Alfa Romeo: dopo Mercedes ha percorso più km nel 2020

Ecco una classifica curiosa che mette in evidenza dei dati niente affatto scontati: se era ovvio pensare che sia stata la Mercedes il team che nello scorso campionato ha fatto più strada con 10.241 km, nessuno poteva immaginare che dietro alle frecce nere spuntasse l'Alfa Romeo. La C39 si è rivelata sorprendentemente affidabile amche se poco veloce. Male la Ferrari solo ottava in questa speciale graduatoria: la SF1000 non era soltanto lenta...

Alfa Romeo: dopo Mercedes ha percorso più km nel 2020

A volte dare i… numeri può servire a inquadrare certe situazioni che non sono affatto scontate. Che la Mercedes, fra gli innumerevoli record che ha siglato nella stagione 2020, possa mettere in conto anche l’essere stata la squadra che ha percorso la maggiore distanza durante i 17 GP che hanno composto il calendario dello scorso anno. Lewis Hamilton, Valtteri Bottas e George Russell hanno coperto 10.241 km.

E fino a qui non ci troviamo niente di strano visto che le W11 oltre a essere molto competitive si sono rivelate anche particolarmente affidabili, ma è sicuramente interessante guardare chi si è inserito alle spalle delle frecce nere campioni del mondo: chi si aspettava di trovare la Red Bull si sbaglia di grosso perché la squadra di Milton Keynes in questa speciale classifica è finita solo in settima posizione.

Se Alexander Albon risulta terzo fra i piloti dietro a Lando Norris e Kimi Raikkonen, si registra solo la 17esima piazza di Max Verstappen che, con 4.158 km, ha percorso solo il 79,49% della distanza, mentre il compagno di squadra anglo-thailandese che è stato giubilato a fine anno era arrivato a superare il muro dei 5.000 km con il 95,85% della distanza coperta.

Stupisce, quindi, che il posto d’onore dietro alla Mercedes sia appannaggio dell’Alfa Romeo: la squadra di Hinwil segue la Mercedes con 9.513 km percorsi, davanti alla McLaren e alla Renault, rispettivamente terza e quinta nel mondiale Costruttori, mentre il team del “Biscione” non è andato oltre un deludente ottavo posto finale, davanti ad Haas e Williams.

La tabella che pubblichiamo sotto diventa esemplificativa per spiegare alcune situazioni: la C39 è parsa una monoposto molto affidabile, ma altrettanto poco prestazionale (penalizzata in particolare da una power unit Ferrari “sgonfia” in fatto di potenza).

Kimi Raikkonen è arrivato ad appena 17 km da Lando Norris che ne ha messi insieme 5.119 (pari al 97,86%). Il finlandese, per altro, è il pilota che ha fatto più strada nella storia dei 70 anni della F1 con 87.341 km e precede Fernando Alonso che conta di rimpolpare il suo bottino che è arrivato a 83.846 km con il ritorno sull’Alpine Renault.

Sul bilancio della squadra di Hinwil pesano i due incidenti nei quali è rimasto coinvolto Antonio Giovinazzi a Spa-Francorchamps e al Mugello (l’italiano figura 11esimo nella graduatoria con 4.411 km pari all’84,32%).

È indubbio, quindi, che all’Alfa Romeo siano mancate le prestazioni per ambire a posizioni di classifica più prestigiose, ma non la durata: a Hinwil sapranno mantenere questa caratteristica sulla C41 che verrà presentata a Varsavia lunedì, incrementando la capacità di raggiungere delle performance più convincenti?

La nostra analisi non può non tenere conto anche dell’ottavo posto della Ferrari: la SF1000 è stata una delusione sotto tutti i punti di vista. Poco prestazionale, e questo, purtroppo, lo avevano capito tutti, ma si è rivelata anche poco affidabile con rotture non da top team.

Charles Leclerc e Sebastian Vettel hanno messo insieme solo 8.941 km: la Rossa, insieme a Racing Point e Haas, è stata l’unica squadra a non aver sfondato il muro dei 9 mila chilometri. Un pessimo segnale che spiega in maniera inequivocabile la disastrosa stagione della Rossa.

La tabella ci spiega anche perché la Racing Point, con una monoposto copia della Mercedes W10, non sia riuscita a centrare il terzo posto nella graduatoria dei team: la discussa RP20 ha collezionato solo 8.869 km con Lance Stroll che figura solo al 20esimo posto fra i piloti con 3.931 km, mentre Sergio Perez è 14esimo con 4.322 km. Entrambi i piloti del team di Silverstone hanno dovuto saltare due GP a causa del Covid e, infatti, Nico Hulkenberg ha aggiunto 611 km nelle sue quattro presenze a “gettone” nel Circus.

La squadra di papà Stroll ha mostrato delle debolezze organizzative e gestionali che non hanno permesso alla Racing Point di raccogliere il bottino che forse avrebbe meritato. Riuscirà a fare meglio nel 2021 quando il team si presenterà al via della stagione 2021 con i colori ufficiali dell’Aston Martin?

Pos. Team Km percorsi
1. Mercedes 10. 241
2. Alfa Romeo 9.513
3. McLaren 9.431
4. Renault 9.347
5. AlphaTauri 9.334
6. Williams 9.196
7. Red Bull 9.172
8. Ferrari 8.941
9. Racing Point 8.869
10. Haas 8.788
condivisioni
commenti
AlphaTauri AT02: c’è un salto nella ricerca aerodinamica

Articolo precedente

AlphaTauri AT02: c’è un salto nella ricerca aerodinamica

Prossimo Articolo

Horner: "Red Bull ha fatto una scelta 'adulta' con Perez"

Horner: "Red Bull ha fatto una scelta 'adulta' con Perez"
Carica commenti
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Formula 1
24 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021