F1: al GP del Brasile ha debuttato il nuovo sistema di valutazione degli incidenti della FIA

A Interlagos ha debuttato la nuova tecnologia per la sicurezza voluta dalla FIA che consentirà di velocizzare i soccorsi dei medici ai piloti dopo un incidente.

F1: al GP del Brasile ha debuttato il nuovo sistema di valutazione degli incidenti della FIA

Il Gran Premio del Brasile andato in scena nel fine settimana appena trascorso è stato teatro del debutto di una nuova tecnologia di valutazione rapida degli incidenti voluto dalla Federazione Internazionale dell'Automobile.

I dettagli completi del nuovo sistema saranno presentati in una riunione FIA il mese prossimo, ma i delegati medici FIA di Formula 1 Ian Roberts e Alain Chantegret hanno anticipato alcune linee guida del sistema lo scorso fine settimana a Interlagos.

La premessa base è che tutti i dati della telemetria delle monoposto saranno immediatamente inviate al Race Control. Questo permetterà di abbreviare i tempi ed evitare di attendere comunicazioni via radio o feedback video, almeno nelle fasi iniziali.

Si tratta di un sistema che in FIA hanno progettato per più di un anno e certamente non sarà limitato alla sola Formula 1. Questo dovrebbe essere implementato anche nei rally.

"Nel mese di dicembre avremo un incontro a San Pietroburgo e presenteremo una nuova teconologia che abbiamo iniziato a utilizzare già a San Paolo per avere una rapida valutazione tra l'auto medica e la Direzione Gara. Questo è un passo molto importante per la sicurezza".

I responsabili del progetto pensano che velocizzare il processo anche solo di 10 o 20 secondi possa rappresentare una fantastica opportunità per quanto riguarda la sicurezza dei piloti.

Roberts ha spiegato: "Il nuovo sistema permetterà al Race Control di capire immediatamente cosa sia successo e cosa sta succedendo nel punto dell'incidente, dunque anche quali risorse debbano essere mandate sul luogo dell'incidente".

"Gli uomini del Centro Medico possono essere mandati sul posto più velocemente e più in sicurezza di quanto non avvenga ora. Dipende dalla qualità delle informazioni e se possiamo velocizzare tutto anche solo di 10 o 20 secondi è davvero buono".

The crashed car of Marcus Ericsson, Sauber C37 is recovered on Q1

The crashed car of Marcus Ericsson, Sauber C37 is recovered on Q1

Photo by: Manuel Goria / Sutton Images

condivisioni
commenti
Wolff: "I problemi alle gomme non dipendono dal mancato uso dei cerchi forati"

Articolo precedente

Wolff: "I problemi alle gomme non dipendono dal mancato uso dei cerchi forati"

Prossimo Articolo

Toro Rosso: modifiche al bargeboard e ai deviatori di flusso

Toro Rosso: modifiche al bargeboard e ai deviatori di flusso
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021