F1 | Austin: fresati i dossi dopo i problemi della MotoGP

Bobby Epstein, responsabile del tracciato che ospita il GP degli Stati Uniti, assicura che sono stati eseguiti dei lavori sulla pista dopo le lamentele del Motomondiale: "Potrei dire a qualche pilota che se girano a Monaco… non avranno problemi a farlo anche qui”.

F1 | Austin: fresati i dossi dopo i problemi della MotoGP

Uno dei primi verdetti che arriverà dal venerdì di Austin è quello relativo allo stato della pista. I piloti sono divisi tra chi non ritiene che i dossi (che hanno condizionato il weekend di MotoGP di tre settimane fa) saranno un grande problema, e chi teme che le sconnessioni dell’asfalto possano mettere in crisi la meccanica delle monoposto.

Le parti che le squadre monitoreranno con attenzione sono trasmissione, sospensioni ed anche la power unit, esposte a rischi di ‘fuorigiri’ se i dossi si confermeranno particolarmente ostici.

Tuttavia il responsabile del circuito di Austin, Bobby Epstein, ha confermato che la pista non presenterà problemi dopo il lavoro eseguito (su richiesta della FIA) per fresare la pista nei punti rivelatisi più problematici durante il fine settimana della MotoGP. Gli interventi hanno riguardato le curve, 2, 3, 4, 6 e 10.

“I dossi non saranno un problema per le monoposto – ha chiarito Epstein – Michael Masi ha fatto un sopralluogo in pista e ci ha chiesto degli ultimi interventi che abbiamo completato tra lunedì e martedì. Forse ci potrebbe essere ancora qualche problema con le moto, ma le monoposto potranno girare regolarmente".

"Per venire incontro anche ai prossimi appuntamenti con le due ruote abbiamo programmato degli interventi ulteriori che sistemeranno in modo definitivo tutti i problemi in vista della stagione 2022”.

Tra i piloti che hanno espresso dei dubbi c’è Pierre Gasly, e Epstein ha risposto agli interrogativi del francese: “Aspettiamo a giudicare, dopo la prima sessione tutti avranno le idee più chiare. Potrei anche dire a qualche pilota che se girano a Monaco… non avranno problemi a farlo anche qui”.

Tra chi, invece, non si pone problemi c’è Kimi Raikkonen, sempre molto diretto nelle sue valutazioni...
“I dossi ci sono sempre stati – ha chiarito – in alcune edizione magari un po' più accentuati di altre, ma non è che non ci siano dossi sulle altre piste. Credo che alla fine sarà tutto okay, se ci hanno corso i piloti di MotoGP dovremmo essere a posto, penso che sia molto più spaventoso gestire i dossi su due ruote rispetto al farlo con le nostre macchine. Magari sentiremo qualche sbalzo, ma dovrebbe essere tutto okay”.

condivisioni
commenti
Alfa Romeo: c'è un inedito flap dell'ala anteriore
Articolo precedente

Alfa Romeo: c'è un inedito flap dell'ala anteriore

Prossimo Articolo

Mercedes: un occhio a quei flussi complessi della W12

Mercedes: un occhio a quei flussi complessi della W12
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura” Prime

Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura”

Insieme a Franco Nugnes ed al dottor Riccardo Ceccarelli andiamo ad analizzare quanto successo in occasione dell'ultimo GP di Formula 1 a Jeddah, dove i piloti si sono dimostrati più forti della paura

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Formula 1
7 dic 2021
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021