Formula 1
G
GP del Portogallo
02 mag
Gara in
19 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
23 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
61 giorni
G
GP di Francia
27 giu
Gara in
75 giorni
04 lug
Prossimo evento tra
79 giorni
G
GP di Gran Bretagna
18 lug
Gara in
96 giorni
G
GP d'Ungheria
01 ago
Gara in
110 giorni
G
GP del Belgio
29 ago
Gara in
138 giorni
05 set
Gara in
145 giorni
12 set
Gara in
152 giorni
G
GP della Russia
26 set
Gara in
166 giorni
G
GP di Singapore
03 ott
Prossimo evento tra
170 giorni
G
GP del Giappone
10 ott
Gara in
180 giorni
G
GP degli Stati Uniti
24 ott
Race in
194 giorni
G
GP del Messico
31 ott
Gara in
201 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Gara in
243 giorni

La McLaren MP4-30 sarà in stile Red Bull!

Peter Prodromou sta disegnando un'ala per Abu Dhabi e ha rimesso mano al progetto del prossimo anno

La McLaren MP4-30 sarà in stile Red Bull!

Ron Dennis è deluso. Gli avevano promesso un salto di qualità dopo la pessima stagione 2013 (nessun podio!), ma la musica in McLaren non è cambiata molto, visto che la squadra di Woking è quinta nel mondiale Costruttori e si deve guardare dalla Force India, sesta, che non è lontana.

Dennis è consapevole di avere un team che non può soddisfare le aspettative della Honda che ritornerà in Formula 1 nel 2015 per riaprire un ciclo vincente come era stato ai tempi di Ayrton Senna e Alain Prost, alla fine degli Anni 80. Intanto Ron si prepara a ridisegnare l’organigramma del team: si prefigura una drastica riduzione del management in quella che oggi è una struttura a matrice del team.

L’attuale McLaren deve snellire la catena di comando e, senza un main sponsor, non si può più permettere una struttura come Red Bull Racing e Ferrari. Ecco perché si parla di uscite importanti: il CEO, Jonathan Neale, è in discussione, mentre otterrebbe più poteri Eric Boullier, attuale Racing Director. Anche il dipartimento tecnico sta per essere rivisto: il direttore tecnico Tim Goss sembra aver finito il suo ciclo, così come il responsabile di pista, Sam Michael.

Matt Morris, ex Sauber, ha avuto l’incarico di ridisegnare la struttura e non è, quindi, il capo progetto della MP4-30 che dovrà correre l’anno prossimo con il V6 Turbo della Honda. Attualmente a tirare le fila è Doug McKiernan, promosso nel ruolo da capo aerodinamico, ma al suo fianco cresce il potere di Peter Prodromou, l’ex Red Bull Racing che è arrivato a metà settembre.

Lo staff tecnico della McLaren si è molto impoverito negli ultimi anni: Pat Fry ha portato una "colonia" di ingegneri di Woking alla Ferrari (Giacomo Tortora, Ioannis Veludis e Rupart Daraker) proprio come poi ha fatto anche Paddy Lowe in direzione Mercedes.

Siccome l’obiettivo è di tornare a vincere nel 2016, dopo un anno di esperienza con la power unit Honda, Ron Dennis deve dare corpo ad una squadra che permetta un 2015 in crescita, prima di puntare al vertice l’anno successivo, dopo due campionati di “vacche magre”.

Non è un segreto, quindi, che la ricostruzione della McLaren passi per Peter Prodromou. L’ingegnere anglo-cipriota, dopo otto anni di Red Bull Racing si era stufato di essere il braccio destro di Adrian Newey, e ha scelto il ritorno a Woking per camminare con le sue gambe. Peter ha ritrovato molte facce che già conosceva e che, subito, gli hanno riconosciuto credito e stima.

E Prodromou si è subito rimboccato le maniche: ha disegnato un’ala nuova di cui si dice un gran bene che si vedrà ad Abu Dhabi. Per l’ultimo Gp della stagione, che avrà un punteggio doppio, arriverà un pacchetto aerodinamico che dovrebbe indicare le linee guida del futuro oltre che garantire il quinto posto nella graduatoria Costruttori.

Le modifiche dovrebbero essere compatibili anche con la MP4-29 H, la vettura che nei test successivi al Gp nell’emirato, farà debuttare il V6 Turbo Honda in pista dopo i collaudi al banco. I dati che i giapponesi hanno dato agli inglesi sarebbero in linea con quelli del motore Mercedes che la McLaren ha usato finora, quella che manca pare sia l’affidabilità.

L’impegno di Peter è a 360 gradi: il suo computer è sempre aperto sui programmi CFD. Starebbe mettendo mano anche alla MP4-30, la macchina del prossimo anno, le cui linee guida sono già state deliberate con i responsabili della Honda per quanto attiene all’installazione della power unit e dei suoi accessori.

La nuova McLaren avrà una sempre maggiore influenza della filosofia costruttiva Red Bull Racing. Peter Prodromou non è il classico tecnico che nella valigetta 24 ore si è portato via i segreti della squadra da cui proviene: è un ingegnere che conosce ogni aspetto della monoposto, avendo ben chiari in testa i concetti e non solo quelli aerodinamici.

Aspettiamoci, quindi, di vedere una MP4-30 che nel tempo sarà sempre meno una McLaren e sempre più una Red Bull, pur mantenendo una scocca che ormai è già stata deliberata. La sospensione posteriore, per esempio, al momento mantiene lo schema della “tapparella” (pare che valga 8 punti di carico aerodinamico in galleria del vento!), ma i bracci con il disegno “butterfly” non piacciono troppo a Prodromou. La macchina, quindi, sarà in continuo divenire, promettendo una crescita che, invece, è mancata quest’anno...

condivisioni
commenti
Hulkenberg ha rinnovato con la Force India per il 2015

Articolo precedente

Hulkenberg ha rinnovato con la Force India per il 2015

Prossimo Articolo

Lotus, nuovo muso ad Austin in ottica 2015

Lotus, nuovo muso ad Austin in ottica 2015
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Jenson Button , Kevin Magnussen
Autore Franco Nugnes
Chinchero racconta Alonso (pt.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Alonso (pt.2) - It's a long way to the top

Dodicesima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Fernando Alonso. Ecco a voi la seconda di 3 puntate sull'asturiano. Buon ascolto!

F1 Stories: la storia del Gran Premio di Imola Prime

F1 Stories: la storia del Gran Premio di Imola

Anche nel 2021, Imola è inclusa nelle tappe di un Mondiale di Formula 1. Un tracciato ricco di storia. Una storia, che merita di essere raccontata e ricordata...

Come la rapida ascesa di Kimi influì sulla carriera di Heidfeld Prime

Come la rapida ascesa di Kimi influì sulla carriera di Heidfeld

L'ascesa di Kimi Raikkonen come stella della Formula 1 fin dagli albori rimane una delle leggendarie storie del 2001, ma le sue imprese hanno avuto un impatto indesiderato sulle prospettive del suo compagno di squadra in Sauber. Vent'anni dopo il suo primo podio in F1 al GP del Brasile, ecco come Iceman ha influito sulla carriera di Nick Heidfeld.

Formula 1
11 apr 2021
F1: quanto è più veloce di una MotoGP, LMP1 o IndyCar? Prime

F1: quanto è più veloce di una MotoGP, LMP1 o IndyCar?

Siamo abituati a considerare la Formula 1 come la categoria regina dell'automobilismo, quella capace di raggiungere le velocità più elevate in assoluto. Ma sarà davvero così? Andiamo a scoprirlo in questa classifica...

Formula 1
11 apr 2021
Mercedes: il limite allo sviluppo può diventare un incubo Prime

Mercedes: il limite allo sviluppo può diventare un incubo

La Mercedes è andata via dal Bahrain con la consapevolezza di non avere tra le mani la monoposto di riferimento in griglia, e i limiti allo sviluppo potrebbero trasformare questa stagione in un incubo.

Formula 1
10 apr 2021
Jacques Villeneuve, cinquant'anni...mondiali Prime

Jacques Villeneuve, cinquant'anni...mondiali

Il 9 aprile del 1971 nasce Jacques Villeneuve, Campione del Mondo di Formula 1 1997. Andiamo a rivivere i suoi primi due anni nella massima serie, quelli che lo hanno accompagnato ad entrare nell'elenco delle leggende del Motorsport...

Formula 1
9 apr 2021
Basso Rake: come i regolamenti hanno "penalizzato" la W12 Prime

Basso Rake: come i regolamenti hanno "penalizzato" la W12

Andiamo a scoprire ed analizzare come le modifiche regolamentari al fondo ed al pavimento delle monoposto abbiano influito negativamente sulle performance della Mercedes W12, nonostante la vettura abbia vinto con Lewis Hamilton la gara di apertura in Bahrain

Formula 1
8 apr 2021
Mercedes: il basso rake non funziona o è questione di... fondo? Prime

Mercedes: il basso rake non funziona o è questione di... fondo?

La squadra campione del mondo ha vinto con Hamilton il primo GP 2021, ma è indubbio che la W12 non ha dato l'impressione di essere stata la monoposto più competitiva in Bahrain. Anche l'Aston Martin è parsa sotto tono dopo il cambio delle norme aerodinamiche: i tecnici hanno parlato di particolari difficoltà con l'assetto Rake, mentre la sensazione è che i problemi stiano altrove.

Formula 1
7 apr 2021