F1 | 5 posizioni di penalità per Verstappen, Sainz salvo

L'olandese della Red Bull è stato punito con l'arretramento di 5 posizioni in griglia per non aver rallentato in regime di doppia bandiera gialla. Bottas punito con l'arretramento di 3 posizioni, mentre Sainz non è stato penalizzato.

F1 | 5 posizioni di penalità per Verstappen, Sainz salvo

Cambia la griglia di partenza del GP del Qatar. Il collegio dei commissari ha infatti deciso di punire con l’arretramento di 3 posizioni Valtteri Bottas per non aver rallentato in regime di bandiera gialla nel corso delle qualifiche andate in scena nella serata di ieri a Losail, mentre ha inflitto l’arretramento di ben 5 posizioni sulla griglia a Max Verstappen per non aver alzato il piede in regime di doppia bandiera gialla.

Tutto è accaduto nei minuti finali della sessione quando Pierre Gasly, in uscita da curva 15, ha colpito violentemente il cordolo esterno distruggendo così l’ala anteriore. I frammenti hanno a loro volta hanno provocato la foratura dell’anteriore destra ed il francese è stato costretto ad arrestare la monoposto a bordo pista sul rettilineo principale.

I commissari di percorso hanno immediatamente esposto le bandiere gialle (doppia gialla nel caso di Max ndr), ma i pannelli luminosi e le indicazioni sul dashboard delle singole vetture non si sono attivati continuando a segnalare pista green.

Verstappen ha così migliorato di poco il proprio riferimento confermandosi però non in grado di attaccare il crono ottenuto da Hamilton, mentre Bottas non ha ottenuto un miglioramento nei tempi.

Leggi anche:

Max, Valtteri ed anche Sainz si sono dovuti presentare questa mattina presso il collegio dei commissari per esporre le rispettive ragioni, ma nonostante il caos tra l’esposizione delle bandiere gialle e le segnalazioni “verdi” dei pannelli luminosi si è deciso di punire l’olandese della Red Bull ed il finlandese della Mercedes.

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21

Photo by: Jerry Andre / Motorsport Images

Graziato invece Carlos Sainz. Anche lo spagnolo della Ferrari era finito nel mirino dei commissari, ma dopo essere stato ascoltato dal collegio è stato ritenuto non punibile.

Sainz ha spiegato di non aver visto le bandiere gialle ma di aver alzato il piede dall'acceleratore quando si è accorto della vettura di Gasly ferma a bordo pista riducendo così in modo significativo la velocità nel micro settore. 

I commissari, dopo aver analizzato la telemetria, hanno confermato la versione dello spagnolo. Alla luce delle decisioni recenti la griglia di partenza è stata stravolta.

Hamilton prenderà il via dalla pole con al suo fianco Pierre Gasly, mentre Fernando Alonso e Lando Norris occuperanno la seconda fila. Sainz è stato promosso in quinta piazza, mentre Bottas è retrocesso in sesta.

Max Verstappen, invece, dovrà prendere il via dall'ottava posizione con al suo fianco Yuki Tsunoda.

condivisioni
commenti
Strategie GP Qatar: la hard condiziona le scelte nei due stop
Articolo precedente

Strategie GP Qatar: la hard condiziona le scelte nei due stop

Prossimo Articolo

LIVE Formula 1 | Gran Premio del Qatar: Gara

LIVE Formula 1 | Gran Premio del Qatar: Gara
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021