Barcellona, Libere 1: Bottas rilancia la Mercedes, Ferrari staccata

condivisioni
commenti
Barcellona, Libere 1: Bottas rilancia la Mercedes, Ferrari staccata
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
11 mag 2018, 10:56

Le due Mercedes fanno il vuoto usando le gomme più dure nel primo turno di prove libere del GP di Spagna, mentre la Ferrari ha fatto delle prove comparative e i tempi non contano. Ricciardo sbatte con la Red Bull.

Valtteri Bottas in Spagna vuole reclamare la superiorità della Mercedes sulla pista di Montmelò. Il vincitore del Trofeo Bandini (che di solito porta fortuna a chi lo riceve) è stato il più velove nella prima sessione di prove libere del GP di Spagna.

Il finlandese ha ottenuto il miglior tempo in 1'18"148 con le gomme a mescola Soft facendo subito meglio rispetto alla pole 2017 di 1'19"149, ma a un secondo dalla prestazione ottenuta da Sebastian Vettel nei test invernali con le Hypersoft.

Il forte vento che soffia con raffiche improvvise e violente, insieme alla pista ancora con poca aderenza, hanno provocato una lunga serie di lunghi e testacoda: ne sa qualcosa Daniel Ricciardo che è andato a sbattere contro le protezioni della Curva 4 con l'anteriore sinistra, rimettendoci l'ala e una sopensione.

Bottas ha trovato un eccellent feeling con la freccia d'argento: Valtteri è riuscito a lascare il campione del mondo Lewis Hamilton a oltre otto decimi. Lewis, va detto, nella seconda parte della sessione si è dedicato a valutare la gomma Medium, quando le condizioni dell'asfalto sono migliorate, per cui il distacco non è affatto significativo. Il team di Brackley, quindi, non ha voluto puntare sulla Supersoft, ma è riuscito a mettere le due W09 davanti a tutti.

Più preoccupante il distacco della Ferrari: Sebastian Vettel è terzo, staccato di quasi un secondo con la SF71H da Bottas. Il campione tedesco ha ottenuto la sua migliore prestazione con pneumatici Superosft in 1'19"098, seguito dalla Red Bull di Max Verstappen a meno di un decimo con 1'19"187. La gomma rossa ha rivelato molto graining e non sembra troppo competitiva con poco grip.

L'olandese è riuscito a infilarsi fra le due Rosse: Kimi è quarto e paga 1"3 dalla Mercedes che è, ovviamente, un distacco non realistico. I tempi della prima sessione vanno sempre presi con le molle: sulla SF71H di Iceman è stato sostituito il fondo dopo aver compreso le prove comparative fra nuovo e vecchio.

Il nuovo muso deve aver dato mordente alla McLaren di Fernando Alonso che ha portato la MCL33 a 1'19"858 che gli è valso il quinto posto a tre decimi dalla Red Bull di Verstappen, la migliore monoposto dotata di motore Renault. La monoposto di Woking sembra in crescita: Stoffel Vandoorne ha chiuso nono a un paio di decimi dal campione spagnolo.

Settima piazza per Daniel Ricciardo che non è più riuscito a tornare in pista dopo l'urto contro le barriere: l'australiano ha preceduto la Haas di Romain Grosjean accreditata di 1'19"906, mentre la top ten è stata completata dalla Toro Rosso di Pierre Gasly spinta dal motore Honda.

Molto positiva la 12esima piazza di Charles Leclerc che con la Sauber C37 è stato preceduto da Kevin Magnussen con la seconda Haas.

Sergio Perez è 13esimo con la rivista Force India, mentre Marcus Ericsson conferma la crescita Sauber con il 14esimo posto.

In difficoltà le Renault: Carlos Sainz ha chiuso solo 15esimo con Nico Hulkenberg 17esimo. Male le Williams che sono in fondo al gruppo: Robert Kubica si è tolto il gusto di stare davanti a Lance Stroll: il polacco ha rifilato 1"2 al canadese con la monoposto di Sirotkin.

Cla#PilotaChassisMotoreGiriTempoGapDistaccokm/h
1 77 finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 32 1'18.148     214.439
2 44 united_kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 22 1'18.997 0.849 0.849 212.134
3 5 germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 24 1'19.098 0.950 0.101 211.863
4 33 netherlands Max Verstappen  Red Bull TAG 26 1'19.187 1.039 0.089 211.625
5 7 finland Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 19 1'19.499 1.351 0.312 210.795
6 14 spain Fernando Alonso  McLaren Renault 26 1'19.858 1.710 0.359 209.847
7 3 australia Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 11 1'19.871 1.723 0.013 209.813
8 8 france Romain Grosjean  Haas Ferrari 24 1'19.906 1.758 0.035 209.721
9 2 belgium Stoffel Vandoorne  McLaren Renault 28 1'20.083 1.935 0.177 209.257
10 10 france Pierre Gasly  Toro Rosso Honda 29 1'20.508 2.360 0.425 208.153
11 20 denmark Kevin Magnussen  Haas Ferrari 28 1'20.637 2.489 0.129 207.820
12 16 monaco Charles Leclerc  Sauber Ferrari 23 1'20.665 2.517 0.028 207.748
13 11 mexico Sergio Perez  Force India Mercedes 36 1'20.924 2.776 0.259 207.083
14 9 sweden Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 18 1'20.984 2.836 0.060 206.929
15 55 spain Carlos Sainz Jr.  Renault Renault 28 1'21.053 2.905 0.069 206.753
16 31 france Esteban Ocon  Force India Mercedes 27 1'21.144 2.996 0.091 206.521
17 27 germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 26 1'21.159 3.011 0.015 206.483
18 28 new_zealand Brendon Hartley  Toro Rosso Honda 28 1'21.373 3.225 0.214 205.940
19 40 poland Robert Kubica  Williams Mercedes 24 1'21.510 3.362 0.137 205.594
20 18 canada Lance Stroll  Williams Mercedes 15 1'22.756 4.608 1.246 202.498

 

 

 

Prossimo Articolo
McLaren: ecco il nuovo muso rivoluzionario che farà scuola

Articolo precedente

McLaren: ecco il nuovo muso rivoluzionario che farà scuola

Prossimo Articolo

Ferrari: gli specchietti attaccati all'Halo attirano i controlli FIA

Ferrari: gli specchietti attaccati all'Halo attirano i controlli FIA
Carica commenti