Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Formula 1 GP della Cina

F1 | Shanghai: Aston Martin presenta una protesta sul crash di Sainz

L'Aston Martin ha presentato una protesta contro i risultati delle qualifiche del Gran Premio di Cina di Formula 1 in relazione all'incidente di Carlos Sainz che ha causato la bandiera rossa.

Carlos Sainz, Ferrari SF-24

Sainz è uscito di pista all'ultima curva a metà della Q2 e ha fatto scattare la bandiera rossa. Tuttavia, il pilota della Ferrari è riuscito a ripartire e a completare un intero giro per rientrare ai box.

Con un danno minimo, la Ferrari è riuscita a riparare la vettura di Sainz e a farlo rientrare in qualifica, dove è passato alla Q3 e ha conquistato il settimo posto.

La FIA ha annunciato che l'Aston Martin ha presentato una protesta contro i risultati delle qualifiche in base all'articolo 39.6 del regolamento sportivo della F1, che recita: "Qualsiasi pilota la cui vettura si fermi in pista durante la sessione di qualifiche o la Qualifying Sprint non sarà autorizzato a partecipare ulteriormente a quella sessione".

I messaggi di controllo della FIA hanno dichiarato che Sainz era fermo in pista durante il periodo di bandiera rossa, prima che potesse riaccendere la sua Ferrari e tornare ai box.

La regola è in vigore per impedire ai piloti di ricevere assistenza da parte dei commissari o dei mezzi di recupero per poter rientrare nella sessione in regime di bandiera rossa, ma non riguarda il caso in cui un pilota sia in grado di proseguire con le proprie forze.

Photo by: Zak Mauger / Motorsport Images

I rappresentanti dell'Aston Martin e della Ferrari dovranno incontrare i commissari della FIA alle 18:00 locali. È probabile che abbia protestato nel tentativo di far cancellare i tempi di Sainz dalla Q3 e dalla Q2, cosa che promuoverebbe Lance Stroll al 10° posto sulla griglia di partenza e farebbe retrocedere il pilota della Ferrari.

Parlando dell'incidente dopo le qualifiche, Sainz ha detto: "È molto semplice. Ho preso il cordolo all’interno, sono finito un po’ fuori sulla ghiaia e sono andato in testacoda. Non era la situazione ideale, soprattutto in qualifica, ma penso che abbiamo recuperato bene".

“Sinceramente l’ho fatto un po’ apposta [a toccare il muro in quel modo]. Quando ho visto che stavo per andare a muro, ho cercato di girare con un angolo che poteva compromettere di meno la sospensione e l’ala posteriore. Chiaramente è difficile, ma sono riuscito a farlo all’ultimo momento e mi ha permesso di continuare fortunatamente”.

“Abbiamo fatto un buon giro in Q2 per recuperare quel momento e anche per recuperare un po’ di fiducia. Abbiamo dovuto cambiare l’ala anteriore che si comportava un po’ in modo diverso, quindi il comportamento è cambiato un po’, ogni ala anteriore ha qualche differenza e questo non ha aiutato. Ma abbiamo recuperato bene”.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Vasseur: "Il 70% del gap da Verstappen è tra le curve 1 e 3"
Prossimo Articolo Video F1 | D'Alessandro: "McLaren e Ferrari vicine, ma in gara Rossa favorita"

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia