Formula 1
G
GP del Portogallo
02 mag
Gara in
20 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
24 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
63 giorni
G
GP di Francia
27 giu
Gara in
76 giorni
04 lug
Prossimo evento tra
80 giorni
G
GP di Gran Bretagna
18 lug
Gara in
97 giorni
G
GP d'Ungheria
01 ago
Gara in
111 giorni
G
GP del Belgio
29 ago
Gara in
139 giorni
05 set
Gara in
146 giorni
12 set
Gara in
153 giorni
G
GP della Russia
26 set
Gara in
167 giorni
G
GP di Singapore
03 ott
Prossimo evento tra
171 giorni
G
GP del Giappone
10 ott
Gara in
181 giorni
G
GP degli Stati Uniti
24 ott
Race in
196 giorni
G
GP del Messico
31 ott
Gara in
203 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Gara in
244 giorni

Accordo FIA-Ferrari: quando il silenzio non è assenso

Ci aspettavamo una reazione di Mercedes e Red Bull sul comunicato della FIA che ha annunciato l'accordo con la Ferrari e, invece, fino a ora c'è stato il silenzio dei canali ufficiali. La Federazione Internazionale ha voluto mettere la sordina alle polemiche pensando che solo chi è senza peccato possa scagliare la prima pietra?

Accordo FIA-Ferrari: quando il silenzio non è assenso

Perché la Red Bull non ha aperto i megafoni mediatici di cui dispone dopo l’accordo FIA-Ferrari? A Milton Keynes per il momento hanno scelto il silenzio, dopo essere stati i detonatori delle violente polemiche sulla power unit Ferrari nella seconda parte della stagione 2019.

E l’atteggiamento della Mercedes è stato simile, anche se l’irritazione di Toto Wolff e del presidente Daimler, Ola Kallenius, è solo filtrata attraverso i fedelissimi.

Le vittorie di Charles Leclerc a Spa Francorchamps e Monza avevano indispettito gli avversari. Nel GP d’Italia Lewis Hamilton con la Mercedes W10 non era riuscito a insidiare la testa della gara al monegasco, sebbene fosse in scia della SF90 e avesse il DRS aperto.

È vero che l’ala mobile sui rettilinei dello Stradale è molto meno efficace rispetto ad altri circuiti (con l’aerodinamica a bassissimo carico il DRS può valere solo 6 km/h, mentre la scia può dare fino a 16 km/h di velocità massima), ma la supremazia della Rossa all’analisi dei dati GPS aveva scatenato molte polemiche.

Mattia Binotto aveva parlato di un motore evoluto molto spinto e di un assetto della Ferrari parecchio scarico, ma per gli avversari c’era qualcosa che non quadrava perché nei rettilinei accumulava un vantaggio esagerato.

E poi è iniziato un cannoneggiamento della Red Bull che è culminato con le dichiarazioni di Max Verstappen ad Austin dopo la prestazione incolore delle SF90: "La Ferrari? E' quello che succede quando smetti di barare, ovviamente. Non ne sono affatto sorpreso. Dopo quello che è venuto fuori, questo spiega tutto".

Parole taglienti che avrebbero dovuto portare a una sanzione della Ferrari se verificate o a un provvedimento nei confronti dell’olandese e, invece, non è successo niente. Proprio come adesso.

La FIA non ha trovato alcuna prova per inchiodare la Ferrari, anche se i commissari tecnici avevano ricevuto richieste di chiarimento regolamentare molto dettagliate sulle strategie adottate dai tecnici di Maranello nella gestione della power unit.

Al punto da far sorgere il dubbio che ci potesse essere stata una “fuga” di dati sensibili da Maranello che avrebbero potuto portare ad un’altra spy story dopo quella che aveva coinvolto la McLaren nel 2007.

Insomma la pietra tombale della FIA messa sul passato grazie a un discutibile accordo con la Ferrari (la Federazione Internazionale dovrebbe avere la massima trasparenza e, invece, agisce spesso nell’opacità) forse serve a spegnere anche i “lamenti” degli avversari del Cavallino.

Se la Scuderia si è spinta in zone border line nella gestione della power unit, c’è da chiedersi se c’è qualcuno che possa scagliare una pietra perché era senza peccato? Certo si è scelto un modo strano per mettere la “sordina”, nella speranza di far partire un mondiale che non sia avvelenato dalle polemiche ancora prima di cominciare.

Ma siamo sicuri che il risultato sia raggiunto o ci dobbiamo aspettare ancora delle sorprese...

condivisioni
commenti
Ferrari: prima dell'Australia nessuna iniziativa propria

Articolo precedente

Ferrari: prima dell'Australia nessuna iniziativa propria

Prossimo Articolo

Norris, poco feeling con la MCL35: "Felice? Così così"

Norris, poco feeling con la MCL35: "Felice? Così così"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Team Ferrari , Red Bull Racing , Mercedes
Autore Franco Nugnes
Come la rapida ascesa di Kimi influì sulla carriera di Heidfeld Prime

Come la rapida ascesa di Kimi influì sulla carriera di Heidfeld

L'ascesa di Kimi Raikkonen come stella della Formula 1 fin dagli albori rimane una delle leggendarie storie del 2001, ma le sue imprese hanno avuto un impatto indesiderato sulle prospettive del suo compagno di squadra in Sauber. Vent'anni dopo il suo primo podio in F1 al GP del Brasile, ecco come Iceman ha influito sulla carriera di Nick Heidfeld.

F1: quanto è più veloce di una MotoGP, LMP1 o IndyCar? Prime

F1: quanto è più veloce di una MotoGP, LMP1 o IndyCar?

Siamo abituati a considerare la Formula 1 come la categoria regina dell'automobilismo, quella capace di raggiungere le velocità più elevate in assoluto. Ma sarà davvero così? Andiamo a scoprirlo in questa classifica...

Mercedes: il limite allo sviluppo può diventare un incubo Prime

Mercedes: il limite allo sviluppo può diventare un incubo

La Mercedes è andata via dal Bahrain con la consapevolezza di non avere tra le mani la monoposto di riferimento in griglia, e i limiti allo sviluppo potrebbero trasformare questa stagione in un incubo.

Formula 1
10 apr 2021
Jacques Villeneuve, cinquant'anni...mondiali Prime

Jacques Villeneuve, cinquant'anni...mondiali

Il 9 aprile del 1971 nasce Jacques Villeneuve, Campione del Mondo di Formula 1 1997. Andiamo a rivivere i suoi primi due anni nella massima serie, quelli che lo hanno accompagnato ad entrare nell'elenco delle leggende del Motorsport...

Formula 1
9 apr 2021
Basso Rake: come i regolamenti hanno "penalizzato" la W12 Prime

Basso Rake: come i regolamenti hanno "penalizzato" la W12

Andiamo a scoprire ed analizzare come le modifiche regolamentari al fondo ed al pavimento delle monoposto abbiano influito negativamente sulle performance della Mercedes W12, nonostante la vettura abbia vinto con Lewis Hamilton la gara di apertura in Bahrain

Formula 1
8 apr 2021
Mercedes: il basso rake non funziona o è questione di... fondo? Prime

Mercedes: il basso rake non funziona o è questione di... fondo?

La squadra campione del mondo ha vinto con Hamilton il primo GP 2021, ma è indubbio che la W12 non ha dato l'impressione di essere stata la monoposto più competitiva in Bahrain. Anche l'Aston Martin è parsa sotto tono dopo il cambio delle norme aerodinamiche: i tecnici hanno parlato di particolari difficoltà con l'assetto Rake, mentre la sensazione è che i problemi stiano altrove.

Formula 1
7 apr 2021
Ceccarelli: “Quando i piloti di F1 non curavano la preparazione” Prime

Ceccarelli: “Quando i piloti di F1 non curavano la preparazione”

Torna la rubrica del mercoledì mattina di Motorsport.com. In compagnia del Direttore Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine, in questa puntata di Doctor F1 andiamo a conoscere i segreti dietro la preparazione atletica richiesta a ciascun pilota di Formula 1

Formula 1
7 apr 2021
Piola: "Le F1 2021 giuste le vedremo a Barcellona" Prime

Piola: "Le F1 2021 giuste le vedremo a Barcellona"

Ancora un po' di pazienza e la F1 torna in pista. Nell'attesa del weekend di Imola, andiamo ad analizzare i possibili scenari futuri al netto di quanto visto al GP del Bahrain, in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola

Formula 1
5 apr 2021