F1, Austria, Libere 2: la Mercedes tira fuori le unghie

Al Red Bull Ring si risvegliano le Mercedes, prima con Hamilton e seconda con Bottas nella 2 sessione di prove libere del GP d'Austria. Le due W12 hanno preceduto Verstappen con la RB16B grazie a una leggera pioggerellina e a una temperatura dell'asfalto di 15 gradi più bassa della scorsa settimana. Bene le Aston Martin di Stroll e Vettel. La Ferrari, invece, ha rinunciato al giro secco per qualche goccia d'acqua: Sainz è 13esimo e Leclerc 16esimo.

F1, Austria, Libere 2: la Mercedes tira fuori le unghie

E' arrivato il colpo di coda della Mercedes. La squadra campione del mondo ha rinunciato all'assetto aerodinamico più scarico e si è rimessa nella configurazione del GP di Stiria. Sembrava un passo indietro che ne faceva presupporre niente di buono, e, invece, Lewis Hamilton e Valtteri Bottas hanno riportato la W12 in testa alla tabella dei tempi nella seconda sessione di prove libere del GP d'Austria che si disputa al Red Bull Ring.

Lewis Hamilton con le gomme soft nella mescola C5 è sceso a 1'04"523 che ripropone la Mercedes come un'aspirante alla pole position. L'inglese ha lasciato Valtteri Bottas a 189 millesimi che conferma la pronta reazione della squadra di Brackley che non si rassegna a subire la supremazia della Red Bull.

La freccia nera ha impressionato nel giro secco e non ha affatto deluso anche nel long run (anche se Lewis ha fatto un dritto alla curva 4 con un brutto bloccaggio), tenendo conto che una leggera pioggerellina e circa 15 gradi di asfalto in meno si sposano alla perfezione con la W12.

Max Verstappen con la RB16B è terzo ed è l'ultimo pilota ad aver sfondato il muro dell'1'05" in 1'04"740: l'olandese non ha dato la sensazione di aver estratto il massimo dalla sua monoposto, visto che quando ha provato la qualifica cominciava a sgocciolare dal cielo.

I primi tre hanno fatto il vuoto, perché Lance Stroll che è quarto con l'Aston Martin è distanziato di 616 millesimi. Il canadese si è tenuto alle spalle il compagno di squadra Sebastian Vettel. La coppia del team di Silverstone ha preceduto i due piloti dell'Alpha Tauri, con il rookie Yuki Tsunoda capace di mettere le ruote davanti a quelle di Pierre Gasly. La squadra di Faenza sente l'odore di casa e vuole emergere sulla pista di Dietrich Mateschitz, patron Red Bull.

L'ottavo posto è in mano a Fernando Alonso molto costante con l'Alpine: lo spagnolo continua a fare la differenza su Esteban Ocon relegato al 12esimo posto con l'altra A521. Lando Norris ha inserito la McLaren dotata di modifiche al fondo al nono posto (ha vissuto un brivido facendo un testacoda all'uscita di curva 1), mentre Daniel Ricciardo non si schioda dalla 15esima piazza. La crisi dell'australiano prosegue e sta diventando un caso.

La top 10 è completata da Antonio Giovinazzi che si è ripreso l'Alfa Romeo che aveva lasciato a Callum Ilott: l'italiano, che si è presentato in autodromo con la maglia della Nazionale di calcio, non ha avuto problemi di adattamento anche se ha dovuto saltare la FP1. Kimi Raikkonen  ha preso solo un decimo dal pugliese eppure paga ben quattro posizioni (14esimo) in classifica a dimostrazione di quanto sia competitivo il gruppo di centro.

Sergio Perez con la Red Bull è solo 11esimo: non ha impressionato nel giro secco, ma ha mostrato un buon passo nella durata. E la Ferrari? la squadra del Cavallino aveva deciso di calzare le rosse quando ha cominciato ad inumidirsi la pista per le poche gocce d'acqua.fra la curva 3 e la 8.

Carlos Sainz ha abortito il giro e si è preso il 13esimo tempo colto con le gialle, mentre Charles Leclerc ha provato a fare la tornata, ma si è dovuto arrendere per un errore. Non deve sorprendere, quindi, se il monegasco figura solo in 16esima posizione, un piazzamento che non rivela l'effettivo valore delle Rosse mostrato nella sessione del mattino.

In coda c'è George Russell che si è ripreso la Williams affidata a Roy Nissany: l'inglese è 17esimo e precede Mick Schumacher con la Haas, mentre Nicholas Latifi è 19esimo davanti a Nikita Mazepin con la seconda Haas.

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 United Kingdom Lewis Hamilton Mercedes 31 1'04.523     240.918
2 Finland Valtteri Bottas Mercedes 34 1'04.712 0.189 0.189 240.215
3 Netherlands Max Verstappen Red Bull 35 1'04.740 0.217 0.028 240.111
4 Canada Lance Stroll Aston Martin 33 1'05.139 0.616 0.399 238.640
5 Germany Sebastian Vettel Aston Martin 37 1'05.268 0.745 0.129 238.168
6 Japan Yuki Tsunoda AlphaTauri 37 1'05.356 0.833 0.088 237.848
7 France Pierre Gasly AlphaTauri 38 1'05.379 0.856 0.023 237.764
8 Spain Fernando Alonso Alpine 34 1'05.393 0.870 0.014 237.713
9 United Kingdom Lando Norris McLaren 34 1'05.466 0.943 0.073 237.448
10 Italy Antonio Giovinazzi Alfa Romeo 32 1'05.511 0.988 0.045 237.285
11 Mexico Sergio Perez Red Bull 39 1'05.516 0.993 0.005 237.267
12 France Esteban Ocon Alpine 36 1'05.527 1.004 0.011 237.227
13 Spain Carlos Sainz Jr. Ferrari 37 1'05.620 1.097 0.093 236.891
14 Finland Kimi Raikkonen Alfa Romeo 33 1'05.624 1.101 0.004 236.876
15 Australia Daniel Ricciardo McLaren 32 1'05.698 1.175 0.074 236.609
16 Monaco Charles Leclerc Ferrari 33 1'05.708 1.185 0.010 236.573
17 United Kingdom George Russell Williams 36 1'05.819 1.296 0.111 236.174
18 Germany Mick Schumacher Haas 35 1'05.911 1.388 0.092 235.845
19 Canada Nicholas Latifi Williams 38 1'06.014 1.491 0.103 235.477
20 Russian Federation Nikita Mazepin Haas 35 1'06.173 1.650 0.159 234.911

 

condivisioni
commenti
Ferrari: al posteriore c'è l'ala a cucchiaio più scarica

Articolo precedente

Ferrari: al posteriore c'è l'ala a cucchiaio più scarica

Prossimo Articolo

Hamilton: "Mercedes è cresciuta, Red Bull ha del margine"

Hamilton: "Mercedes è cresciuta, Red Bull ha del margine"
Carica commenti
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021
Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato" Prime

Podcast, Bobbi: "Hamilton, la slick era un azzardo esagerato"

Il Gran Premio della Turchia ha messo alla prova le qualità di guida dei piloti e la loro sensibilità in condizioni di difficile lettura. Lewis Hamilton, tentando l'azzardo, avrebbe optato per le gomme slick al pit-stop, ma dal box hanno preferito andare sul sicuro. C'è un mondiale in palio, ogni punto conta

Formula 1
11 ott 2021
Matra: il sogno francese di emergere in Formula 1 Prime

Matra: il sogno francese di emergere in Formula 1

La scuderia francese poteva vantare una conoscenza tecnologica derivante dall'aviazione, ma le problematiche del glorioso V12, e la sfortuna che ha spesso accompagnato i piloti, hanno posto fine in anticipo all'avventura del team in F1.

Formula 1
10 ott 2021