Alonso - Briatore e l'inizio di una storia vincente

Fernando Alonso in una video intervista con Flavio Briatore ha ripercorso alcuni momenti del loro connubio che ha portato alla conquista di quattro titoli mondiali Piloti e Costruttori: dall'inizio del rapporto alle scelte strategiche.

Alonso - Briatore e l'inizio di una storia vincente

Nel periodo di quarantena si sono moltiplicate le attività social dei piloti. Spesso sono protagonisti di video interviste, ma a volte, come nel caso di Fernando Alonso, indossano loro stessi i panni dell’intervistatore.

Fernando Alonso, McLaren, Flavio Briatore
Fernando Alonso, McLaren, Flavio Briatore
1/12

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Flavio Briatore
Flavio Briatore
2/12

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Flavio Briatore e Fernando Alonso, McLaren
Flavio Briatore e Fernando Alonso, McLaren
3/12

Foto di: John Toscano / Motorsport Images

Podium: champagne for Fernando Alonso and Flavio Briatore
Podium: champagne for Fernando Alonso and Flavio Briatore
4/12

Foto di: LAT Images

Flavio Briatore and Fernando Alonso celebrate with Renault F1 team members
Flavio Briatore and Fernando Alonso celebrate with Renault F1 team members
5/12

Foto di: LAT Images

Podium: Flavio Briatore
Podium: Flavio Briatore
6/12

Foto di: LAT Images

Fernando Alonso, Flavio Briatore and Nelson A. Piquet with the new Renault R29
Fernando Alonso, Flavio Briatore and Nelson A. Piquet with the new Renault R29
7/12

Foto di: Renault F1

Podio: il secondo classificato Kimi Raikkonen, McLaren, il vincitore della gara Fernando Alonso ,Renault F1 Team, Flavio Briatore, Team Principal Renault F1, il terzo classificato Ralf Schumacher, Toyota
Podio: il secondo classificato Kimi Raikkonen, McLaren, il vincitore della gara Fernando Alonso ,Renault F1 Team, Flavio Briatore, Team Principal Renault F1, il terzo classificato Ralf Schumacher, Toyota
8/12

Foto di: Sutton Motorsport Images

Giancarlo Fisichella, Flavio Briatore and Fernando Alonso celebrate world championship
Giancarlo Fisichella, Flavio Briatore and Fernando Alonso celebrate world championship
9/12

Foto di: LAT Images

Race winner Fernando Alonso celebrates with Flavio Briatore
Race winner Fernando Alonso celebrates with Flavio Briatore
10/12

Foto di: LAT Images

Podium: champagne for Fernando Alonso and Flavio Briatore
Podium: champagne for Fernando Alonso and Flavio Briatore
11/12

Foto di: LAT Images

Race winner Fernando Alonso celebrates with Flavio Briatore
Race winner Fernando Alonso celebrates with Flavio Briatore
12/12

Foto di: LAT Images

Lo spagnolo si sta confermando uno dei piloti più attivi attraverso i suoi canali social, e ieri è stato protagonista di una chiacchierata con Flavio Briatore, un colloquio divertente che ha toccato anche le problematiche legate alla difficile situazione che stiamo vivendo.

Vi proponiamo alcuni brani, con dei racconti inediti legati ad un rapporto che ha portato alla conquista di quattro titoli Mondiali (piloti e Costruttori).

“Flavio è stato la persona che mi aiutato di più nella mia carriera sportiva – è stata l’introduzione di Alonso – e con questa chiacchierata voglio anche rendere omaggio al popolo italiano che sta attraversando un periodo molto difficile”.

Alonso: “Ho capito che era il… grande Boss”.
FA: “Ricordi quando ci siamo incontrati per la prima volta?”.
FB: “Non avevi la barba! Eri un ragazzino”.

FA: “Lo ricordo bene molto bene, ci siamo visti per la prima volta è stato a casa tua a Londra, era il 2000 e all’epoca correvo in Formula 3000, sono venuto a trovarti insieme ad Adrian Campos. Mi hai subito detto che mi potevi aiutare ad entrare in Formula 1 tramite la Minardi, e successivamente avrei avuto l’opportunità di passare in Renault. Allora ti ho detto che ci avrei pensato, e hai replicato subito: ‘Ma guarda che non c’è niente a cui devi pensare, o accetti questa proposta o non andrai mai in Formula 1!’… e li ho capito chi era il grande Boss! Poi tutto è andato tutto come avevi detto”.

Briatore: “Hai portato la Formula 1 in Spagna”

FB: “La gente deve sapere che tu hai fatto scoprire la Formula 1 alla Spagna. Ricordo la fatica che avevo inizialmente fatto per vendere i diritti televisivi, non li voleva nessuno. Io provavo a convincerli che stava arrivando un campione, Fernando Alonso, ma non gliene fregava niente. Poi, dopo poco tempo, si sono resi conto…”
FA: “Ricordi il Gran Premio di Spagna nel 2006?

FB: “Abbiamo avuto… culo, perché i colori delle Asturie erano uguali a quelli della Renault! Ricordo che a Barcellona quell’anno abbiamo venduto 80.000 cappellini e vedere il circuito di Catalunya tutto dello stesso colore era stato un colpo d’occhio fantastico. E abbiamo anche vinto!”.

FA: “Ricordo bene che per arrivare in pista sulla strada che si percorre da Montmelò c’erano ai lati due serpentoni di pubblico, tutte persone vestite e con bandiere dei nostri colori”.

FB: “Eravamo tutti emozionati, dopo la gara c’era anche il Re Juan Carlos che piangeva. Abbiamo vinto tanto insieme, ma vincere a casa tua, considerando che 3 anni prima la Spagna non sapeva neanche che esistesse la Formula 1, beh, vincere così è stato per me molto speciale, ma credo anche per te e per gli spettatori che quel giorno erano in pista ad assistere alla gara”.

Briatore: “Sei un rottweiler!”

FB: "Abbiamo avuto una avventura professionale molto bella, ci siamo sempre parlati apertamente ed abbiamo avuto successo perché abbiamo sempre dato tutto. Sei sempre stato un ‘rottweiler’, quei cani che ti mangiano le caviglie, non molli mai. Quando eri dodicesimo volevi arrivare decimo, se eri decimo volevi arrivare ottavo e questo motivava tutto il team”.

FA: “Eravamo un bel gruppo, molto unito, avevi creato un bell’ambiente, dai piloti, ai tecnici, ai fisio fino al catering. Andavamo in giro insieme, ricordo il camp in Kenya tutti insieme, cose che adesso dicono di fare ma che poi non fanno…”.

FB: “Adesso la F1 è diventata troppo ‘corporate’, per noi la singola persona era il centro di tutto, ricordi che nei meeting eravamo tutti insieme, adesso hanno tutti li seduti con le cuffie e poi le cazzate le fanno lo stesso".

FA: “Mi sembrano robot, tutti uguali, tutto computer e simulazione…”.

FB: “Poi però mancano gli aspetti umani, noi abbiamo vinto tante gare senza avere la macchina migliore per come guidavi e per le strategie. Abbiamo avuto una macchina migliore solo una metà stagione”.

Le slick ‘segrete’

FB: “Questa la devo raccontare. Siamo in Brasile, era il 2004, prima del via pioveva molto, ma ad un certo punto ho visto che il meteo indicava un miglioramento e a Interlagos quando esce il sole cambia tutto rapidamente. Allora dico a Pat Symonds di montare le gomme da asciutto, e tu eri già schierato sulla griglia di partenza. Non te lo abbiamo detto altrimenti avresti iniziato a discutere.

FA: “Si, sarei uscito dalla macchina e me ne sarei andato…”.

FB: “Poi un secondo prima di togliere le termocoperte ricordo benissimo l’espressione che hai fatto quando ti abbiamo detto che saresti partito con le slick… hai aperto gli occhi come due… uova”.

FA: “Vi ho chiesto chi altro sarebbe partito col le gomme da asciutto, e mi avete detto in modo evasivo… sì, ci sono degli altri… e quando ho chiesto ancora mi sono sentito dire: uno solo, il tuo compagno di squadra”.

FB: “Però poi…”.

FA: “Partivo sesto, al primo giro ero ventesimo, ultimo, una fatica tremenda. Ma già al secondo ero quattordicesimo, al terzo decimo, poi quarto e al quinto in testa”.

FB: "Non ce lo aveva detto il computer…era fiuto. Ma anche li, non hai mollato mai, sei rimasto in pista quando era difficile restarci, e quando si è asciugato eravamo in testa”.

Briatore: “Sarà dura, ma la F1 doveva fermarsi”

FA: “Come la vedi ora per i team di Formula 1? Sarà dura visti i problemi attuali?”

FB: “Al di fuori di quattro o cinque team, la salute economica delle squadre non è buona. Temo che gli sponsor, non correndosi le ventidue gare previste, pagheranno di meno, credo in proporzione al numero di corse che saranno disputate. Anche per la stessa Formula 1 (Liberty) non sarà facile, ed anche i team non potranno contare sugli stessi ricavi che avevano pianificato di ottenere da chi distribuisce i premi. Sarà difficile, ma hanno fatto bene a fermarsi. In Italia c’è stata una partita Atalanta-Valencia (disputata il 10 marzo) con 45.000 persone arrivate da Bergamo a Milano per assistervi, ed è stato un detonatore. I Gran Premi andavano fermati, poi non so se avrà o meno senso farli ripartire a porte chiuse. In alcuni casi particolari, come ad esempio il Bahrain, non farebbe una grande differenza, a loro interessa il ritorno televisivo, ma Silverstone o Monza senza pubblico sono difficili da immaginare”.

condivisioni
commenti
Video, Piola racconta le Formula 1 2020: AlphaTauri AT01
Articolo precedente

Video, Piola racconta le Formula 1 2020: AlphaTauri AT01

Prossimo Articolo

McLaren: Sainz e Norris si tagliano l'ingaggio

McLaren: Sainz e Norris si tagliano l'ingaggio
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021