Pirelli, attesi due pit stop per la gara

Il fornitore italiano ha riscontrato delle prestazioni in linea con le aspettative

Il pilota della Mercedes, Nico Rosberg, ha conquistato l’ultima pole position della stagione (la sesta di fila) sul circuito Yas Marina di Abu Dhabi, dopo una sessione di qualifica tenutasi nel tardo pomeriggio, con temperature della pista calanti.

Il progressivo calo di temperature ha significato che le prestazioni sono aumentate man mano che la sessione è andata avanti: i tempi migliori si sono registrati alla fine di ogni sessione.

La qualifica è cruciale ad Abu Dhabi, in un Gran premio vinto solo una volta da un pilota non partito dalla prima fila.

Molti piloti hanno utilizzato la supersoft nella Q1, mescola che è di circa 1,2 secondi più veloce rispetto alla soft. Di conseguenza, quasi tutti i piloti arrivati in top 10 non hanno set di supersoft nuove a disposizione. La gomma soft, più durevole, si accinge ad essere la gomma preferita per la gara.

Kimi Raikkonen, Ferrari, è stato l’unico pilota ad utilizzare solo gomme morbide in Q1, ed ha quindi salvato un set di supersoft nuove per la gara. Il finlandese partirà in seconda fila, accanto a Sergio Perez, Force India, che ha disputato una qualifica brillante e partirà dalla quarta posizione.

Dalla Q2, tutti i piloti hanno utilizzato pneumatici supersoft; qualcuno ha limitato i run per salvare il maggior numero di supersoft fresche per la Q3.

Le temperature della pista sono continuate a cadere nel corso di tutta la sessione finale. Tuttavia, l’usura e il degrado degli pneumatici sono stati in linea con le attese in tutte le sessioni, senza fenomeni di graining o blistering su un circuito che si è andato sempre più gommando.

Questo significa che molti piloti opteranno per una strategia a due soste, partendo con le gomme supersoft per poi completare due stint con le morbide.

Paul Hembery, Direttore Motorsport Pirelli: “Ancora una volta, Abu Dhabi ci ha regalato una spettacolare sessione di qualifiche sotto le luci. Abbiamo visto alcune strategie diverse in campo, con Kimi Raikkonen che è stato l’unico ad utilizzare unicamente la soft in Q1, prima di completare un solo run sulla supersoft in Q2. L’usura e il degrado sono esattamente in linea con le nostre previsioni. Ciò significa che sono possibili diverse strategie, anche se ci aspettiamo che la gran parte dei piloti opti per due pit stopCon temperature in continua diminuzione, il muretto dei box sarà costretto a monitorare la situazione e forse ad adattare la strategia in corso d’opera”.

La strategia Pirelli; molto probabilmente la maggior parte dei piloti effettuerà due soste, nel corso dei 55 giri di Abu Dhabi. La strategia più probabile è: partenza con supersoft, poi soft al 10° e al 32° giro. In teoria una strategia a tre soste è la più veloce (inizio con le supersoft, poi soft al 7°, 23° e 29° giro), ma solo con una macchina abbastanza veloce da permettere di sorpassare e guadagnare posizioni in pista, in caso di traffico.

Mescole più veloce in FP3:

1 Rosberg 1m41.856s Supersoft Nuove
2 Hamilton 1m42.137s Supersoft Nuove
3 Vettel 1m42.185s Supersoft Nuove

Pneumatici usati dai top 10:

Rosberg 1m40.237s Supersoft Nuove
Hamilton 1m40.614s Supersoft Nuove
Raikkonen 1m41.051s Supersoft Nuove
Perez 1m41.184s Supersoft Nuove
Ricciardo 1m41.444s Supersoft Nuove
Bottas 1m41.656s Supersoft Nuove
Hulkenberg 1m41.686s Supersoft Nuove
Massa 1m41.759s Supersoft Nuove
Kvyat 1m41.933s Supersoft Nuove
Sainz 1m42.708s Supersoft Nuove

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Gran Premio di Abu Dhabi
Sub-evento Gara domenicale
Circuito Yas Marina Circuit
Piloti Kimi Raikkonen , Nico Rosberg
Team Ferrari , Mercedes
Articolo di tipo Preview