Allison: "Per puntare al titolo non bastano le prestazioni"

Il Chief Technical Office della Mercedes è consapevole di vivere una stagione speciale: "Queste ultime gare renderanno il campionato 2022 come uno dei grandi classici della Formula 1 che saranno ricordati negli anni a venire”. James ricorda che "... da Silverstone siamo stati in lotta per la vittoria ovunque tranne che a Zandvoort. La sfida è aperta perché oltre alle prestazioni conteranno sul risultato affidabilità, pit-stop e strategie".

Allison: "Per puntare al titolo non bastano le prestazioni"

“È una stagione entusiasmante, e queste ultime gare renderanno il campionato 2022 come uno dei grandi classici della Formula 1 che saranno ricordati negli anni a venire”. Le parole di James Allison sono le stesse che si sentono nel paddock ormai da diverse gare, e non solo in casa Mercedes e Red Bull.

Il mondiale a cui stiamo assistendo è destinato ad essere ricordato a lungo, ed ha riportato la Formula 1 fuori da quella prevedibilità che ha caratterizzato l’ultimo decennio.

Lanciarsi in pronostici è impossibile, e lo stesso Allison non si sbilancia molto su quelle che saranno le piste favorevoli alla Mercedes nelle sei tappe che restano in calendario. Lo ha fatto Helmut Marko, dichiarando che solo due tracciati si sposano bene con le caratteristiche della Red Bull, ma non è entrato nei dettagli. Realisticamente, le gare in cui Max Verstappen avrà tutto per fare bottino pieno sono Messico e Brasile, piste ad alta quota sulle quali il turbo di dimensioni ridotte della Mercedes si è confermato un limite non indifferente nelle ultime tre edizioni della gara messicana.

Verstappen si è imposto nel 2017 e 2018, mentre nel 2019 (dopo aver ottenuto la pole position) Max ha gettato al vento le possibilità del successo ‘tris’ a causa di due contatti, prima con Hamilton e successivamente con Bottas.

Per la Mercedes il problema è la sequenza di gare, dopo che ad Istanbul Verstappen ha allungato su Hamilton nella classifica generale portandosi a sei punti il suo vantaggio.

In questo scenario Lewis è costretto a fare bottino pieno ad Austin, poiché le due tappe successive sono proprio le piste favorevoli al suo avversario. Se negli Usa Hamilton non dovesse recuperare terreno, c’è il rischio che possa arrivare alla vigilia delle ultime tre gare con una corsa di svantaggio, uno scenario non certo ideale.

“A Silverstone abbiamo portato un aggiornamento sulla monoposto che ci ha permesso di migliorare la nostra performance – ha spiegato Allison – e da quel momento c’è stata solo una pista su cui siamo non siamo stati in grado di dare fastidio alla Red Bull, ed è stata Zandvoort".

"Sugli altri tracciati ce la siamo giocata e direi che in un paio di occasioni, come Sochi e Istanbul, siamo andati molto bene. Ma non erano riscontri di cui eravamo certi, ce ne siamo resi conto nel corso del weekend, quindi è difficile prevedere come andremo nelle piste che ci attendono, ma sono ottimista sulla possibilità che saremo lì a giocarcela”.

“Poi – ha aggiunto Allison- non è solo la performance che determinerà l'esito di queste gare, e ne abbiamo avuto un esempio chiaro negli ultimi due Gran Premi. Dobbiamo tenere conto dell’affidabilità, dei pit-stop, delle strategie, c’è bisogno che funzioni al meglio l’intero pacchetto, perché la lotta è davvero molto serrata. Ma siamo e saremo in battaglia, su questo non ho dubbi”.

Tra tutte le sfide citate da Allison, quella legata all’affidabilità è indubbiamente fonte di maggiore preoccupazione, sia per Mercedes che per Red Bull.

Il ricorso alla quarta power unit non ha smarcato del tutto il problema legato alla tenuta dei motori, visto che nel caso Red Bull la PU4 di Verstappen dovrebbe sulla carta disputare ben otto Gran Premi, uno in più della quarta unità di Hamilton, montata a Istanbul.

C’è la possibilità di una rotazione per sgravare le PU nuove dai chilometri che si percorrono nelle prove libere venerdì (ad esclusione del GP del Brasile, dove ci sarà il format sprint-qualifying), ma anche nel caso in cui non si manifestassero problemi, le quarte unità arriverebbero alla tappa finale di Abu Dhabi con un numero di chilometri percorsi non indifferente, circa 4.000. Uno scenario non ideale, ma sarà comunque una problematica che sia Honda che Mercedes affronteranno in vista delle gare mediorientali.

condivisioni
commenti
Vettel boccia i biocarburanti: "Ci vuole la benzina sintetica"
Articolo precedente

Vettel boccia i biocarburanti: "Ci vuole la benzina sintetica"

Prossimo Articolo

GP del Qatar: a Losail rifatta la corsia dei box

GP del Qatar: a Losail rifatta la corsia dei box
Carica commenti
F1 | Mercedes: la paura che fa perdere i Mondiali Prime

F1 | Mercedes: la paura che fa perdere i Mondiali

La Mercedes è protagonista di questa nuova puntata de Il Primo degli Ultimi. Al team di Brackley viene imputata la mancanza di coraggio e di voglia di osare, figlia di chi è abituato ad anni di dominio incontrastato e ora che vede un mondiale scivolargli tra le dita, non vuole andare oltre ciò che dicono i dati per paura di rischiare troppo

Formula 1
26 ott 2021
Minardi: "Verstappen ha anche la maturità del fuoriclasse" Prime

Minardi: "Verstappen ha anche la maturità del fuoriclasse"

Il Gran Premio degli Stati Uniti ha regalato tante sorprese e delusioni. In questo nuovo video di Motorsport.com, ecco i voti ai piloti stilati e commentati da Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi.

Formula 1
26 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Max ha gestito il posteriore meglio di Lewis" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Max ha gestito il posteriore meglio di Lewis"

Max Verstappen ha saputo gestire meglio un posteriore instabile per tutti, in occasione del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1. L'olandese allunga in classifica su Hamilton, che lascia Austin con una vera e propria mazzata a livello morale

Formula 1
25 ott 2021
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Formula 1
24 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021