno la sensazione di aver risolto i guai che avevano afflitto la W12 all'inzio della stagione pur non avendo portato delle novità tecniche, migliorando la comprensione della vettura.

La Red Bull non ha scoperto le carte con Maz Verstappen, nono, e Sergio Perez, decimo. I due piloti di Milton Keynes non hanno chiuso un giro pulito nella simulazione da qualifica. Max, in particolare, stava volando con la mescola morbida, ma è arrivato largo alla nuova curva 10: l'olandese ha esagerato per cui ha dovuto abortire il giro. Il distacco della RB16B di 615 millesimi non è realistico. Max è parso più nervoso del solito: è finito nell'erba anche all'inizio del long run sporcando le gomme e in un'escursione ha rotto l'ala anteriore.

Le prestazioni delle Red Bull sono rimaste lontane da quelle delle Mercedes nella simulazione di gara, ma è lecito pensare che stiano facendo un po' di pretattica per rimescolare le carte. E, allora, dietro alle frecce nere è spuntata davvero a sorpresa la Ferrari di Charles Leclerc capace di un 1'18"335 a 165 millesimi dalla testa e a 26 millesimi da Bottas. Nemmeno il più ottimista dei tifosi del Cavallino poteva aspettarsi un verdetto così interessante da parte delle Rosse su una pista che un banco di prova probante.

Si tratta di tempi del venerdì che vanno presi con le molle, perché le due Alpine, per esempio, sono arrivate a ridosso di Leclerc: Esteban Ocon, splendido quarto, ha preceduto il compagno di squadra Fernando Alonso per 52 millesimi di secondo. La A521 è in crescita, ma è lecito domandarsi se la McLaren, molto in palla nel turno del mattino, sia rimasta parecchio abbottonata, seguendo la strategia della Red Bull e giocando a nascondino.

E così a emergere dietro alle Alpine ci sono le due AlphaTauri con Pierre Gasly incalzato dal giovane Yuki Tsunoda. I due piloti di Faenza sono stati davanti a Carlos Sainz solo ottavo: lo spagnolo ha rotto un pezzo del fondo su un cordolo e non ha mai trovato il passo migliore con un'aerodinamica compromessa.

Fuori dalla top 10 c'è Sebastian Vettel con l'Aston Martin: il tedesco si conferma davanti a Lance Stroll relegato al 14esimo posto: la AMR21 sembra in ripresa, ma la strada da percorrere è ancora molto lunga.

Bellissima la prova di Antonio Giovinazzi che colloca l'Alfa Romeo alla 13esima piazza rifilando tre decimi a Kimi Raikkonen. Il finlandese  aveva saltato la sessione del mattino per fare spazio a Robert Kubica chiamato a speriemntare alcune parti per il 2022!

Kimi ha finito dietro a Daniel Ricciardo che prosegue il suo momento no con la squadra di Woking. La Williams è 17esima con George Russell e 18esima con Nicholas Latifi: fra i due solo 43 millesimi, ma l'inglese non ha disputato il turno del mattino per dare la possibilità a Nissany.

In ultima fila le due Haas con Mick Schumacher davanti a Nikita Mazepin . Niente di nuovo...

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 United Kingdom Lewis Hamilton Mercedes 32 1'18.170     214.378
2 Finland Valtteri Bottas Mercedes 31 1'18.309 0.139 0.139 213.998
3 Monaco Charles Leclerc Ferrari 28 1'18.335 0.165 0.026 213.927
4 France Esteban Ocon Alpine 29 1'18.466 0.296 0.131 213.570
5 Spain Fernando Alonso Alpine 30 1'18.518 0.348 0.052 213.428
6 France Pierre Gasly AlphaTauri 32 1'18.593 0.423 0.075 213.225
7 Japan Yuki Tsunoda AlphaTauri 30 1'18.619 0.449 0.026 213.154
8 Spain Carlos Sainz Jr. Ferrari 30 1'18.674 0.504 0.055 213.005
9 Netherlands Max Verstappen Red Bull 26 1'18.785 0.615 0.111 212.705
10 Mexico Sergio Perez Red Bull 23 1'18.918 0.748 0.133 212.346
11 Germany Sebastian Vettel Aston Martin 30 1'18.947 0.777 0.029 212.268
12 United Kingdom Lando Norris McLaren 28 1'19.092 0.922 0.145 211.879
13 Italy Antonio Giovinazzi Alfa Romeo 29 1'19.122 0.952 0.030 211.799
14 Canada Lance Stroll Aston Martin 29 1'19.134 0.964 0.012 211.767
15 Australia Daniel Ricciardo McLaren 28 1'19.195 1.025 0.061 211.604
16 Finland Kimi Raikkonen Alfa Romeo 30 1'19.213 1.043 0.018 211.556
17 United Kingdom George Russell Williams 29 1'19.957 1.787 0.744 209.587
18 Canada Nicholas Latifi Williams 26 1'20.046 1.876 0.089 209.354
19 Germany Mick Schumacher Haas 30 1'20.326 2.156 0.280 208.624
20 Russian Federation Nikita Mazepin Haas 27 1'20.753 2.583 0.427 207.521

 

condivisioni
commenti
F1: i dati finanziari migliorano dopo un 2020 disastroso

Articolo precedente

F1: i dati finanziari migliorano dopo un 2020 disastroso

Prossimo Articolo

Verstappen lontano ma fiducioso: "Siamo andati bene"

Verstappen lontano ma fiducioso: "Siamo andati bene"
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021