F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Aston Martin AMR21: come tenere la... bocca (più) chiusa

La squadra di Silverstone sulla AMR21 ha cambiato il telaio per adeguare la "verdona" ai concetti della Mercedes W11: le prese di raffreddamento della power unit sono ora sopra al cono anti intrusione laterale, sposando un concetto di più delle frecce nere. Andy Green avrà risolto i problemi di temperatura di cambio eturbo registrati nei test?

Aston Martin AMR21: come tenere la... bocca (più) chiusa

Ecco una bella immagine di Giorgio Piola che ci mostra l’Aston Martin AMR21 in allestimento nei box del Bahrain. La monoposto di Andy Green, come diciamo dal giorno della presentazione, è una F1 che riprende tutti i concetti della Mercedes W11 concessi dal regolamento FIA per cui è molto cambiata rispetto alla Racing Point RP20 dalla quale deriva.

Uno dei gettoni di sviluppo sfruttati ha riguardato il telaio che è stato modificato per portare le bocche dei radiatori sopra al cono anti intrusione laterale che è stato spostato più in basso, mentre sulla “rosa” era l’esatto opposto.

La squadra di Silverstone ha modificato la fluidodinamica delle pance, cambiando il sistema di raffreddamento, scegliendo bocche più chiuse e molto tondeggianti, comunque diverse da quelle della W11.

Con le alte temperature registrate nei test e che rivedremo nel weekend, l’Aston Martin ha sofferto nello smaltire il calore, tanto che hanno patito il cambio Mercedes (in versione 2020) e il turbo della power unit 2021.

Non c’è dubbio che la volontà è stata quella di estremizzare l’aerodinamica con scelte finalizzate a ritrovare il carico perso con il taglio diagonale del fondo nel bordo d’uscita, tant’è che le fiancate sono molto spioventi per favorire un riattacco del flusso grazie all’effetto Coanda, in modo da energizzare l’aria destinata al diffusore posteriore.

In questa fotografia della AMR21 “nuda” è possibile apprezzare il grande lavoro che è stato fatto anche sotto pelle, con le parti elettroniche e idrauliche che sono state perfettamente carenate con una cover in carbonio, per cui esiste una specifica presa di raffreddamento di tutte queste componenti delicate, controllandone con cura anche l’andamento di questi flussi.

L’Aston Martin, insomma, sembra aver “ereditato” non solo i pregi Mercedes ma anche alcuni dei difetti che hanno condizionato la crescita della freccia nera nei test di Sakhir. Da domani vedremo in quale modo i due team… cugini avranno cercato di porre rimedio ai problemi di affidabilità visti due settimane fa.

condivisioni
commenti
Red Bull: ecco il multi link posteriore della RB16B
Articolo precedente

Red Bull: ecco il multi link posteriore della RB16B

Prossimo Articolo

Steiner: "Haas è stata vicina a chiudere. Ora pensiamo al 2022"

Steiner: "Haas è stata vicina a chiudere. Ora pensiamo al 2022"
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura” Prime

Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura”

Insieme a Franco Nugnes ed al dottor Riccardo Ceccarelli andiamo ad analizzare quanto successo in occasione dell'ultimo GP di Formula 1 a Jeddah, dove i piloti si sono dimostrati più forti della paura

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Formula 1
7 dic 2021
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021