Alfa Romeo: solo la super licenza separa Zhou dal contratto

Il team di Hinwil punterà sul pilota cinese da affiancare a Valtteri Bottas nella stagione 2022, ma lo staff diretto da Vasseur è costretto ad aspettare che il giovane asiatico sommi i punti FIA che gli consentiranno di conseguire la super licenza. Se così fosse il destino di Antonio Giovinazzi con il "biscione" sarebbe segnato a prescindere dai risultati del pugliese che meriterebbe il rinnovo.

Alfa Romeo: solo la super licenza separa Zhou dal contratto

Nel paddock non sono in pochi a sostenere che Guanyu Zhou abbia già definito da tempo un accordo con l’Alfa Romeo Racing per essere al via del Mondiale 2022.

L’assenza di un annuncio viene interpretata e motivata con la necessita del ventiduenne cinese di completare il percorso che gli assicurerà il rilascio della super licenza Formula 1.

Annunciare un pilota senza il ‘lasciapassare’ per il Circus è fuori discussione, motivo per cui è meglio attendere che la classifica del campionato di Formula 2 consegni a Zhou la certezza assoluta del raggiungimento dei requisiti necessari.

Ci sono due scenari possibili, visto che l’obiettivo è realisticamente una formalità. Il pilota del vivaio Alpine (squadra che non ha posto ostacoli a trattative alternative poiché impossibilitata a garantirgli un sedile in F1) al momento ha all’attivo 29 dei 40 punti che fanno scattare automaticamente il rilascio della super licenza.

Zhou nel 2019 e 2020 ha concluso il campionato Formula 2 in settima e sesta posizione (rispettivamente 8 e 10 punti), poi lo scorso inverno si è aggiudicato la serie Formula 3 Asia (10 punti) ed ha disputato quest’anno una sessione FP1 con l’Alpine (1 punto).

Alla luce di questi risultati gli basterà concludere il campionato di Formula 2 in quinta posizione, piazzamento che assicura 20 punti. Una strada che sembra in discesa, considerando che Zhou al momento è secondo a tre tappe dal termine.

Il problema può essere legato alle tempistiche, visto che la F2 assegna potenzialmente ben 65 punti in ogni weekend, e difficilmente prima delle ultime due prove stagionali (programmate il 5 e 12 dicembre) Zhou potrà avere in tasca la quinta posizione con certezza aritmetica.

C’è però una via d’uscita, introdotta lo scorso anno dalla FIA a causa degli impatti legati al Covid nel contesto delle formule propedeutiche.

Qualcuno la chiamò “clausola Mazepin”, perché dodici mesi fa permise al pilota russo di non temere per il rilascio della sua super licenza, e prevede che un pilota che abbia raggiunto 30 punti può comunque chiedere alla FIA di analizzare il suo percorso valutando (se ci sono) eventuali impedimenti per causa di forza maggiore. Il Covid rientra in questo scenario, quindi diventa un atto formale.

Per Zhou bastano quindi 30 punti, ovvero un decimo posto nella classifica finale Formula 2, o in alternativa una seconda sessione FP1, che gli garantirebbe il trentesimo punto. Questo, ovviamente, se ha fretta di poter avere in mano l’ambita super licenza.

“Zhou sta facendo un buon lavoro in F2 – ha commentato recentemente il team principal Alfa Romeo Racing, Frederic Vasseur - di sicuro è nella lista, e non solo per una questione di nazionalità. È un dei grandi favoriti alla conquista del titolo in F2, ha vinto delle gare e penso che ogni singola squadra in F1 stia osservando il suo percorso”.

Sicuramente è nella ‘lista’, come ha sottolineato Vasseur, ma ci sono indicazioni che fanno pensare ad una lista realmente esistita ma che ormai messa da parte per lasciar posto ad un contratto.

condivisioni
commenti
Calendario F1 2022: ecco perché non c'è (ancora) Imola

Articolo precedente

Calendario F1 2022: ecco perché non c'è (ancora) Imola

Prossimo Articolo

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021