Alfa Romeo: Bottas ha firmato un contratto pluriennale

Il pilota finlandese per la prima volta in carriera può programmare la sua presenza in F1 con un accordo che non viene rinnovato anno per anno: Valtteri prende il volante di Raikonen nella squadra di Hinwil e diventa il punto di riferimento del "Biscione": "Sarà un onore per me rappresentare questo marchio. Il potenziale che ho visto ad Hinwil è chiaro: l'obiettivo 2022 sarà di fare un salto di qualità nella griglia".

Alfa Romeo: Bottas ha firmato un contratto pluriennale

Dopo le tante indiscrezioni è arrivata la conferma: Valtteri Bottas sarà al via del campionato Mondiale 2022 con l’Alfa Romeo Racing. La comunicazione ufficiale sottolinea che l’accordo siglato tra le due parti è pluriennale, senza però specificare la durata complessiva del contratto.

Per la prima volta in carriera, Bottas può guardare al futuro nel lungo periodo, dopo nove stagioni vissute in Formula 1 con contratti che non sono mai andati oltre un singolo anno.

L’ultimo ‘big’ del mercato piloti non si è solo assicurato un volante per 2022, ma di fatto si è garantito un futuro in Formula 1 nel lungo periodo.

Per Bottas si tratta di una svolta importante, una sfida che lo vedrà per la prima volta nel ruolo di pilota di riferimento della squadra, un incarico inedito dopo cinque anni vissuti nella veste non facile di compagno di Lewis Hamilton.

Per l’Alfa Romeo l’arrivo di Bottas completa un progetto iniziato lo scorso anno, con la decisione di limitare al minimo gli investimenti sulla monoposto 2021 al fine di puntare tutte le risorse tecniche e finanziarie sulla monoposto che sarà al via la prossima stagione.

La posta in palio è alta, e nel quartier generale di Hinwil sono riusciti ad avere a disposizione un pilota di 32 anni che ha già dimostrato di essere in grado di vincere dei Gran Premi. Il nuovo ciclo tecnico dell’Alfa Romeo Racing prenderà forma intorno a Bottas, che di fatto a fine stagione terminerà ogni legame con Mercedes, Casa a cui è stato legato per oltre dieci anni.

“Si sta aprendo un nuovo capitolo della mia carriera – ha commentato Valtteri - e sono entusiasta di unirmi a Alfa Romeo Racing nel 2022 per affrontare quella che per me sarà una nuova sfida rappresentando una Casa iconica come Alfa Romeo, un marchio che non ha bisogno di presentazioni e che ha scritto alcune grandi pagine della storia della Formula 1".

"Sarà un onore per me rappresentare questo marchio. Il potenziale che ho visto ad Hinwil è chiaro, e sto assaporando l'opportunità di aiutare il team a recuperare posizioni sulla griglia, cercando soprattutto di sfruttare i nuovi regolamenti nel 2022 che offriranno alla squadra la possibilità di fare un salto di qualità”.

“Sono grato per la fiducia che la squadra ha riposto in me – ha concluso Bottas - e non vedo l'ora di poterla ripagare, ho più fame che mai di correre ed ottenere risultati e, quando sarà il momento, competere per la vittoria. Conosco bene Fred (Vasseur) e non vedo l'ora di conoscere il resto della squadra con cui lavorerò.

"Voglio costruire relazioni forti come quelle che ho alla Mercedes. Sono orgoglioso di ciò che ho ottenuto a Brackley e sono completamente concentrato sul finire il lavoro che ci vede in lotta per un altro campionato del mondo, ma non vedo anche l'ora che inizino le nuove sfide che mi attendono il prossimo anno”.

condivisioni
commenti
Report F1: Zandvoort sposta l’ago su Max

Articolo precedente

Report F1: Zandvoort sposta l’ago su Max

Prossimo Articolo

Vasseur: "Con Bottas iniziamo un nuovo ciclo per Alfa Romeo"

Vasseur: "Con Bottas iniziamo un nuovo ciclo per Alfa Romeo"
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021