Formula 1
09 mag
Prossimo evento tra
60 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
98 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
109 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
116 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
130 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
144 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
172 giorni
02 set
Prossimo evento tra
179 giorni
09 set
Prossimo evento tra
186 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
200 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
207 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
214 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
228 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
235 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
271 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
280 giorni

Eggington: "Ora andiamo nella galleria della Red Bull"

Il direttore tecnico dell'AlphaTauri ha spiegato come la squadra di Faenza ha sfruttato i due token di sviluppo sulla AT02, rinunciando ad aggiornare cambio e sospensione posteriore sebbene le regole lo concedessero alle squadre clienti. Jody ha rivelato anche che si aspetta un salto di qualità nella ricerca aerodinamica visto che il team adesso lavoro nel wind tunnel di Milton Keynes.

Eggington: "Ora andiamo nella galleria della Red Bull"

Il muso stretto è sicuramente l’elemento nuovo che più colpisce della AlphaTauri AT02. La nuova monoposto di Faenza nasce da una base buona, visto che l’anno scorso Pierre Gasly è riuscito a vincere il GP d’Italia a Monza. Per scoprire cosa è cambiato sulla vettura romagnola abbiamo chiesto al direttore tecnico, Jody Eggington.

La FIA Ha introdotto una serie di limitazioni sull’aerodinamica che dovrebbero ridurre il carico del 10%: state recuperando la downforce?
“Con le nuove regole che hanno mirato a una riduzione del carico aerodinamico, ci sono state imposte una serie di modifiche che abbiamo dovuto apportare al fondo, al diffusore e alle brake duct posteriori: tutto ciò ha richiesto molto lavoro per ottimizzare le parti a questi cambiamenti”.

“Il lavoro svolto per sviluppare la nostra vettura 2021 va ben oltre il rispetto delle modifiche normative e ha comportato delle modifiche a quasi tutte le superfici aerodinamiche. Non solo ma abbiamo ridisegnato diverse parti non visibili della vettura”.

“Abbiamo speso molto tempo per recuperare le perdite aerodinamiche dettate dalle nuove regole, e lo sviluppo proseguirà durante la stagione, visto che abbiamo deciso una suddivisione delle risorse tra i progetti 2021 e 2022, modulandoli per massimizzare il potenziale di entrambi i progetti”.

Le restrizioni dovute al Covid hanno avuto un impatto sulle normali procedure interne?
“Non appena la situazione dovuta al Covid è diventata chiara, abbiamo modificato le nostre procedure e i metodi di lavoro, che sono processi in costante revisione, soprattutto perché disponiamo della factory in Italia e una struttura anche nel Regno Unito”.

“Credo che la squadra si sia adattata abbastanza bene a convivere col virus. L’aumento dello smart-working è stato parte della strategia che abbiamo adottato, ma è stato ben implementato e le persone hanno reagito bene alla sfida. Tutti nel team hanno lavorato duramente per adattarsi a una situazione che si evolve”.

“Recentemente abbiamo trasferito i nostri aerodinamici dalla galleria del vento di Bicester (con modello al 50%) al wind tunnel dalla Red Bull (che lavora al 60%). Anche questo è stato un passaggio importante che ci permette di affinare la ricerca. Il gruppo di lavoro di Bicester è stato bravo perché ha limitato qualsiasi fermo della ricerca aerodinamica al minimo”.

“Un aspetto fondamentale nello sviluppo della AT02 sarà vincolato a quanto tempo e risorse dedicheremo a questa macchina e a quella del 2022. Abbiamo imparato a essere molto flessibili, ma nei test aerodinamici bisognerà essere più efficienti che in passato”.

Leggi anche:

La AT01 è parsa una buon a macchina: sarà il punto di partenza della nuova…
“Sì, credo che la AT01 sia stata la migliore macchina prodotta dal team. La STR14 non era una brutta monoposto, ma quella del 2020 è cresciuta molto bene durante la stagione e le sue prestazioni sono state il frutto del duro lavoro di tutti coloro che sono stati coinvolti nel progetto”.

“La AT02 beneficia dei due gettoni di sviluppo concessi dalla FIA. Riteniamo che il telaio e il propulsore forniscano una buona base di riferimento, quindi per il 2021 abbiamo speso i nostri token altrove”.

Le nuove gomme Pirelli che impatto hanno avuto sulla monoposto 2021?
“I cambiamenti che la Pirelli ha deciso di fare derivano da quanto hanno imparato sulla durata degli pneumatici l’anno scorso. Non bisogna dimenticare che la gomma 2020 era essenzialmente un pneumatico 2019, mentre le monoposto sono state sviluppate molto, quindi non ci sorprende che siano stati fatti degli interventi”.

“Abbiamo provato le nuove gomme e crediamo di avere una buona comprensione di come funzionano rispetto al pneumatico 2020. La costruzione è diversa, e questo dovrebbe consentire alla Pirelli di dare più libertà nella scelta delle pressioni minime di gonfiaggio. Questa è una buona cosa, poiché la pressione è sempre un argomento molto sensibile sulle prestazioni”.

Quali sinergie con Red Bull Technology avete sfruttato nella produzione della AT02?
“Il cambio, le sospensioni posteriori e alcuni componenti delle sospensioni anteriori per il terzo anno ci sono fornite da Red Bull Technology. Sulla vettura 2021 abbiamo scelto di mantenere le sospensioni posteriori e la scatola del cambio dello scorso anno”.

“Abbiamo scelto di utilizzare i nostri due token per introdurre un nuovo muso e per ridisegnare la parte esterna della sospensione anteriore. E così abbiamo potuto aggiornare anche alcuni componenti dello sterzo che sono forniti da Red Bull Technology, portandoli alle specifiche del 2020, come è concesso dal Regolamento Tecnico”.

Quale sarà la perdita nelle prestazioni con i tagli dell’aerodinamica?
“Abbiamo lavorato molto duramente per recuperare le prestazioni perse e anche per migliorare la mappa aerodinamica dell'auto. Quanto sarà veloce la nostra macchina? Non vorrei azzardare un numero preciso, ma nel complesso, tenendo conto di tutto, direi che probabilmente vedremo delle performance simili a quelle di metà 2020”.

Cosa possiamo aspettarci dalla Honda nella sua ultima stagione in F1?
“La Honda ci offre una nuova power unit per quest'anno e, quindi, abbiamo colto l'opportunità per sviluppare il packaging attorno ad essa. Honda è molto determinata a spingere fino alla fine del 2021 e siamo sicuri che il propulsore continuerà a fornire tutto ciò che è necessario”.

condivisioni
commenti
AlphaTauri AT02: ecco la scheda tecnica

Articolo precedente

AlphaTauri AT02: ecco la scheda tecnica

Prossimo Articolo

F1 2021: Pirelli svela le scelte di gomme per tutti e 23 i GP!

F1 2021: Pirelli svela le scelte di gomme per tutti e 23 i GP!
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Pierre Gasly , Yuki Tsunoda
Team Alpha Tauri
Autore Franco Nugnes
Williams FW43B: come uscire dalla sindrome di essere ultima Prime

Williams FW43B: come uscire dalla sindrome di essere ultima

La Williams è pronta ad affrontare il nuovo mondiale 2021. Lo dimostra, presentando la FW43B, la monoposto che rappresenta la speranza della rinascita del team fondato da Sir Frank Williams...

Ocon è pronto ad affrontare il duello interno con Alonso? Prime

Ocon è pronto ad affrontare il duello interno con Alonso?

Il pilota francese ha vissuto un 2020 dai due volti ed è riuscito a crescere nel finale di stagione. Esteban dovrà mantenere questo slancio se vorrà tenere a bada un agitatore di uomini come Fernando Alonso.

Perché l'arrivo di Aston Martin in F1 è molto più di una livrea Prime

Perché l'arrivo di Aston Martin in F1 è molto più di una livrea

La presentazione più attesa della Formula 1 era sicuramente quella della Aston Martin e i cambiamenti dicono che c'è molto di più di una fantastica livrea, perché l'idea è quella di creare solide fondamenta, più che ripartire da un team già avviato.

Formula 1
5 mar 2021
Perché la Haas sta sacrificando la sua stagione 2021 Prime

Perché la Haas sta sacrificando la sua stagione 2021

La Haas affronterà il 2021 senza portare alcun aggiornamento aerodinamico sulla sua monoposto. Il team ha deciso di puntare tutto sul 2022, preservando le risorse economiche. Sarà la scelta giusta?

Formula 1
5 mar 2021
Aston Martin AMR21: è l’arma di Vettel per tornare grande? Prime

Aston Martin AMR21: è l’arma di Vettel per tornare grande?

L'Aston Martin AMR21 è la monoposto che segna il rientro del costruttore inglese in Formula 1. I punti di contatto con Mercedes W11 e W12 sono evidenti, a prima vista, ma andando nello specifico vediamo come certe soluzioni abbiano preso direzione propria. Sarà la monoposto che permetterà a Sebastian Vettel di potersi rilanciare dopo ultime stagioni opache in Ferrari?

Formula 1
4 mar 2021
Alpine A521: può essere l’arma vincente di Alonso? Prime

Alpine A521: può essere l’arma vincente di Alonso?

L'Alpine A521 succede alla Renault R.S.20, andando a riprenderne molti dei punti di forza senza tuttavia evolverli. Andiamo a conoscere più da vicino il team di Enstone che riporta in F1 Fernando Alonso e che, in questa stagione, sarà diretto da Davide Brivio

Formula 1
4 mar 2021
F1 Stories: Lella Lombardi, l'unica Prime

F1 Stories: Lella Lombardi, l'unica

Il 3 marzo del 1992 ci lasciava Lella Lombardi, l'unica donna a conquistare punti nella storia della Formula1. Riviviamo la sua storia, la sua impresa, e il suo più grande amore: le corse.

Formula 1
3 mar 2021
Mercedes W12: estremizzare per continuare a dominare Prime

Mercedes W12: estremizzare per continuare a dominare

La Mercedes W12 è una monoposto che va ad estremizzare alcuni concetti visti sulla W11 ma anche sulla concorrenza. Gli attenti uomini guidati da James Allison sono andati alla ricerca del carico perduto - per motivi regolamentari - al retrotreno, massimizzando l'effetto Coanda. Ma non solo...

Formula 1
3 mar 2021