Analisi Suzuka: Ferrari in difficoltà, Mercedes in crescita

condivisioni
commenti
Analisi Suzuka: Ferrari in difficoltà, Mercedes in crescita
Di:
11 ott 2019, 08:12

L'imprevedibile svolgersi del GP del Giappone evidenzia in modo macroscopico le grandi differenze fra i tre top team a Suzuka: la Mercedes ha ripreso la supremazia tecnica, mentre la Ferrari soffre con le gomme e la Red Bull scommette sul motore Honda.

La prima giornata di attività in pista del Gran Premio del Giappone, al termine della quale la Formula 1 ha passato il testimone al tifone Hagibis, ha fornito molte indicazioni, di cui tre fondamentali per disegnare un quadro in vista della giornata di domenica, giornata che si preannuncia molto intensa con un programma che prevede le qualifiche (alle 10:00 locali) quattro ore prima del via del Gran Premio.

Il primo dato emerso oggi è che la Mercedes è tornata ad essere il team da battere, confermando (dopo due gare in cui le premesse sono state smentite dalla Ferrari) le aspettative della vigilia.

Anzi, le due Mercedes sono andate oltre le previsioni, evidenziando una performance impressionante soprattutto nel primo settore del tracciato giapponese, tratto in cui le doti dell’avantreno della W10 sono emerse in modo prepotente.

Bottas e Hamilton hanno iniziato il pomeriggio con una simulazione di qualifica che ha messo un solco con gli avversari, essendo stati gli unici a scendere sotto il muro del minuto e ventotto secondi, ma è stato soprattutto nella simulazione di gara che le due Mercedes hanno confermato un ritmo (al momento) proibitivo per tutta la concorrenza.

Sia con le soft che con le medie Hamilton e Bottas hanno stampato tempi molto veloci ed una costanza notevole (Hamilton ha coperto 19 giri con le soft) ricordando la superiorità mostrata su altre piste ‘amiche’ come Barcellona e Paul Ricard.

‘Drop-off’ importante sulle due Ferrari

La Ferrari ha molto lavoro da fare, soprattutto sul setup di gara. Il secondo verdetto del venerdì giapponese è una SF90 che sui long-run ha confermato un preoccupante drop-off degli pneumatici, sia con gomme soft che medie.

I tempi di attacco di Vettel e Leclerc non sono stati all’altezza delle Mercedes, ma a preoccupare è stato soprattutto il calo di performance evidenziato in modo molto visibile dopo 5/6 giri, nell’ordine di oltre un secondo.

Anche la prestazione sul giro veloce non è stata all’altezza delle due frecce d'argento, ma su questo fronte è ancora presto per battezzare Leclerc e Vettel fuori dalla lotta per la pole position.

I tempi ristretti a disposizione per completare un programma di lavoro molto intenso non hanno consentito la consueta analisi dei dati durante la sessione, ma nell’ultimo run entrambi i piloti del Cavallino hanno migliorato i riscontri cronometrici (nonostante l’intenso traffico) dopo aver aumentato il carico sull’ala anteriore per cercare di combattere un fastidioso sottosterzo.

In casa Mercedes sperano che l’ordine di partenza possa essere quello della sessione FP2 completata oggi, visto che si assicurerebbero la prima fila, ma è una possibilità non molto quotata, visto che il tifone dovrebbe lasciare Suzuka nella notte tra sabato e domenica.

Se tutto andrà come da programma le qualifiche si disputeranno su pista asciutta, ed in quel caso Vettel e Leclerc avranno a disposizione la power unit Spec 3, che oggi non dovrebbe essere stata utilizzata (il condizionale è d’obbligo) da Mercedes e Ferrari.

Red Bull e Honda si candidano al podio

Leclerc nell’ultimo ‘run’ ha avvicinato molto il tempo di Max Verstappen, terzo nella classifica finale, ma questa volta l’olandese (a differenza di altre occasioni) è da considerare un avversario anche nelle qualifiche di domenica mattina.

La Honda ha fatto un notevole passo avanti (terza notizia di giornata) confermata in pista in modo abbastanza chiaro. Dopo aver fatto esordire la power unit spec-4 in Russia, i tecnici giapponesi hanno completato ‘l’operazione Suzuka’ con una nuova benzina ExxonMobil portata in pista questo weekend.

Si tratta di un carburante utilizzabile solo dalla nuova ICE, con valori specifici più elevati che hanno richiesto una modifica all’unità termica.

Nel paddock sono in tanti a credere che si tratti di un motore sviluppato senza i vincoli legati alla percorrenza chilometrica abituale, estremizzato in diverse componenti in grado di gestire il nuovo carburante.

Il pacchetto ha fornito i risultati attesi, come confermano i dati di speed-trap, ed in caso di qualifiche e gara in condizioni di pista asciutta, soprattutto Verstappen è da considerare un candidato al podio anche senza le disavventure altrui.

L’iniezione di cavalli è stata apprezzata anche da Albon (sesto) e Gasly, nono con la Toro Rosso nonostante abbia disputato solo la FP2, alimentando le speranze di un weekend da protagonista nella gara di casa che la Honda sogna da anni.

Scorrimento
Lista

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
1/18

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
2/18

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
3/18

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
4/18

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
5/18

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
6/18

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
7/18

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
8/18

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Mercedes AMG F1, dettaglio

Mercedes AMG F1, dettaglio
9/18

Foto di: Giorgio Piola

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
10/18

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Fan fuori dal garage della AMG Mercedes F1

Fan fuori dal garage della AMG Mercedes F1
11/18

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Prova di pit stop della Red Bull Racing

Prova di pit stop della Red Bull Racing
12/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Red Bull Racing RB15, dettaglio del fondo

Red Bull Racing RB15, dettaglio del fondo
13/18

Foto di: Giorgio Piola

Dettaglio di una Red Bull Racing RB15

Dettaglio di una Red Bull Racing RB15
14/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Alex Albon, Red Bull RB15

Alex Albon, Red Bull RB15
15/18

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Red Bull Racing, dettaglio dell'ala anteriore

Red Bull Racing, dettaglio dell'ala anteriore
16/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15 e Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15 e Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing
17/18

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Alex Albon, Red Bull RB15

Alex Albon, Red Bull RB15
18/18

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Verstappen: "La nuova benzina sembra un passo avanti"

Articolo precedente

Verstappen: "La nuova benzina sembra un passo avanti"

Prossimo Articolo

Steiner deve pagare i danni morali per i commenti di Sochi

Steiner deve pagare i danni morali per i commenti di Sochi
Carica commenti