Alfa Romeo: delude la C39 troppo scarica aerodinamicamente

Giovinazzi, 18esimo, e Raikkonen, 19esimo, non hanno brillato nel GP d'Austria con la C39. La monoposto di Hinwil era troppo scarica nelle ali e le gomme hanno faticato ad andare in temperatura per cui non sono uscite dalla Q1.

Alfa Romeo: delude la C39 troppo scarica aerodinamicamente

Qual è il vero potenziale dell’Alfa Romeo? Trovare le due C39 in diciottesima e diciannovesima posizione evidenzia come il team di Hinwil affronti la stagione con il respiro corto, perché alle spalle c’è solo il debuttante Nicolas Latifi con la seconda Williams e neanche staccato di molto.

Le due monoposto del “Biscione” se la possono giocare con le Haas e le Williams, guardare più in alto al momento sembra azzardato, sebbena il potenziale dovrebbe essere maggiore di quanto osservato a Spielberg.

La prima considerazione da fare è che l’Alfa Romeo, come l’altra squadra clienti del Cavallino, paga il motore del Cavallino che la Ferrari ha omologato “sgonfio” di potenza dopo le violente polemiche che avevano riguardato le presunte irregolarità 2019.

Si stimano tre decimi di secondo di handicap, ma il resto dipende dalla C39, una monoposto che denuncia una carenza di carico aerodinamico testimoniata dalle velocità massime raggiunte in qualifica: Antonio Giovinazzi è arrivato a 325,2 km/h al T1 seguito da Kimi Raikkonen con 323,4 km/h che è il valore conseguito da Lewis Hamilton con la Mercedes W11!

È evidente che è stata deliberata una configurazione aerodinamica troppo scarica, sebbene ci fosse un’ala posteriore con una maggiore incidenza utile ad affrontare l’aria un po’ rarefatta dei 700 metri del Red Bull Ring.

I piloti, quindi, si sono ritrovati per le mani una macchina difficile da controllare. Ad aggravare le cose in Q1 c’è stato l’errore del muretto che li ha spediti in pista nel traffico per cui non hanno potuto scaldare le gomme nel modo corretto e si sono ritrovati a completare un ultimo giro con una C39 che non rispondeva alle aspettative.

Ovviamente Giovinazzi si è accontentato di essere davanti al compagno di squadra (distacco di 49 millesimi!), confermando una supremazia che si è concretizzata in tutto il weekend austriaco.

La speranza Alfa Romeo è di migliorare le cose in gara: i due piloti partiranno con le gomme Medie (gialle) per poi passare alle Hard (bianche) con un solo pit stop.

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39
1/10

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39
2/10

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39
3/10

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39
4/10

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo durante la conferenza stampa

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo durante la conferenza stampa
5/10

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39
6/10

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39
7/10

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39
8/10

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

L' Hospitality Alfa Romeo Racing

L' Hospitality Alfa Romeo Racing
9/10

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
10/10

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Mercedes: l'intreccio Hamilton-Wolff conta più dei soldi

Articolo precedente

Mercedes: l'intreccio Hamilton-Wolff conta più dei soldi

Prossimo Articolo

Wolff: "Consolerei tutti in Ferrari, ma non Binotto"

Wolff: "Consolerei tutti in Ferrari, ma non Binotto"
Carica commenti
Chinchero: "Il caldo ha sorpreso tutti, tranne Bottas" Prime

Chinchero: "Il caldo ha sorpreso tutti, tranne Bottas"

In questa nuova podcast di Motorsport.com, Roberto Chinchero e Giacomo Rauli commentato il venerdì di prove libere del Gran Premio d'Ungheria. Buon ascolto!

Piola: "L'estrattore AlphaTauri è fatto da due pelli separate" Prime

Piola: "L'estrattore AlphaTauri è fatto da due pelli separate"

La Formula 1 arriva in Ungheria. In questo nuovo video, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano le novità portate dai team sullo storico tracciato dell'Hungaroring. Siamo solo a giovedì, ma qualcuno ha già svelato qualche particolare dettaglio...

Minardi: "Auguri Alonso, meritavi altri mondiali" Prime

Minardi: "Auguri Alonso, meritavi altri mondiali"

Compie quarant'anni Fernando Alonso. L'asturiano, due volte campione del mondo, è un pilota capace di vincere due titoli mondiali ancora in giovane età per poi raccogliere meno di quanto il suo talento gli avrebbe consentito per i motivi più svariati. Insieme a Gian Carlo Minardi ricordiamo i suoi esordi in Formula 1...

Formula 1
29 lug 2021
F1: i segnali che indicano come la serie goda di ottima salute Prime

F1: i segnali che indicano come la serie goda di ottima salute

Non c'è solo il duello tra Verstappen e Hamilton per la conquista del titolo iridato ad attirare l'attenzione sulla Formula 1. Molti sponsor tecnologici stanno investendo nei team e questo è un segno di un ritrovato interesse che fa ben sperare per il futuro.

Formula 1
28 lug 2021
Ceccarelli: “Si va in Ungheria con un clima surriscaldato” Prime

Ceccarelli: “Si va in Ungheria con un clima surriscaldato”

In questa puntata del Doctor F1, Franco Nugnes e il Dottor Riccardo Ceccarelli ci parlano del clima in vista del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1, dove tanto Mercedes quanto Red Bull arriveranno a nervi tesi. Più che i piloti, a tenere elevata la tensione sono i team principal

Formula 1
28 lug 2021
Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due! Prime

Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due!

Lewis Hamilton e Max Verstappen se le sono suonate in pista a Silverstone, mentre Toto Wolff e Christian Horner continuano a beccarsi a livello mediatico. I due team principal stanno alimentando la rivalità sportiva con comportamenti e dichiarazioni che andrebbero misurati. Quali saranno gli effetti in Ungheria di questi atteggiamenti aggressivi e utilitaristici?

Formula 1
27 lug 2021
F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1 Prime

F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1

Grand Prix 2 e Formula 1 '96 sono due giochi che hanno segnato un'era a cavallo della metà degli anni '90. Titoli di riferimento al momento dell'uscita, possono essere riconosciuti come veri e propri precursori del genere arcade e simulativo che ha aperto la strada ai videogames odierni

Formula 1
27 lug 2021
Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari Prime

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari

Nonostante la giovane età Callum Ilott ha vissuto numerose esperienze nel motorsport. Dopo essere stato scaricato da Helmut Marko, l'inglese ha trovato una seconda opportunità con la Ferrari e adesso punta con decisione ad un ruolo da titolare in F1 nel 2022.

Formula 1
26 lug 2021