F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

F1 | AlphaTauri: nuovo naso sul muso e diversa ala anteriore

La squadra di Faenza fa debuttare a Singapore una nuova configurazione aerodinamica: è stato modificato il naso e il disegno dell'ala anteriore con un profilo principale a cucchiaio che passa sotto al muso. L'obiettivo è di andare all'attacco del settimo posto della Haas nel mondiale Costruttori.

F1 | AlphaTauri: nuovo naso sul muso e diversa ala anteriore
Carica lettore audio

L’AlphaTauri è solo a un punto dalla Haas nella classifica del mondiale Costruttori: la squadra di Faenza ha intenzione di abbandonare l’ottavo posto nella graduatoria dei team e, dopo aver guadagnato quattro punti preziosi a Monza con Pierre Gasly, portando il suo bottino a 33 lunghezze iridate, il team gestito da Franz Tost vuole trovare una maggiore consistenza nella parte finale della stagione.

A Singapore è stata introdotto un aggiornamento aerodinamico per la AT03: il direttore tecnico, Jody Egginton, ha deliberato una nuova ala anteriore e un diverso muso che cambia nel disegno del nasino.

Yuki Tsunoda, AlphaTauri AT03 con il muso e l'ala vecchia

Yuki Tsunoda, AlphaTauri AT03 con il muso e l'ala vecchia

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

Con la Aston Martin AMR22, l’AlphaTauri era rimasta l’unica monoposto con il profilo principale dell’ala anteriore senza il cucchiaio sotto al muso e gli aerodinamici di Faenza si sono convertiti ai concetti che vanno per la maggiore, mentre in precedenza il primo elemento dell’ala si arcuava verso l’alto prima di ancorarsi al naso.

L’AlphaTauri, quindi, è riuscita a modificare l’aerodinamica anteriore senza dover far ricorso a una nuova prova di crash: è stato cambiato l’ultimo elemento deformabile del muso (quest’anno sono modulari) senza intaccare le parti strutturali, che avrebbero richiesto, quindi, una nuova omologazione.

Leggi anche:
condivisioni
commenti

F1 | FIA allenta la TD39 per Singapore: l'asfalto troppo ondulato

F1 | Alonso ottimista: "Il nuovo fondo ci farà fare un salto"