Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Ultime notizie
Formula 1 GP dell'Emilia Romagna

F1 | Aston con tante novità seguendo uno sviluppo più aggressivo

Dan Fallows ha parlato del pacchetto di aggiornamenti introdotto a Imola, sottolineando quanto dietro le quinte il team stia spingendo per portare novità tecniche con una certa continuità in un piano di sviluppo definito "aggressivo". Non c'è solo una nuova ala anteriore, ma anche un fondo rivisto in molte delle sue componenti, tra cui il diffusore

Dettaglio dell'ala anteriore dell'Aston Martin AMR24

Imola è la prima tappa europea del calendario, ma è anche l’appuntamento in cui diversi team si sono presentati con sostanziosi pacchetti di aggiornamenti. Senza la sprint a complicare il weekend, dando poco tempo alle squadre per completare i dovuti confronti nelle libere, le scuderie hanno avuto l’intera giornata del venerdì per valutare gli aggiornamenti, potendo effettuare anche delle comparazioni con le vecchie soluzioni.

Ferrari, Mercedes e Red Bull non sono le uniche squadre ad aver portato novità, perché anche Sauber e Aston Martin si sono presentate in riva al Santerno con un nuovo pacchetto per migliorare la vettura. In particolare, la scuderia britannica è intervenuta su ben nove differenti sezioni della AMR24, nel tentativo di proseguire un percorso di sviluppo più aggressivo ed efficace di quello dello scorso anno.

Nel corso di questa stagione Aston Martin ha consolidato il suo posto verso metà classifica, riuscendo ad impensierire in alcune occasioni McLaren e Mercedes, ma senza trovare quella costanza necessaria per rappresentare una minaccia costante anche per Ferrari e Red Bull. Spesso le migliori performance sono arrivate in qualifica, dove la AMR24 si è dimostrata più competitiva della sua progenitrice, mentre ha patito il consumo gomme in gara.

Comparazione ala anteriore Aston Martin AMR24

Comparazione ala anteriore Aston Martin AMR24

Foto di: Giorgio Piola

Secondo il direttore tecnico Dan Fallows, avendo analizzato i dati delle prime gare della stagione con il pacchetto “di lancio”, Aston Martin ha ben compreso quali siano i punti su cui è necessario lavorare per migliorare le prestazioni della AMR24. Da questi numeri hanno preso vita gli aggiornamenti di Imola, che consistono in una nuova ala anteriore e un muso ridisegnato, a cui si aggiungono un fondo riprogettato in molti suoi componenti e degli interventi sulle cover della sospensione posteriore.

"La maggior parte di questo pacchetto di aggiornamenti si è basata sui dati che abbiamo visto dalla vettura di lancio, dalla vettura in prova, e poi su come vogliamo evolverla", ha detto Fallows, che ha anche menzionato come il focus del team si sia concentrato sul rendere la AMR24 non solo più veloce, ma anche più concreta su un’ampia varietà di circuiti invece di dare il meglio solo su un determinato numero di tracciati che presentano determinate caratteristiche.

“Abbiamo visto che alcuni circuiti si adattano meglio di altri e questo è un aspetto su cui ci siamo concentrati per assicurarci di poter essere consistenti ovunque. Siamo in un’era tecnica di vetture a effetto suolo che hanno finestre specifiche di prestazioni. Ovviamente si cerca sempre di ampliare questo aspetto. Quindi, quando si introduce un aggiornamento, ci si vuole assicurare che sia efficace in tutte le diverse condizioni".

Dettaglio posteriore Aston Martin AMR24

Dettaglio posteriore Aston Martin AMR24

Foto di: Giorgio Piola

Aston Martin è stata la sorpresa della prima metà della scorsa stagione, ma è gradualmente scivolata al ruolo di quinta forza perché ha faticato a mantenere il ritmo di sviluppo degli avversari durante l’anno, non sul piano della quantità di aggiornamenti, bensì sulla bontà delle novità tecniche. Le discrepanze tra i dati in fabbrica e quelli in pista avevano portato la squadra britannica su un percorso sbagliato, che solo verso la fine del campionato è riuscita a correggere iniziando a ritrovare una buona correlazione.

Secondo Fallows, gli errori commessi nel mondiale passato hanno rappresentato un elemento cruciale nella stesura di un piano di sviluppo definito “aggressivo” per questa stagione.

"Abbiamo capito dove possiamo spingere di più rispetto al passato e dove invece dobbiamo stare un po' più attenti. È stata un'esperienza di apprendimento e credo che ora abbiamo un po' più di fiducia nel fatto che questi aggiornamenti possano funzionare", ha spiegato Fallows.

Fernando Alonso, Aston Martin AMR24

Fernando Alonso, Aston Martin AMR24

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

"È un piano di sviluppo piuttosto aggressivo. Sapevamo di avere una macchina che garantiva molte opportunità in termini di sviluppi all'inizio della stagione e volevamo assicurarci di avere continui aggiornamenti. Questo è probabilmente il pacchetto più grande che abbiamo portato fino ad ora. Ma fa parte del nostro piano e vogliamo continuare su questa strada anche nelle prossime gare".

La prima giornata di prove, tuttavia, non è andata esattamente come sperato. La classifica racconta un decimo posto finale con Fernando Alonso, anche se all’equazione bisogna aggiungere l’errore di Lando Norris che lo ha portato fuori dalla top ten con una vettura in grado di garantirgli le prime file. Come è già accaduto in altre occasioni, già al venerdì Aston Martin sembra aver girato con mappatura più spinte rispetto agli avversari, come si nota anche dai riferimenti in fondo al rettilineo.

Ciò non toglie, però, che in curva emergano maggiori difficoltà, soprattutto in quelle a media-alta velocità del primo settore e alla Piratella. I problemi emergono però anche nell’ultimo intertempo e, più nello specifico, nelle ultime due curve, dove ancora una volta la AMR24 accusa un gap consistente dai rivali. Aston Martin si è concentrata molto sulla ricerca del setup, effettuando diversi esperimenti, ma al sabato bisognerà trovare la direzione giusta su cui lavorare per migliorare l’assetto dopo il lavoro di raccolta dati.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente LIVE Formula 1 | Gran Premio dell'Emilia-Romagna, Libere 3
Prossimo Articolo F1 | Imola, Libere 3: ci sono due McLaren davanti alle Ferrari

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia